COVID-19: Current situation

Engadina cap. VI: Piz Languard, Chamanna Georgy, Chamanna Paradis


Published by rochi , 20 August 2013, 15h52.

Region: World » Switzerland » Grisons » Oberengadin
Date of the hike:19 August 2013
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: CH-GR 
Time: 6:30
Height gain: 1550 m 5084 ft.
Height loss: 1550 m 5084 ft.
Access to start point:Parcheggio della stazione a Pontresina o parcheggi più in centro, oltre il ponte.
Accommodation:Innumerevoli a Pontresina. Chamanna Paradis Chamanna Georgy

È ancora buio mentre guido da Sils Maria verso Saint Moritz e il cielo, che qualche istante prima sembrava terso in un baleno si copre di nuvole. Con un groppo in gola, pigiando sull’accelleratore, supero il bivio per Suvretta e con esso la destinazione di giornata che avrebbe dovuto essere (almeno) il Piz Julier. Forza dell’età, o forse di una ritrovata saggezza, le parole di turistalpi ("se c’è il tempo brutto, il Julier non si fa, la cresta con le catene è troppo pericolosa") mi inducono a non rischiare.
Verso Pontresina, si apre una finestra di cielo azzurro albeggiante, così opto per la vetta di riserva, il piz Languard e poi si vedrà, cos’altro aggiungere.
Parcheggio alla stazione ferroviaria e mi avvio su asfalto verso il centro di Pontersina seguendo i numerosi pannelli segnavia. All’altezza dell’hotel Rosatch, salgo a sinistra e punto la stazione di base della seggiovia, dove, nei pressi  della chiesetta di Santa Maria, inizia il sentiero che risale una costa erbosa probabilmente solcata dalla piste da sci in inverno.
Il tracciato sale con pendenze decise e le numerose possibilità di tagliare dritto per dritto non migliorano la situazione ma, in breve, si esce alla Bergstation, la stazione a monte della seggiovia.
Da qui, sempre guidato da ottime indicazioni, mi immetto su un lungo traverso che, in diagonale, risale il versante sinistro della Valle Languard. Sull’altro versante,è visibile la Chamanna Paradis.
Un elicottero risale veloce da valle e si dirige sul Languard, ancora nascosto. Nel tempo che ho impiegato per superare 150 m di dislivello questo uccello di metallo ha fatto su e giù dalla valle per tre volte: totale 4500 m di dislivello positivo in una ventina di minuti. Potenza della tecnica, potenza del petrolio.
Più salgo, più si apre la vista sulle montagne circostanti. In particolare i giganti della zona del Bernina sono ben visibili e, naturalmente, impressionanti. Il versante opposto sopra  San Moritz, a parte qualche istante, rimane coperto dalle nuvole e questo mi consola e mi conforta dopo la decisione di rimandare il Julier.
Arrivo dunque al bivio che, a sinistra, mi immette sul tracciato finale che sale alla Chamanna Georgy e dunque alla vetta del Languard. Questo è l’unico tratto nel quale occorre porre un minimo di attenzione a dove si poggiano i piedi. Qualche restringimento del sentiero, qualche tratto piuttosto esposto, qualche roccia da superare con l’aiuto delle mani ma nulla di più. Il Languard è probabilmente il 3000 più facile sinora affrontato . La valutazione T3 è appunto giustificata dalla salita dell’edificio sommitale, altrimenti sicuramente T2.  Ciò non deve tuttavia indurre in tentazione escursionisti inesperti o poco allenati. Un 3000 è sempre un 3000 e va affrontato con il dovuto rispetto.
Giunto alla capanna posta a 3175 m, la ignoro e vado direttamente in vetta, bel quadrato pianeggiante dove staziona un trigonometrico. Per la prima volta il sole si fa caldo (sono le 8.45 del mattino) e la permanenza è veramente piacevole. Soliti rituali di vetta e uno sguardo verso Diavolezza: la zona è densa di nuvole, pertanto, per la seconda parte della gita, abbandono un progetto  (un po’ folle a dire il vero) che mi era venuto in mente durante la salita. Scendo e costruisco il progetto definitivo: durante la discesa, visiterò quante più capanne possibile.
La prima è la più ovvia e a portata di mano: la Chamanna Georgy. Il gestore, Claudio è un ragazzo gentile, disponibile e simpatico, affatto associabile allo stereotipo del capanaro burbero. La capanna è un gioiello, il caffè buonissimo, i prezzi competitivi se si pensa che ogni cosa che arriva quassù, ci arriva con l’elicottero.
Scendo veloce ma con la dovuta cautela. Al bivio sottostante volto a sinistra su sentiero segnalato per la Chamanna Paradis e arrivo sul fondo della valle Languard in ambiente idilliaco cosparso di Eriofori, solcato da torrente e abitato a abbondanti bovini di diverse razze (tra cui Angus). Le marmotte non mancano, osservato in lontananza qualche stambecco.
Con una breve risalita sul versante opposto giungo alla Chamanna Paradis e, senza tergiversare, percorro la larga cresta erbosa in direzione della stazione della seggiovia perché il prossimo obiettivo vorrebbe essere la Chamana Segantini.
In questo punto comincia a piovere, dapprima leggermente, poi, complice il cielo che si fa sempre più nero, in modo copioso. A malincuore, devo dunque troncare l’ultima parte del progetto e scendere, anche di buona lena se non voglio andare a mollo. A un bivio in zona Alp Languard, prendo a sinistra verso Pontresina evitando di tornare alla seggiovia e comincio la discesa (piuttosto bagnata) dentro un bel bosco. I comodi tornanti e il fondo pulito mi permettono una progressione veloce che mi consente, entro mezzogiorno, di rifugiarmi all’auto tra un scroscio e l’altro.
Gita bella in ambienti di prima classe con l’aggiunta di una vetta di grido in Engadina. Il maltempo ha limitato gli obiettivi  faraonici che mi ero dato ma forse la frequentazione della montagna serve anche ad imparare ad accettare la rinuncia verso certe idee di grandezza che a lungo andare potrebbero rivelarsi nocive.
Il dislivello tiene conto della discesa alla valle Languard e risalita alla Chamanna Paradis.
Tempi comprensivi di soste, in particolare sulla vetta e alla Chamanna Georgy (circa 1 h) dove è un piacere rimanere.
Sviluppo: 18 km circa; SE: 33.5 km circa.

Hike partners: rochi


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window

T2
T3
10 Jul 11
Piz Languard m.3261,86 · Alberto
T2
19 Jul 16
Piz Languard mt 3262 da Pontresina · turistalpi
T2
T3
6 Aug 18
Hoch hinaus · DanyWalker

Comments (6)


Post a comment

turistalpi says: Piz Languard
Sent 20 August 2013, 16h39
Ciao Rocco e complimenti per la salita al Languard. Mi spiace che tu non abbia trovato un giorno migliore per completare il bel lungo tour che avevi progettato e che dati i tempi avresti senz'altro terminato.La capanna Segantini come lo Julier sarà per un'altra volta.....Comunque qualche scorcio di panorama l'hai visto....Penso che non sarà l'unica tua vacanza in Engadina e quando tornerai se vuoi fammi un fischio che eventualmente mi farà sempre piacere accompagnarti da buon vecchietto (sempre se non ti farò attardare troppo data l'età).......Ciao e buona continuazione Enrico

rochi says: RE:Piz Languard
Sent 21 August 2013, 16h54
Grazie Enrico. Quando si ripresenterà l'occasione, molto volentieri ti contatterò per un'altra gita insieme.
Ciao.
Rocco.

peter86 says:
Sent 20 August 2013, 18h11
Peccato per la pioggia che ti ha impedito di compiere l'intero giro, sarà una buona scusa per tornare in Engadina!
Comunque anche così è davvero una splendida escursione!
Complimenti
Pietro

rochi says: RE:
Sent 21 August 2013, 16h55
Grazie Pietro.
Diciamo che quest'anno ho fatto un'introduzione all'Engadina che, gioco forza, necessita approfondimenti.
Ciao.
Rocco.

gbal says:
Sent 21 August 2013, 21h21
Spero che tu torni in fretta perchè sei già al cap. VI; di questo passo potresti scrivere che so: "La mia Engadina" per intero e poi....lascia qualche vetta anche agli altri!
Tutta invidia la mia.
Vai alla grande Rochi, complimenti!
Ciao

rochi says: RE:
Sent 21 August 2013, 22h03
Grazie Giulio,
per questa volta mi accontento anche se mi resta un po' di rammarico nell'aver dovuto rinunciare a Julier&Nair come era nei progetti.
Sarà alla prossima, magari in compagnia.
Ciao.


Post a comment»