Lago di Fojedora dal Lago di Braies (Val Pusteria)


Published by Vatar , 21 September 2012, 09h33.

Region: World » Italy » Trentino-South Tirol
Date of the hike:11 September 2012
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Height gain: 900 m 2952 ft.
Height loss: 900 m 2952 ft.
Access to start point:Dalla statale della Val Pusteria, salire all'indicazione Braies, che si trova a metà strada tra Monguelfo e Villabassa, in circa 10' si arriva al Lago di Braies dove si trovano i tre parcheggi a pagamento (5 euro).
Maps:Tabacco n.031, scala 1:25000

Dopo avere tonificato i muscoli con la bici, oggi diamo inizio alle scarpinate.
Siccome siamo rimasti affascinati dalle riprese televisive del Lago di Braies (fiction RAI “Un passo dal cielo”) abbiamo l’intenzione di verificare di persona se corrispondono alla realtà, inoltre siccome non possiedo carte topografiche della zona, mi avvalgo dell’incredibile tecnologia di Google Earth organizzando un’escursione interessante, che andiamo a descrivere:
 
Con breve spostamento in auto da Dobbiaco arriviamo al lago di buon mattino, siamo tra i primi escursionisti, solo la troupe televisiva è già all’opera; dopo aver costeggiato la sponda occidentale, imbocchiamo il sentiero n° 19 che si addentra nella Val di Foresta e dopo 30’ arriviamo all’omonima malga, segue la lunga percorrenza della valle con uno sviluppo semicircolare, in questo lungo tratto siamo colpiti dalla differenza morfologica rispetto alle nostre zone, la vegetazione è costituita principalmente da pini mughi, e la fisionomia delle rocce è completamente diversa, ma quello che ci colpisce di più sono le colate ghiaiose prodotte dallo sfaldamento calcareo che arrivano fino a toccare il  fondovalle.
Raggiungiamo così la bella radura di Casera Vecchia, dove come da una favola sbuca una baita in stile tirolese con tanto di scultura lignea di ottima qualità, qua inizia la salita che si sviluppa nel bosco di alto fusto, il sentiero è molto curato, nei tratti più ripidi sono stati posizionati dei gradini in legno, mentre  il fondo è costituito da fine ghiaino, sinceramente non ho mai capito se si crea naturalmente o viene posizionato…
Dopo un tratto decisamente ripido sbuchiamo nella bella conca prativa dov’è ubicato il Rifugio di Fojedora (2114 m),  la vegetazione è finita il posto è stato preso da numerosi animali al pascolo, che ci danno il benvenuto con il suono dei loro campanacci,
Proseguiamo l’ascesa in direzione ovest con alcuni saliscendi fino al Passo Somamunt, che mette in comunicazione il comune di Braies di Pusteria con San Vigilio di Badia, ora non ci rimane che scovare il Lago di Fojedora (2252 m), compito affidato al GPS grazie al WPT creato in fase di pianificazione.
Dopo aver scattato alcune foto decidiamo di tornare nei dintorni del rifugio per consumare il nostro spuntino, poi con tutta calma ritorniamo al Lago di Braies che, rispetto a questa mattina si è animato decisamente, purtroppo il reportage fotografico previsto è compromesso dalle condizioni di luce negative, in quanto le angolazioni migliori sono tutte controluce.
Completiamo il perimetro del lago costeggiando la sponda orientale, su un sentiero scalinato di grande effetto ricavato sul ripido versante del Grande e Piccolo Apostolo, mentre la sponda sud è dominata dall’imponente Croda del Becco un parete dolomitica verticale alta 2810 m.
Possiamo quindi affermare che le aspettative sono state ampiamente ripagate!
 
Dati GPS: Sviluppo escursione 21 Km
                   Dislivello effettivo 900 m
 
Dati Lago di Braies: Misura 1200 m x 350 m
                                      Profondità max 36 m
                                      Profondità media 17 m
                                      Origine: franosa
                                      Immissari: Rio Braies

Hike partners: Vatar


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (11)


Post a comment

beppe says: STUPENDO
Sent 21 September 2012, 10h53
Ciao Adriano veramente bello ci sono stato tanti anni fa.
un saluto a te e tua moglie
spero di vederti presto
Beppe

Vatar says: RE:STUPENDO
Sent 21 September 2012, 11h02
Ciao Beppe

che piacere sentirti, ti ringrazio, sono davvero bei posti, purtroppo un po' lontani, ma sono dell'idea che ogni escursionista ci debba andare per osservare queste differenze con le nostre zone, poi il discorso se sono + o - belli è sempre opinabile.

P.S. Certo che il Lago di Matogno rispetto al Lago di Fojedora è ben diverso...

Saluti anche a voi.

Adry

veget says:
Sent 21 September 2012, 21h49
Ciao Adry,mi sembrava strano non vedere qualche altra Tua"cosina" ,delle Dolomiti.Ed ecco la sorpresa......Le foto, nonostante le Tue perplessità,sono stupende.Ogni tanto uscire dal proprio recinto,permette di gustare cibi diversi. E questi lo sono .Magari ne vedremo altre? Speriamo......Complimenti. Eugenio

Vatar says: RE:
Sent 22 September 2012, 09h59
Ciao Eugenio

grazie per il tuo bel commento, mi piace l'espressione" uscire dal proprio recinto" hai perfettamente ragione, come ho scritto sopra, è importante ogni tanto uscire dai confini, certi paradisi montani meritano di essere visti.
Per quanto riguarda le foto sinceramente sono deluso, l'obiettivo principale era il Lago di Braies, ma mi soono accorto già alla mattina che la situazione era compromessa, le uniche belle foto le puoi fare a metà mattinata con orientamento nord-sud, oltretutto quando siamo scesi il cielo si è coperto...quindi sono venute a mancare le luci giuste che è la componente essenziale della fotografia.
Sto preparando un'altra relazione...

Adry

veget says: RE:
Sent 22 September 2012, 10h32
Grazie.Per quanto riguarda i pregi delle foto,non possiedo la Tua finezza, per cui........ la Tua prossima non mi scapperà!!!!!A presto P.S. sto preparando la mia ultima Ciao Eu.

gbal says:
Sent 22 September 2012, 21h39
Caro Adry, non so perchè ma la prima cosa che ho pensato leggendo la tua bella e curata descrizione è: "L'erba del vicino è sempre più verde". Credo che anche i locali della Val Pusteria potrebbero osservare delle interessanti beltà se venissero a visitare le nostre regioni.
Forse la verità è che il bello (e ahimè il brutto) sono dappertutto ma che fa bene a cuore e spirito obbedire allo spirito errante innato nell'uomo e ogni tanto mettersi in viaggio.
Ciao e.....buon ritorno!

Vatar says: RE:
Sent 25 September 2012, 11h57
Ciao Giulio

la frase "L'erba del vicino è sempre più verde" mi viene spesso alla mente, e particolarmente quando mi trovo in queste zone, ma se dovessi scegliere come bellezza opterei sicuramente senza dubbi per la Val d'Ossola, a mio parere la frase in questione è dettata dall'argomento aperto da Eugenio e che hai evidenziato anche tu "ogni tanto uscire dal recinto fa bene".
Stranamente non sono d'accordo con te a riguardo dei locali della Val Pusteria, che devono imparare da noi, ritengo che sia l'esatto contrario, la mia amata terra deve solamente imparare dal Trentino, da noi si parla tanto di turismo ma l'unica cosa che sappiamo fare bene e fregare i pochi turisti che arrivano e questo mi fa veramente arrabbiare...

Grazie Giulio

Adry

gbal says: RE:
Sent 25 September 2012, 12h02
Adry, c'è stato un equivoco.Se rileggi quanto ho scritto vedrai che non ho detto che i Trentini devono imparare ma che potrebbero apprezzare. Ci mancherebbe: io sono Trentino al 50% :):):)
Ciao
Giulio

Vatar says: RE:
Sent 25 September 2012, 12h28
Ciao Giulio

scusami tanto...ho frainteso :(:(:( vero quello che dici, infatti ogni volta ci dicono che noi abbiamo la fortuna di avere le cime più alte, loro non hanno i 4000, e ci chiedono informazione a riguardo del Monte Rosa.

Adry

andrea62 says:
Sent 23 September 2012, 09h02
In due vacanze in val Pusteria ho trascurato la Val di Foresta, attratto da mete più conosciute, ma sapevo che meritava almeno una giornata.
Ciao
Andrea

Vatar says: RE:
Sent 25 September 2012, 12h06
Ciao Andrea

questa escursione è stata pianificata in modo diverso dal solito, mentre mi stavo guardando il Lago di Braies tramite Google Earth, ho scorto questa bella e lunga valle che s'incuneava verso ovest, la cosa mi ha incuriosito, fatti due calcoli ho deciso che era fattibile e l'abbiamo messa in pratica, si è rivelata molto interessante, pensa che quando abbiamo detto in Hotel dove andavamo non la conoscevano neppure...

Grazie dell'intervento.

Adry



Adry


Post a comment»