Ferrata Gabi


Published by paoloski Pro , 9 April 2012, 19h14. Text and phots by the participants

Region: World » Switzerland » Valais » Oberwallis
Date of the hike: 9 April 2012
Hiking grading: T1 - Valley hike
Via ferrata grading: AD
Waypoints:
Geo-Tags: CH-VS 
Time: 2:00
Height gain: 220 m 722 ft.
Height loss: 220 m 722 ft.
Access to start point:Autostrada A26 per Gravellona Toce, superstrada per il Passo del Sempione, passata la dogana svizzera a Gondo proseguire fino oltre le gole, prima di entrare in Gabi, superata una breve galleria, si trova il parcheggio sul lato sinistro della strada.
Access to end point:Si ritorna a Gabi tramite un sentiero attraverso il Bleikiwald.
Accommodation:Alberghie pensioni sia in Italia che in Svizzera, Ospizio al passo del Sempione.
Maps:CNS 1309 Simplon e CNS 274 Visp

Pasquetta...la maggior parte dei soci sono impegnati in epiche grigliate, considerato che aborro la carne alla griglia cerco qualcuno per andare in montagna, Monica, vegetariana convinta è senz'altro della partita, Mauro ed Antonella sono anche loro maggiormente propensi all'attività in montagna. Che fare? Scialpinismo + ciaspole o una ferrata? Alla fine la volontà di fare qualcosa che accomuni tutti (ed anche quella di evitare una levataccia) ci fa propendere per la ferrata: quella di Gabi dovrebbe essere esposta al sole e riparata dal vento. Le relazioni che si trovano in rete sono alquanto contraddittorie: chi la giudica difficile, chi una pascolata...l'anno scorso Daniela, Nadia ed Elio erano venuti a provarla per vedere se potesse essere adatta al corso d'introduzione alla montagna trovandola però un po' troppo ostica come prima ferrata per un corso ma comunque aerea e divertente.
Vabbè vada per questa, ritrovo alle 9 alla pesa di Azzate, un orario da signori!
Arrivati a Gabi parcheggiamo a lato della strada in una larga piazzola, il segnale giallo che indica la ferrata si trova proprio accanto allo sbocco della galleria stradale e da lì un sentierino porta all'attacco. Così facendo però si evita il ponte tibetano, per percorrerlo occorre scendere alla cava e attraversare il fiume su un ponte per poi riattraversarlo sui cavi del ponte tibetano. Decidiamo di soprassedere e di attaccare subito la ferrata.
Si parte con un traverso ascendente cui segue un breve risalto verticale, fin qui siamo sul tranquillo, più sopra un erto sentierino porta a superare lo sperone roccioso esposto ad Est su cui corre la ferrata. Siamo circondati da fiori: una vera esplosione di quelle che ritengo essere una varietà di Primula (forse l'Hirsuta). Percorriamo alcune aeree cengiette e poi iniziamo a salire veramente, una gran sequenza di scale, i tratti con i classici scalini a C si alternano a fittoni (però con la punta ripiegata, non come gli spuntoni della ferrata Diavolo di Andermatt), qualche tratto è un po' strapiombante e soprattutto "obliquo": tende a portarti su un lato, comunque abbastanza tranquillo.
Raggiungiamo la cassetta per le donazioni dove si trova anche il libro di via, lo compiliamo e ripartiamo. Dopo una cengia inizia una sequenza di scalini senza soluzione di continuità, non mollano mai ed anche qui c'è qualche tratto strapiombante, diciamo che portare qui gli allievi del corso sarebbe altamente problematico: se qualcuno si fa prendere dal panico o se arriva in questo tratto senza più forza nelle braccia si rischia di far notte!
Comunque tutto ha una fine, vediamo che la pendenza si addolcisce e capiamo di essere fuori. Un sentierino finale ci porta ad una stradina asfaltata, guardiamo l'ora: ci abbiamo impiegato un'ora e 30 minuti, decidiamo di salire un tratto della stradina e cercare un posto tranquillo per mangiare. Arriviamo ad una magnifica baita riattata a casa di vacanza con un'incongrua cabina telefonica inglese poco distante, più avanti però troviamo un angolo idilliaco: la chiesetta di Santa Maria a Bleiki, così ci fermiamo a fare il nostro picnic di pasquetta con una magnifica vista su Simplondorf e le cime circostanti.
Dalla chiesa un bel sentiero si abbassa nel Bleikuwald fino a raggiungere Gabi dove ci divertiamo ad osservare le decine di folletti e gnomi che il proprietario di una casa ha usato per adornare il suo giardino e la sua pozza d'acqua, stracolma di trote.

Bella ferrata, aerea e con qualche passaggio un po' di forza ma nel complesso non difficilissima, forse poco adatta a dei principianti assoluti o a qualcuno che voglia verificare se soffre l'esposizione al vuoto.
La chiesetta si trova in un posto veramente magnifico e vien voglia di continuare lungo il sentiero per arrivare a Simplondorf.

Impressioni di Mauronster:
la ferrata è come da altri descritta, sportiva e moderna. Si deve utilizzare inevitabilmente per la maggior parte del tempo il cavo e/o i fittoni, senza, purtroppo, poter arrampicare sulla roccia. Strana la disposizione di alcuni scalini che costringono a sbilanciarsi caricando il peso su un solo braccio, affaticandolo velocemente.
Il panorama è interessante, soprattutto all'inizio e alla fine della ferrata, mentre non è degno di nota quello che si ammira durante la salita della stessa (nel primo tratto si è a picco sulla statale, abbastanza trafficata e quindi rumorosa).
Nel complesso comunque divertente e adrenalinica: una volta va provata!
Molto ben tenuta (anche perchè di recente costruzione) e sicura (nei limiti ovvi di una ferrata).


Hike partners: paoloski, Mauronster


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

T2
23 Aug 19
Seehorn (2439m) da Gabi · Marco86
WT2
10 Feb 18
Seehorn (2439 m) · martynred
T2
19 Oct 18
La scimmia dello Seehorn · jkuks
AD-
5 Oct 12
Ferrata Gabi - Simplon · Laura.
AD-
27 Aug 11
Ferrata del Gabi - Simplon · tignoelino

Post a comment»