COVID-19: Current situation

Lunga camminata ad Artavaggio e dintorni


Published by Massimo , 24 December 2011, 10h51.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:18 December 2011
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 7:45
Height gain: 950 m 3116 ft.
Height loss: 950 m 3116 ft.
Route:Parcheggio quota 1120m. - Piani di Artavaggio - Rifugio Nicola - Passo Sodadura - Bocchetta di Regadur - Rifugio Cesare Battisti - Rifugio Gherardi - Rifugio Cesare Battisti - Casera Araralta - Piani di Artavaggio - Parcheggio quota m.1120
Access to start point:Da Lecco salire in Valsassina, giunti al Colle del Balisio prendere a dx seguendo le indicazioni per Barzio - Moggio - Vedeseta. Giunti ad un bivio trlasciare le indicazioni per Barzio e proseguire per Culmine San Pietro - Vedeseta. Ad un paio di Km dal Culmine si incontra il parcheggio da dove parte la sterrata per Artavaggio ( presenza di cartelli indicatori ).

Lunga camminata nella zona dei Piani di Artavaggio senza alcuna difficoltà tecnica con un dislivello abbastanza limitato ma con sviluppo davvero notevole, almeno una ventina di Km.
Mi ritrovo con Mauro alle 7.15 a Lecco al Bione, saliamo in auto sulla strada che conduce al Culmine di San Pietro fino ad incrociare la sterrata che porta ad Artavaggio dove parcheggiamo e iniziamo la nostra lunga camminata.
Dopo aver ammirato uno scenario di breve durata,ma assai spettacolare sulle Grigne dove il sole ha fatto capolino solo per qualche minuto mostrandocele con dei colori da cartolina; partiamo  ed iniziano subito i problemi ………. il ghiaccio ricopre quasi interamente la sede della strada; roba da mettere i ramponi ma sfruttando i bordi riusciamo a cavarcela, per 3 /4 Km il fondo non cambia fino quando raggiungiamo quota 1400-1500m. dove un leggero strato di neve fresca caduta venerdi rende più agevole il percorso. Il tratto sino ad Artavaggio è lungo e un pochetto monotono ma rilassante ed è di questo che abbiamo bisogno in questo delicato periodo io e il mio socio.
Giunti ad Artavaggio dopo quasi 2 ore di marcia saliamo al Rifugio Nicola e poi proseguiamo fin sotto l’ultimo tratto di cresta che porta in vetta al Sodadura, qui vista la presenza di ghiaccio e considerando il fatto che non abbiamo intenzione di tribolare evitando di metterci i ramponi decidiamo di aggirare il Sodadura dal versante nord proseguendo la nostra marcia sul sentiero delle Orobie occidentali nr.101 dove per tutto il tratto sotto la vetta fino al Passo di Sodadura battiamo senza ciaspole dai 10 ai 30 cm. di neve; dal passo in avanti il sentiero è ben battuto e molto più agevole; raggiunta la Bocchetta di Regadur con bella vista sull’Araralta e il Baciamorti, lasciamo la via delle Orobie per scendere ai piani dell’Alben al termine dei quali è sito il rifugio Gherardi dove oggi ci concediamo una sosta culinarea, ottima la cucina e complimenti ai gestori che fanno parte dell' associazione Alpi Ande Due, Operazione Mato Grosso. Dopo un’ora abbondante di sosta ritorniamo sui nostri passi fino al rifugio privato Battisti dove imbocchiamo il sentiero che tagliando a sud il Sodadura ci ricondurrà ad Artavaggio presso lo scempio dell’ex albergo sciatori.
Qui assistiamo ad un magnifico tramonto caratteristico x la stagione in cui siamo, e ripercorrendo a ritroso  il percorso d’andata prestando parecchia attenzione torniamo alle auto con la notte che è già calata, sono infatti le 18.00 e nell’ultimo tratto si è reso indispensabile l’utilizzo della frontale.
Alla fine ci sentiamo abbastanza stanchi ma possiamo averne anche tutte le ragioni visto che abbiamo camminato per quasi 8 ore con passo abbastanza spedito, facendo un calcolo spannometrico avremo percorso dai 20 ai 25 Km………… considerando che avevo proposto a Mauro un giretto tranquillo!!!!! 

Hike partners: Massimo


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (6)


Post a comment

gbal says:
Sent 24 December 2011, 18h38
Bel giro, bella faticata, belle foto e bella, luuunga giornata sui monti. Cosa si può volere di più?
Auguri
Giulio

Massimo says: RE:
Sent 2 January 2012, 16h36
Ciao Giulio,
buon 2012 ricco di tante cime, del resto sono queste le soddisfazioni che tutti noi cerchiamo.

Max

siso says:
Sent 25 December 2011, 08h44
Bravo Max,
bellissime foto, montagne affascinanti.
Buon Natale!
siso

Massimo says: RE:
Sent 2 January 2012, 16h38
Ciao Siso,
scusandomi per il ritardo ti auguro buon 2012 e ti ringrazio per i complimenti.

Max

Alberto says:
Sent 29 December 2011, 10h29
Complimenti per le foto e la lunga "gitarella"...chissà,magari con tanta neve ripeterla salendo all'Aralalta e Baciamorti...Ciao!

Massimo says: RE:
Sent 2 January 2012, 16h39
Certo che si,
oggi qualche cm è arrivato......., ma me sa che l'è un pu poca.

Ciao Albert
Max


Post a comment»