Anello: Costapiana (665m) - Piz Vogorno (2442m) - Madone (2395m)


Published by gbal , 16 September 2010, 23h35.

Region: World » Switzerland » Tessin » Locarnese
Date of the hike:14 September 2010
Hiking grading: T4+ - High-level Alpine hike
Mountaineering grading: F
Climbing grading: II (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Cima dell'Uomo 
Time: 9:30
Height gain: 2056 m 6744 ft.
Height loss: 2038 m 6685 ft.
Route:[18,3km] Costapiana - Alpe Bardughè - Piz Vogorno - Il Madone - Alpe Locia - Rienza - Moscioi - Costapiana
Maps:Kompass 110 - Valle Maggia/Val Verzasca

Anello: Costapiana (665m) - Piz Vogorno (2442m) - Madone (2395m)

 

For English readers click [here]

 

Avevo già raggiunto il Piz Vogorno in passato ma stavolta intendevo tornarvi e fare un giro anulare per conoscere anche il Madone, suo vicino. Nel reperire la documentazione ho trovato l'ottima descrizione di Jules e suo padre (Relazione Jules) che qui ringrazio e saluto. Avevo anche recepito il suo consiglio di effettuare il percorso al contrario che mi tornava comodo perché avrei potuto arrivare prima al Madone e, in caso di difficoltà, saltare il Piz Vogorno, già noto e tornare per la stessa via. Non avevo però osservato che il sentiero in partenza da Costapiana porta all'Alpe Bardughè mentre il "bivio" per Moscioi e di lì al Madone parte due tornanti sotto l'amena località. Dopo un bel percorso non faticoso nel bosco, dopo aver maledetto il GPS che si ostinava ad indicare tutt'altra direzione e in attesa di incontrare una deviazione per il Madone, incontravo un simpatico Svizzero di lingua tedesca ma attrezzato di un ottimo inglese che mi svelava l'arcano. Allora, rassegnato, proseguivo verso il Piz Vogorno, passando per la bella Alpe Bardughè dove la musica inizia a cambiare e la comoda via diventa un po' più selvaggia e stretta. Si sale sul fianco occidentale della valletta il cui centro è percorso da un rio di suggestiva e musicale compagnia fino a sbucare a 2175m sulla cresta che in direzione SE conduce in vetta. Stavolta ho voluto evitare il più comodo passaggio che porta ad intersecare la cresta E del Pizzo e porta poi in vetta per la china erbosa, optando per una simpatica arrampicata su roccette e canalini sul versante SW con un pubblico "ovino" che in silenzio assisteva alla mia performance. Giunto in vetta, foto rituali, distribuzione di cibo a me stesso e alle simpatiche pecore accorse al banchetto, poi riepilogo di idee, impostazione del GPS (che ora funzionava a perfezione). Saluto lo Svizzero nel frattempo giunto e inizio la discesa lungo la cresta E, contorno prima una bastionata terminale e poi atterro nella vallata di fondo; la circumnavigo sul lato N arrivando alla Bocchetta Rognoi dove un segnavia indica le discese per Lavertezzo (N), per l'Alpe Locìa (S) e NULLA per il Madone. In effetti il sentiero ottimamente segnalato fino ad allora non era più tracciato nella direzione che mi interessava così mi incamminavo pensoso affidandomi al GPS, alle tracce delle pecore, alla cresta che faceva da contorno e saliva a balzi vari verso il Madone. Malgrado tutti questi "strumenti" molto spesso sceglievo di arrampicare per roccette sulla sx visto che non trovavo nulla di più comodo. Molte volte sono stato per abbandonare l'impresa visto che le forze si stavano eclissando rapidamente ma la voglia di farcela mi ha sostenuto fino in fondo, o meglio, in cima. Arricchito il mio album fotografico, firmato il quaderno di vetta, osservavo che sotto di me c'erano ancora pecore e che da qualche parte dovevano ben essere salite; trovavo allora un percorso di discesa migliore e tornato alla Bocchetta Rognoi mi incamminavo verso l'Alpe Locia con sentiero di nuovo ben segnato. Passavo per Rienza, Moscioi fino a rientrare a Costapiana dopo un magnifico passaggio tra cascate e pozze d'acqua le cui sonorità accompagnavano questo ultimo tratto. Strappetto finale per risalire all'auto dal 2° tornante e finalmente il ristoro felice dopo l'ultima avventura.

Dati salienti:
Dislivello 2056m

 

Lunghezza totale km 18.3

Pendenza media 20%
Salita    2056m
Discesa 2038m

Tempo totale 9h38' ; soste escluse 9h02'

 

Località

T.  parziale

T. progressivo

Località

T. parziale

T. progressivo

Corte Nuovo

1h13'

1h13'

Alpe Bardughè

0h44'

1h57'

Sosta 1

0h08'

2h05'

Piz Vogorno

2h05'

4h11'

Sosta 2

0h16'

4h27'

Bocch.Rognoi

0h47'

5h14'

Il Madone

1h05'

6h20'

Sosta 3

0h12'

6h31'

Rienza

1h37'

8h09'

Moscioi

0h25'

8h33'

Costapiana

1h04'

9h38'

 

 

 


Hike partners: gbal


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Geodata
 3516.gpx Il tour

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

T3+
16 Jul 14
Pizzo Vogorno e Madone · Andrea!
T3
T4- F
T3+
4 Oct 09
Pizzo-Vogorno-Berglauf · fuemm63
T3
22 Oct 16
Pizzo di Vogorno · Giaco

Comments (6)


Post a comment

beppe says: SUPERGIRO
Sent 17 September 2010, 06h04
Ciao Giulio complimenti per la super escursione
Beppe

gbal says: RE:SUPERGIRO
Sent 17 September 2010, 14h34
Grazie Beppe. Come sai anche tu che tanto frequenti la montagna la fatica spesa nella natura "paga" sempre in grande soddisfazione.
Ciao
Giulio

Sent 17 September 2010, 16h31
ancora un pò che giravi ti facevi il giro di tutta la verzasca!!!!!
sei un duro!!
Marco

gbal says: RE:
Sent 17 September 2010, 19h56
Grazie Marco. No, mi sono fermato lì, ne avevo abbastanza. Comunque sì, senza tenacia non si fa tanta strada in montagna (oppure si va in funivia!)
Ciao
Giulio

Jules says:
Sent 18 October 2010, 06h34
Com'è che mi era passato inosservato, questo giro?!
Grande Giulio! :)

gbal says: RE:
Sent 18 October 2010, 09h31
Cosa vuoi che ti tica Jules, magari eravate occupati in un'altra bella escursione voi. Hai visto che il mio Anello trae ispirazione dalla citata vs. avventura, vero?
Ciao
Giulio


Post a comment»