COVID-19: Current situation

Monte Borlasca 1778 m e Torre di Signame


Published by cristina , 27 February 2020, 14h24. Text and phots by the participants

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:22 February 2020
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Access to start point:Milano-Lecco-Chiavenna. Giunti a Samolaco lasciare la strada principale, svoltare a sx e al cartello San Pietro ancora a sx. In centro al paese svoltare a sinistra in Via Tonaia e parcheggiare presso il ponte sul torrente Mengasca.

L’escursione di cai56 capita proprio a fagiolo in questo inverno non inverno…

 

Anni fa, quando il buon Andrea! ancora non aveva conosciuto la scimmia delle cime, nessuno di voi ci crederà immagino, facemmo un bell’anello in zona Alpe Manco…qui vicino…un gran bell’anello…

 

Altrettanto lo è stato per questa escursione, cui abbiamo aggiunto il giro per Cà Pipeta e la Torre di Signame.

 

L’accesso all’Alpe Borlasca, chiudendo un occhio sul fatto che la vecchia mulattiera sarebbe sicuramente stato un valore aggiunto, posso dire che non è così male. Soprattutto dopo l’Ape Pozzolo. abbiamo visto di peggio. Per come la vedo, fosse diventata un’ampia sterrata o cementata sarebbe stato peggio.

 

Alla descrizione di cai56 non devo aggiungere niente, perfetta.

https://www.hikr.org/tour/post150945.html

 

Il breve anello aggiunto da noi si collega all’escursione proprio all’incrocio con la pista forestale.

 

Un paletto cui penso verrà aggiunta l’indicazione, segnala un sentiero Cai che scende a tornanti, qualche catena di sicurezza e va incrociare un sentiero proveniente da dx, qui non ricordo se abbiamo trovato indicazioni, in ogni caso svoltiamo a sx e poco dopo siamo a Cà Pipeta.

 

“Non si sa chi, quando (e per quanto tempo) abbia avuto il coraggio e la costanza di scavare il materiale, portarlo all’aperto, costruire i muri di sostegno e ricavare lì sotto un complesso sistema abitativo. Sta di fatto che oggi possiamo contare la bellezza di otto locali tra cucine, stalla e fienile, cantina, camere da letto: tutti coperti e protetti dall’enorme masso. Secondo alcune testimonianze orali, la casa sarebbe stata abitata fino ai primi del Novecento.”

 

Proseguendo arriviamo ad un bivio, continuiamo diritti per raggiungere l’Alpe Signame dove svoltiamo a dx per salire alla panoramicissima torre, risalente al X secolo e ben restaurata nel 1998, postazione di vedetta e segnalazione parzialmente smantellata nel 1500 dai Grigioni .

 

Scendiamo dal lato opposto ma invece di ritornare al bivio imbocchiamo la variante, indicata sui pannelli ma non in loco. Sono presenti vecchi bolli Cai ma, il primo tratto, quello che porta a scendere il rilievo dove sorge la torre, è piuttosto esposto e poco visibile. In un paio di punti è facile perdere la traccia. Se vi trovate a dover usare le mani o poggiare il sedere siete fuori sentiero. Una volta disceso il tratto più ripido si giunge ad un altro bivio non segnalato. Andando a dx si torna verso Cà Pipeta a sx invece, vecchio bollo su albero, c’è un buon sentiero che permette di scendere direttamente in paese senza rifare quanto fatto in precedenza.

 

Se non avete voglia di neve è un’escursione che merita parecchio!


Hike partners: cristina, Marco27


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (2)


Post a comment

GIBI says: Se non avete voglia di neve è un’escursione che merita parecchio !
Sent 28 February 2020, 08h40
... di sicuro questo bel giro me lo segno ... passeranno malanni di stagione ( si spera ) e dolori vari e allora ....

comunque molto bello ... complimenti !

ciao Giorgio

cristina says: RE:Se non avete voglia di neve è un’escursione che merita parecchio !
Sent 28 February 2020, 09h33
Sono zone che purtroppo non frequentiamo spesso per via della strada infame ma sono veramente molto molto belli...merita veramente!


Post a comment»