Starkenburger Hütte (2237 m) - EMTB


Published by siso Pro , 23 July 2019, 21h15.

Region: World » Austria » Zentrale Ostalpen » Stubaier Alpen
Date of the hike:12 July 2019
Mountain-bike grading: F - Easy
Waypoints:
Geo-Tags: A 
Time: 3:00
Height gain: 1304 m 4277 ft.
Route:(970 m) – Neustift (993 m) – Milders (1026 m) – Forchach (1341 m) – Schönegg – Kaserstattalm (1890 m) – Starkenburger Hütte (2237 m).
Access to start point:Dalla Svizzera: Feldkirch – Tunnel dell’Arlberg –A14 –A12 – Innsbruck – A13 – Wipptal – Stubaital – Neustift.
Accommodation:Starkenburger Hütte.
Maps:Extra Tourenkarte Stubaital, Kompass. 1:35000; Wanderkarte Stubai, Alpenwelt Verlag Bruneck – 1:40000.

Ho visitato la Starkenburger Hütte tre anni fa con salita a piedi; oggi desidero raggiungerla con la mountain bike.

 

Inizio dell’escursione: ore 9.05

Fine dell’escursione: ore 12.00

Temperatura alla Starkenburger Hütte, ore 11.00: 5°C

Sorgere del sole: 5.31

Tramonto del sole: 21.09

 

È il quinto giorno di villeggiatura nella Stubaital; dopo la camminata di ieri riprendo la bici per un’importante salita di oltre 1300 m di dislivello fino all’inizio della catena montuosa Kalkkögel, considerata le “Dolomiti del Nordtirolo”.

La via più diretta parte proprio dall’albergo che mi ospita, tuttavia un cartello con la scritta in rosso “Achtung!” informa che l’itinerario 599 è “gesperrt”. Non ci sono state frane e non ci sono lavori in corso, ma semplicemente, così mi ha riferito l’albergatrice, ci sono dei problemi con i “diritti di passo”. Tutto il mondo è paese.

Poco male, allungherò il percorso, a tutto vantaggio della pendenza.

Parto alle 9.05 in direzione di Neustift e Mieders, dove imbocco la strada dell’Oberbergtal fino alla deviazione posta a circa 1200 m di quota. Qui abbandono la strada della valle e imbocco alla destra la strada Forchach, che poco dopo entra in una galleria molto scura per i ciclisti. Il faretto della bici non permette di illuminare l’interno del tunnel e i fari della galleria non sono granché. La percorro sul marciapiede, ma a causa delle curve dopo un po’ preferisco scendere di sella e spingere la bici. Non c’è in giro nessuno. Dopo aver attraversato alcune radure e prati aperti, la strada diventa sterrata ed entra nella foresta fitta. Tiro dritto senza soste fino alla malga con ristoro Kaserstattalm (1890 m). Sono le dieci, ma i turisti non sono ancora arrivati. A partire da questa baita la strada piega a sinistra e per un lungo tratto non presenta più pendenze importanti. Mi attraversa la strada un leprotto, troppo veloce per poterlo immortalare. Sono al limite superiore del bosco. La vista si apre sulle vette del versante destro della Stubaital. La cima che più mi attira è il “König” Serles (2718 m), raggiunta il 4.9.2016. La strada si sviluppa poco sotto i ripari valangari, assai abbondanti sul versante meridionale del Burgstall. La capanna, ubicata su una spalla della catena del Kalkkögel, è già visibile da lontano. La strada compie un giro orario attorno al dosso e mi permette di raggiungere il rifugio senza strappi eccessivi, così che possa conservare per sicurezza ancora il 14% di carica della batteria. Sono le 10.30; ho impiegato circa 1 h e 30 min per raggiungerla e sono il primo avventore di giornata.

                                         Starkenburger Hütte (2237 m)

La temperatura è di 5°C: non sembrerebbe estate. Con il bel tempo, dalla terrazza della capanna si possono osservare tutte le “7 cime di carattere” della valle, le “Seven Summits”, dal Pan di Zucchero (3507 m) all’Elfer (2505 m). Le guide escursionistiche e alpine, così come semplici amanti della montagna, hanno selezionato sette cime che lasciano un segno, raccontano una storia o plasmano il paesaggio in modo significativo, per condividerne la gioia anche con i visitatori della Valle dello Stubai.

In un’ora di tranquilla discesa raggiungo di nuovo l’albergo, mentre le campane del villaggio suonano il mezzogiorno, tradizione che si ripete dal 1456.

 

Piacevole ascensione in mountain bike, prevalentemente lungo una strada forestale, fino alla Starkenburger Hütte, ideale punto di partenza o d’arrivo dell’Alta Via dello Stubai, un itinerario lungo 120 km, con un dislivello di 8000 m.

 

Tempo totale: 2 h 55 min

Tempo di salita: 1 h 30 min

Tempi parziali:

Neder (970 m) Kaserstattalm (1890 m): 1 h 10 min

Kaserstattalm (1890 m) Starkenburger Hütte (2237 m): 20 min

Starkenburger Hütte (2237 m) Neder (970 m): 1 h

Dislivello in salita: 1304 m

Sviluppo complessivo: 30,92 km

Difficoltà: F

Copertura della rete cellulare: discreta

Hike partners: siso


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (4)


Post a comment

rochi says:
Sent 23 July 2019, 21h27
Invidio molto queste tue vacanze in Stubai, Siso.
Io ci sono stato l'anno scorso e l'ho trovato un magnifico parco giochi per gli amanti dell'escursionismo.
Scopro grazie a te che è anche un paradiso per la bicicletta, sebbene io non sia un amante del genere.
Buon proseguimento!!
R.

siso Pro says: RE:
Sent 23 July 2019, 21h32
Grazie Rochi!
Purtroppo le condizioni meteo non mi hanno permesso di frequentare i bellissimi ghiacciai e i numerosi Tremila (nebbia e nuvole). La valle è comunque bellissima, ospitale, con aria salubre e offre tantissimo ai vacanzieri. Quanto alla e-mtb bisogna provare per credere! È veramente divertente: è stata un'invenzione geniale!
Ciao,
siso.

GIBI says:
Sent 24 July 2019, 09h13
Peccato per il tempo magari non bellissimo mentre per tutto il resto ( percorsi, rifugi, cibarie ) direi vacanza Super !

ciao Giorgio

siso Pro says: RE:
Sent 24 July 2019, 10h10
Il Tirolo si è sempre rivelato una regione molto accogliente con i turisti: ottima organizzazione, gentilezza non servile, prezzi onesti, paesaggio incantevole e aria pura!
Ovviamente le condizioni meteo, in montagna, difficilmente sono favorevoli per un lungo periodo, soprattutto in estate.
Ciao,
siso.


Post a comment»