Cima Piazzotti Orientale - Via Francesca


Published by irgi99 , 22 July 2019, 21h29.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:21 July 2019
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Mountaineering grading: D
Climbing grading: V+ (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 7:00
Height gain: 800 m 2624 ft.
Height loss: 800 m 2624 ft.
Route:8.55 km
Access to start point:Da Morbegno, si imbocca la strada per la Val Gerola sino a Pescegallo (termine della strada), dove si lascia l'auto nell'ampio posteggio ai piedi degli impianti di risalita.
Accommodation:Rifugio Salmurano (q. 1857 m), Rifugio Benigni (q. 2222 m)
Maps:KOMPASS N. 105 – Lecco Valle Brembana 1:50000

Oramai in Val Gerola siam quasi di casa: terzo weekend di fila in questa verde valle che, ancora una volta, non ci delude!
Anche oggi la via che ci aspetta, pur attaccando a bordo sentiero, è immersa nel selvaggio più totale... 
Mano a mano che saliamo tra diedri, placche a buchi e bellissime fessure, il chiacchiericcio delle persone sotto di noi diventa un eco sempre più lontano e soffuso, fino a spegnersi completamente. Il vociare viene presto sostituito dal coccolante rumore del vento e dal leggermente fastidioso ronzare dei mosconi (gli unici esseri viventi che ci hanno accompagnato lungo la via...).
Non appena sbuchiamo dalla parete veniamo immediatamente ricatapultati nel mondo reale: siamo ad un tiro di schioppo dal Rifugio Benigni... 
Proprio una splendida giornata!


Dal grande posteggio di Pescegallo (q. 1453 m) posto ai piedi degli impianti di risalita, imboccare la strada inizialmente asfaltata e poi sterrata che, con ampi tornanti conduce al Rifugio Salmurano (q. 1857 m).
Risalire la ripida pista (traccia) che passa lungo i pascoli nei pressi dello skilift, quindi raggiungere il Passo di Salmurano (q. 2017 m).
Scendere verso destra in territorio bergamasco e imboccare il traverso che conduce al Rifugio Benigni. Dal Passo, l'attacco della Via Francesca si raggiunge in 5 minuti circa di discesa su comodo sentiero, ed è riconoscibile grazie alla presenza di un grosso abete in mezzo alla parete della Cima Orientale di Piazzotti. La via attacca in corrispondenza di un diedro camino (q. 2030 m circa).

L1:
risalire il diedro camino, inizialmente verticale e poi sempre più abbattutto. Uscire a destra e proseguire su terreno semplice ma dalla roccia in molti punti poco stabile tenendosi poco a destra dell'evidente canale. Proseguire fino a raggiungere il comodo terrazzino di sosta. Il tiro è completamente sprotetto, è presente solo un cordone nero incastrato con maglia rapida posto a pochissimi metri dalla sosta (inutile)  -    IV, III+    45m
L2:
dalla sosta proseguire lungo il canale che tende a deviare leggermente a destra. Per blocchi di dubbia qualità e belle fessure raggiungere la sosta posta a destra del canale nel punto in cui diventa toppo. Nessuna protezione lungo il tiro  -    III+    30
L3:
dalla sosta, spaccare sulla parete di sinistra (passo delicato) fino a raggiungere uno spit. A questo punto occorre compiere un traverso verso sinistra (il passaggio dal primo al secondo spit non è affatto banale: pochissime prese per le mani) fino a raggiungere un chiodo. Doppiare lo spigolo abbassandosi di un metro (spit) e poi seguire la fessura che sale in diagonale verso sinistra. Ignorare la sosta che si incontra sul terrazzino sulla sinistra, quindi proseguire verticali sfruttando solidi buchi e fessure fino a raggiungere il grosso abete visibile già dal sentiero di avvicinamento. Sosta su cordone. Questo tiro è il più chiodato dell'intera via; allungare bene le protezioni per evitar il forte attrito  -     V+, IV+    35m
L4:
salire il bellissimo diedro fessurato (considerato il più bel diedro delle Orobie) inizialmente verticale e poi più appoggiato fino al suo termine. Uscita un poco esposta e poi sosta su 3 chiodi sotto ad uno strapiombino. 1 solo chiodo lungo il tiro e un 1 friend incastrato impossibile da utilizzare; il tiro è ben proteggibile con friends  -    V+, V    30m
L5:
dalla sosta spostarsi di pochissimi metri verso destra per aggirare lo strapiombo sopra la sosta, quindi imboccare un bellissimo diedro nascosto. Risalire il diedro fino a metà, poi spostarsi sulla sinistra fino a raggiungere il solido spigolo (è possibile risalire interamente il diedro ma con difficoltà maggiori). Sfruttando la bella lama dello spigolo aggirare sulla sinistra lo strapiombino che chiude il diedro, quindi proseguire sempre obliquando verso sinistra e con divertente arrampicata lungo il pilastrino con fessura sulla destra. 2 chiodi lungo il tiro e buone possibilità di integrare  -    V-, V, IV+
L6:
dalla sosta salire verso destra in direzione di un piccolo strapiombino. Superarlo e proseguire lungo il diedro e placche appoggiate fino alla sosta su due chiodi. Nessuna protezione ma buone possibilità di proteggersi sfruttando la bella fessura sulla sinistra  -    III+    40m
L7:
breve e semplice tiro finale: risalire le facili roccette sopra la sosta fino a raggiungere il filo di cresta (1 spit di fine via). Proseguire per terreno erboso fino alla Cima Piazzotti Orientale  -    II


Dalla vetta della Cima Piazzotti Orientale (q. 2179 m) raggiungere in una manciata di minuti il Rifugio benigni (q. 2222 m), quindi scendere verso destra nel ripido e detritico canalone che scende in Val Tronella. Raggiunta la piccola diga (q. 1820 m), proseguire dritti ignorando qualunque altra deviazione sia sulla destra che sulla sinistra fino a ricongiungersi sul sentiero che collega Pescegallo alla Diga di Trona. A questo punto svoltare a destra (faccia a valle) per ritornare, in breve, al posteggio di Pescegallo (q. 1453 m).

TEMPI DI PERCORRENZA:


PESCEGALLO - RIFUGIO SALMURANO: 40 minuti
RIFUGIO SALMURANO - PASSO DI SALMURANO: 20 minuti
PASSO DI SALMURANO - ATTACCO VIA FRANCESCA: 5 minuti
ATTACCO VIA FRANCESCA - CIMA PIAZZOTTI ORIENTALE: 4,30 ore
CIMA PIAZZOTTI ORIENTALE - RIFUGIO BENIGNI: 5 minuti
RIFUGIO BENIGNI - DIGA DI VAL TRONELLA: 30 minuti
DIGA DI VAL TRONELLA - PESCEGALLO: 30 minuti

A parte i primi tiri dalla roccia delicata, la Via Francesca, aperta nel 1981, offre una bella e divertente arrampicata su placca, diedri e fessure, mai troppo impegnativa ma nemmeno banale a causa della chiodatura pressochè nulla (a parte L3 che è ben chiodato anche a spit). Soste a chiodi da collegare (o chiodo + spit uniti da cordone); portare friends fino al giallo BD (2) e numerosi cordini per le soste e per allungare bene le protezioni. Insomma, un'altra bella perla orobica!

con Peru, Dani e Matteo


Hike partners: irgi99


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (5)


Post a comment

GIBI says:
Sent 23 July 2019, 08h41
Le immagini si commentano da sole ... giornatona !!!

ciao Giorgio

irgi99 says: RE:
Sent 24 July 2019, 19h48
Eh già, proprio una fantastica giornata!!!!

Irene

Alpingio says:
Sent 23 July 2019, 20h20
Grandi!! Via di soddisfazione... ;)
Ciao Giovanni

irgi99 says: RE:
Sent 24 July 2019, 20h22
L'hai appena fatta anche te... quindi penso proviamo la stessa soddisfazione.. :)
Complimenti anche a teeee
Irene

Alpingio says: RE:
Sent 24 July 2019, 20h33
;)


Post a comment»