COVID-19: Current situation

Pollux 4092m - Breithorn Centrale 4159m - quasi Roccia Nera quota 4005m


Published by marc73 , 2 May 2019, 21h41.

Region: World » Italy » Val d'Aosta
Date of the hike: 1 May 2019
Climbing grading: III (UIAA Grading System)
Ski grading: AD-
Waypoints:
Geo-Tags: CH-VS   I 

Scappata primaverile sul Rosa, partiamo con Mattia tranquillamente, invece di fare la sparata in giornata abbiamo previsto il pernotto al rifugio delle guide d'Ayas, dato che sono intasatissimo e poco in forma ahhh

giungiamo a Cervinia almeno 30 minuti dalla prima cabina partita per il plateau Rosa, alle 9:45 siamo all'ultimo troncone e constatiamo che l'ultimo tratto non funziona, infatti restiamo 30 minuti in attesa per ghiaccio sulle strutture, poco male, giunti sul plateau un bel vento da Nord Ovest ci congela la pelle, avanziamo contro vento fino al colle dove vediamo già schiere arrancare sul vicino Breithorn Occidentale, noi invece scendiamo sul ghiacciaio dove possiamo coprirci leggermente e procedere in direzione Polluce, passando sotto il bivacco Rossi Volante constatiamo che la via per il Roccia Nera non è tracciata e si presenta come un bello scivolo ghiacciato con placche rigonfie ben visibili..risultato dei numerosi giorni di vento degli scorsi giorni,
ad ogni modo procediamo fino all'attacco del canale SO, si presenta più innevato del solito, ottimo per la salita, fuori dal canale le solite rocce divertenti da salire fino alle placche con catene, questa volta salgo la placca a destra più esposta ma con ottimi appigli per i ramponi, usiamo una fettuccia e moschettone.
passata agevolmente, affrontiamo la paretina finale facilmente fino alla Madonnina, 

usciti sulla cresta risulta bella ghiacciata più dello scorso anno, ci leghiamo solo per essere pronti per il ritorno per scendere in doppia velocemente, dopo 10 minuti sul crestone ghiacciato siamo in vetta con un panorama stupendo, lo scorso anno eravamo avvolti dalle nuvole, questa volta davanti a noi si offrono tutti 4000 della zona ed oltre,

ridiscesi alla Madonnina, osserviamo chi ha deciso per la discesa dal canale ovest con gli sci, noi abbiamo valutato che non c'erano le condizioni, si vedeva chiaramente una placca ventata con ghiaccio affiorante,
4 francesi calano un compagno a sentirne la tenuta, calato per 15m sci ai piedi inizia a tastare il terreno quando arriva un ragazzo seguita dalla sua bellissima compagna che si butta nel canale senza pensarci troppo, lui passa velocemente fino dove stringe su ghiaccio, la sua compagna segue titubante, il francese legato a questo punta si slega e parte, in 1 secondo 2 placche scendono pulendo 3/4 del canale, miracolo senza trascinare i 2 che restano appesi per le unghie sul ghiaccio ahh, dopo 5/10 minuti sparano giu dritti sul ghiaccio sulla colata della valanga, insomma bel segnale e non fidarsi di queste placche.

scesi il canale finale, giunti al deposito ci godiamo la corta sciata fino al rifugio delle guide d'Ayas, veramente bello in un contesto naturale doc, cordiale ed accogliente, l'indomani ce la prendiamo tranquilla, sono ancora raffreddato e non ho voglia di fare troppo dislivello, saltiamo il vicino Castore..dato che tanti sciatori sono già in fila, e decidiamo di dirigerci a verificare le condizioni del Roccia Nera.
Giunti al Bivacco ci godiamo la vista ed iniziamo a salire dritti, troviamo crosta con sotto 20/30cm di polvere non legata, quando inizia la pendenza sui 40° ancora crosta con poca neve e subito ghiaccio, siamo fiduciosi, le condizioni sono migliori di quel che si vedeva, superate le 2 rocce a metà passiamo placche sempre piu spesse fino ai 40/50cm, ci rallentano a tracciare ma soprattutto non rassicurano, a 50m dallo scollinare vediamo la meta, dovremmo iniziare a traversare verso est, dove proprio inizia un enorme placca creata dal vento da Nord, profonda da 50 fino a 80cm polverosa poco legata sul ghiaccio..anzi neanche lo troviamo con le picche, siamo vicinissimi a scollinare pochi metri, ci fermiamo 10 secondi per riflettere e decidiamo di scendere, discesa piu faticosa della salita, giunti al deposito ci riposiamo, contenti della saggia decisione ci rimettiamo gli sci ai piedi, in giornata vediamo solo altri 2 sciatori seguire la nostra traccia, chissà se hanno superata la placca.

ad ogni modo noi risaliamo fino al colle del Breithorn, e decidiamo di salire la vetta centrale ed eventualmente traversare su quella occidentale, in 25min siamo al deposito, 10 minuti di bella cresta a piedi e siamo in vetta da soli, spettacolo caldo senza vento, guardiamo la bella cresta da traversare...ma ci passa la voglia vedendo folle enormi sulla vetta occidentale, quindi scendiamo ed iniziamo una super discesa fino a Cervinia.

valutazione con neve e ghiaccio AD-, altrimenti in estiva un PD+

Hike partners: marc73


Gallery


Open in a new window · Open in this window

D- IV
PD+ III
T4 AD- III
27 Jun 08
Castor und Pollux · Erli
AD IV
PD+ III

Comments (2)


Post a comment

martynred says:
Sent 3 May 2019, 08h50
bella giornata e che brividi a vedere sciatori possibilmente coinvolti nella valanghina...
Bravi!

marc73 says: RE:
Sent 4 May 2019, 07h57
Grazie Martyn, per fortuna non è successo niente..ed è finita come una bella giornata.
Ciao


Post a comment»