Parpeinahorn (2602 m)


Published by Sky , 16 December 2018, 09h57.

Region: World » Switzerland » Grisons » Domleschg
Date of the hike:15 December 2018
Ski grading: F
Waypoints:
Geo-Tags: CH-GR 

Sempre alla ricerca di una vetta da fare con gli sci i cui pendii siano sotto i 30°, oggi tiro fuori dal cilindro il Parpeinahorn, una vetta senza nome sopra Zillis, meta di tanti scialpinisti e di cui ricordo una relazione “corale” di tapio e paoloski!

Passando da Splugen il termometro della mia macchina segna -19° e mi fa essere contento di non aver optato per il Wenglispitz. Ad ogni modo dove parcheggio io (poco sotto Mathon) non si scherza. -11°C. Mi copro per bene e parto con gli sci in spalla. Ciononostante non sento tutto questo freddo e dopo non molto rimpiangerò di essermi messo addosso tutti questi strati pesanti.

I versanti qui sono così ampi che non mi è chiaro dove sia meglio passare. Sta di fatto che, per buona parte della salita, finisco per dover tracciare. Le piste battute sono sempre da un’altra parte. Non importa, mi serve per far esercizio per quando andrò dove tracce non ce ne sono. La pendenza è così bassa che non c’è praticamente mai neanche bisogno di fare inversioni. Così però non posso fare esercizio… Solo in un punto mi trovo a doverle fare, e la neve farinosissima non aiuta affatto la mia tecnica appresa guardando i video tutorial su youtube. L’anno scorso, nelle prove fatte su neve dura, era stato più facile.

Sono lento, nonostante sia stato il primo a partire (come mio solito!) mi passano tutti! Ma non importa. Evidentemente non ho padronanza nell’uso degli sci, ma quella verrà. Quello che conta è acquisire fiducia e sicurezza. Nell’ultimo tratto di salita, l’unico un minimo impegnativo, faccio quattro chiacchiere con un simpatico e allenatissimo pensionato bergamasco! La vetta è fatta, la mia prima con gli sci ai piedi.

Non c’è una nube. Cielo tersissimo, come solo in una giornata invernale può esserlo, e panorama a perdita d'occhio su montagne a me in buona parte sconosciute.

Mangio un po’ e mi preparo subito per la discesa, che è la cosa che mi preoccupa di più! Da ragazzino sciavo, ma ero assolutamente imbranato. Mediocre in pista, di fuori pista ovviamente neanche a parlarne! Però provare a fare scialpinismo è diventato per me un modo per essere più veloce (nonostante tutto) in discesa e poter fare vette in invernale che con le ciaspole sarebbero proibitive per il tempo necessario.

Metto gli sci e parto. I primi metri sono come sempre adrenalinici. La neve sembra appiccicarsi sotto le solette (forse avrei dovuto spellare subito e far asciugare gli sci al sole…). Primo breve tratto di cresta. A sinistra ci sono cornici tremende e a destra il pendio è ripido. Nonostante la cresta sia larghissima, l’adrenalina è a mille. Arrivo al punto di togliere gli sci per girarmi. Fortunatamente a poco a poco le cose si fanno più semplici e nel contempo io acquisto sicurezza. Le gambe però fanno un male boia. Spero di riuscire a far sì che le cose migliorino da questo punto di vista perché, indubbiamente, l’idea di poter essere alla macchina alle due del pomeriggio avendo fatto, se non una cima tosta, comunque 1100 metri di dislivello, è una gran cosa| E anche se la discesa è stata un disastro, dal punto di vista stilistico, in fondo sono arrivato alla macchina senza (grossi) problemi e senza neanche una caduta. Certo, la cima era veramente facile, ma sono soddisfatto e fiducioso!


Hike partners: Sky


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

PD
PD
24 Mar 18
Parpeinahorn, 2602m · Robertb
PD-
14 Apr 18
Parpeinahorn - 2602 m · irgi99
WT2
24 Feb 19
Parpeinahorn · Giaco
PD-

Comments (5)


Post a comment

Serzo says: Bell'esordio!
Sent 16 December 2018, 11h12
Complimenti, ti cambierà il mondo. Buona neve, Sergio

Sky says: RE:Bell'esordio!
Sent 17 December 2018, 06h29
Grazie, anche a te!
Provai le pelli 4 anni fa, per questo stesso motivo, con risultati disastrosi..! mi sono dato una seconda chance. Anche se non farò nessuna cima impegnativa con gli sci, stavolta sono molto più positivo!
Ciao, Luca

stellino says:
Sent 17 December 2018, 08h22
Per migliorare la discesa non ti resta che fare giornate su giornate di pista...è l'unica ;-)

Andrea! Pro says:
Sent 22 December 2018, 19h18
Ciao Sky.
Ottima idea iniziare a fare scialpinismo!

Come suggerisce Stellino, anche io mi permetto di darti un consiglio: credo che l'unico metodo per imparare a sciare sia quello di fare una buona/ottima base di preparazione sulle piste.

Solo li riesci a concentrarti sul movimento senza dover pensare alle condizioni della neve, ai pericoli di sassi, gobbe, neve crostosa, precipizi, vento. Insomma fuori pista le variabili sono troppe per riuscire ad avere continuità nel movimento, oltre al fatto che si è magari stanchi e che si effettua una sola discesa nell'arco della giornata.

Mentre la pista permette di ripetere più e più volte il gesto tecnico senza pericoli. Un ottimo metodo potrebbe essere quello di fare una gita breve al mattino e poi sciare in pista nel pomeriggio. Oppure un giorno in pista e il giorno successivo gita di scialpinismo.

Ovviamente seguito da un maestro di sci che indichi bene come muoversi e che correga subito eventuali errori di postura, il fai-da-te non funziona bene. E' sicuramente un investimento anche dal punto di vista economico ma credo che poi darà i suoi frutti con il passare del tempo.

Mi sono permesso di dire tutto ciò proprio perchè io non ho dedicato la giusta attenzione alla tecnica di discesa con conseguenti "errori" di base che ormai mi porto dietro da sempre e che difficilmente riuscirò a modificare mentre tu, fresco della disciplina e atletico come sei, potresti giovarne tanto e immediatamente.

Sciare deve essere prima di tutto un divertimento!

Spero di non aver dato l'impressione di fare il "maestrino" ... non è certo la mia intenzione ... ho poco da insegnare sulla sciata!

Ciao ... ci vedremo magari durante qualche uscita di sci.
ANDREA

Sky says: RE:
Sent 24 December 2018, 15h03
Grazie stellino, grazie Poge. I consigli, frutto della propria esperienza, sono sempre ben accetti!
Nella mia ignoranza, avrei detto che fare pratica in pista non serve particolarmente, se il (mio) problema è sciare in neve fresca. Di mio, sarei andato con le pelli, magari salendo e scendendo più volte, senza avere l’obbiettivo della cima, ma per fare esercizio sul campo, sulla neve “vera”, non su quella preparata di una pista.
D’altronde, proprio ieri, ho parlato dell’argomento ad una mia cara amica (una che di scialpinismo è stata istruttrice per tanti anni) e mi ha detto esattamente, esattamente le stesse cose!
Certo, aver voglia di investire un po’ di soldini in un maestro di sci che mi aiuti a migliorare la mia tecnica (in pista) sarebbe una gran bella cosa.. ci penso su!
Ciao, Luca


Post a comment»