COVID-19: Current situation

Pizzo di Dosdè m3280 (tentativo) - Alta Valtellina


Published by danicomo , 21 October 2018, 18h48.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:20 October 2018
Hiking grading: T4 - High-level Alpine hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 

In genere non pubblico le gite dove, per un motivo o per l'altro, non viene raggiunto l'obbiettivo di giornata. Penso non interessino a nessuno e nulla portino di costruttivo sul sito di Hikr. In questo caso, però, la salita sarebbe stata una "prima estiva" assoluta sul sito e gli errori che abbiamo fatto sono stati così marchiani che una descrizione della prima parte della salita, dove abbiamo sbagliato grossolanamente due volte, penso possa esser molto utile ad eventuali ripetitori.
Non so, francamente, se tornerò a farla visto che il girovagare per ore, vanamente, su pietraie verglassate ha tolto un pò di motivazione, vedremo....
Anche perché mi pare una salita tagliata su misura per lo skialp.....
Un paio di anni fa mi ero fatto spiegare la via dalla Guida Alpina che gestisce il Federico e della spiega ricordavo il fatto che la salita fosse segnalata da ometti. Inoltre mi ero messo in mente (ahimè) che il secondo scalino si superasse seguendo la morena al centro della valle. Salendo nella poca luce del primo mattino vediamo che gli ometti si biforcano, verso sinistra li battezziamo come destinati alla via sulla cresta rocciosa, mentre quelli a dx ci paiono orientati verso il pianoro glaciale e, salendo a sinistra, verso la morena. Al pianoro gli ometti finiscono ma ormai si punta alla morena che, percorsa, diventa sempre più affilata e franosa. Dopo un tentativo di farci male decidiamo di tornare indietro e, complice la deformazione skialp di Umberto, di seguire la via invernale verso il ghiacciaio e, alla biforcazione Avedo-Dosdè deviare a sinistra sotto i Sassi Rossi e, per pietraie, riprender la direzione giusta. Il passaggio sotto i Sassi Rossi, molto a rischio per caduta massi, ci impegna a lungo per abbondante verglas e uscendoci, ormai in tarda mattinata, ritroviamo la fila degli ometti. Mancano 500 m di pietraia alla vetta e si decide di mollare e vedere "a ritroso" dove si sarebbe dovuto passare e dove si era sbagliato. Le foto spiegano bene....
Al ritorno al Federico troviamo la Guida, presente per manutenzioni, che raccomanda la salita, se non skialp, in Luglio quando i residui di neve facilitano la salita e la discesa dei pendi superiori e prospetta il tracciamento di una nuova normale meno pietrosa e lunga sulla parete sudovest.
Con Umberto.

Hike partners: danicomo


Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

T2
PD
1 Jun 19
Pizzo di Dosdè · Alpingio
31 Aug 19
Val Viola Bormina · Simone86
PD+
7 May 16
Pizzo di Dosdè 3280 m · saldeg
T2
10 Jul 14
Lago di Selva Val Viola · danicomo

Comments (29)


Post a comment

cai56 says:
Sent 21 October 2018, 21h21
C'è sempre di mezzo la secolare discussione se segnalare o meno le vie normali, ma questa moda - che, come tutte le mode, attira proseliti - di costruire ometti a piacimento, mi sembra che spesso porti, se non sempre all'errore, almeno a perdere tempo.
Marco

danicomo says: RE:
Sent 21 October 2018, 22h46
Son d'accordo, ti direi meglio i bolli se non fosse che, pure lì, se ne vedono di ogni....

Sky says: RE:
Sent 23 November 2018, 12h02
A proposito di ometti, mi ricordo sempre di quello che c'era scritto su un libro di montagna americano. Lì dicevano che gli ometti vanno costruiti per ritrovare la via del ritorno e poi, una volta utilizzati, vanno distrutti, perché potrebbero indurre chi li trova a seguire una via che conduce verso una meta diversa da quella che vuole raggiungere. Su questo non sono molto d’accordo. Va da sé che nelle nostre salite non dobbiamo mai salire alla cieca. Il nostro cammino, giusto o sbagliato che sia, deve essere sempre frutto della nostra osservazione dell’ambiente circostante. Un ometto che scorgiamo in lontananza ci può confortare sul fatto che qualcun altro ha fatto una certa scelta, ci può aiutare nel trovare, localmente, la strada migliore. Che non è detto che lo sia in assoluto. Mi ricordo che, per fare una vetta in Vallese, incontrai degli ometti. Per la discesa, optai per una via diversa. E sorrisi al vedere, anche lì, degli ometti. Evidentemente, per andare in vetta, qualcuno è salito dalla prima via, qualcuno dalla seconda. Quale sia la migliore, poco importa. Entrambe, in fondo, portano alla meta e, in un certo senso, simboleggiano proprio quella libertà per cui ognuno può seguire la propria strada. Al limite non seguendo né l’una né l’altra!

danicomo says: RE:
Sent 23 November 2018, 12h21
Ciao,
d'accordo su tutto....
Seguo sempre le tue corse, complimenti!
Daniele

ivanbutti says:
Sent 21 October 2018, 22h40
Peccato per la mancata conquista ma complimenti comunque per il tentativo e la condivisione, con le indicazioni fotografiche sempre molto preziose. Ciao, Ivan

danicomo says: RE:
Sent 21 October 2018, 22h47
Ciao Ivan,
almeno qualcun'altro perderà meno tempo...

irgi99 says:
Sent 22 October 2018, 08h33
Concordo con Cai56... oramai costruire ometti è diventata una moda, però a volte poi portano queste cose...
Mi spiace molto che non siate riusciti a terminare la vostra avventura, ma son certa che ci tornerete...!
Ciao Irene

danicomo says: RE:
Sent 22 October 2018, 11h50
Nessun problema, Irene, la giornata è stata ben spesa comunque.
Ciao
D

Menek says:
Sent 22 October 2018, 10h46
"In genere non pubblico le gite dove, per un motivo o per l'altro, non viene raggiunto l'obbiettivo di giornata. Penso non interessino a nessuno e nulla portino di costruttivo sul sito di Hikr. In questo caso, però, la salita sarebbe stata una "prima estiva" assoluta sul sito e gli errori che abbiamo fatto sono stati così marchiani che una descrizione della prima parte della salita, dove abbiamo sbagliato grossolanamente due volte, penso possa esser molto utile ad eventuali ripetitori."
Cmq trovo sbagliato non mettere su Hikr le escursioni dove non si è centrato l'obiettivo, spesso si nascondono informazioni buone per chi legge. E poi in generale non è poi così uno scandalo.
Gli ometti: io sono no di quelli che ne faccio, non in abbndanza ma mirati. Spesso ho tracce su Mapnik che boots on the ground
non sono bollati e nemmeno segnalati. Lì gli ometti ci stanno. Gli stessi ometti li ho messi su un sentiero semi abbandonato che da Schignano porta al Sasso Gordona. E' stato un modo per far rivivere il sentiero. Boh...concordo cmq di non fare gli ometti ad cazzum.
Aspetto la "rivincita"
Menek

danicomo says: RE:
Sent 22 October 2018, 11h56
Ciao Menek,
capisco il tuo punto di vista ma ritengo che spesso si pubblichi "troppo". Gite irrilevanti, centesime salite a laghetti o rifugi o mottoni, mangiate, etc.
Questa massa penso finisca a render meno fruibile il sito. Ma è una idea mia...
Esiste su hikr l'opzione "relazione breve" dove uno può registrarsi la sua gita e le sue foto e non intasare la pagina comune.
Riguardo gli ometti: abbiam sbagliato perché siamo asini e non mi ero documentato abbastanza. Gli ometti non c'entrano nulla e anche a me fa piacere trovarli ma comunque usar la testa.

Menek says: RE:
Sent 22 October 2018, 16h38

Sul fatto che si pubblichi "troppo" io non sono molto d'accordo,Doc, le escursioni, oltrechè dare notizie, sono anche umorali, la stessa escursione fatta più volte non è mai la stessa. Oltre alle emozioni per il clima, per gli incontri, per i colori della Natura ecc. ecc. Eviterei l'eccesso di pragmatismo. Anche dietro una mangiata a volte si nasconde una bella salita. Per esempio. A me piace leggere di tutto un po. Vero anche che Hikr non è un "social" dove uno deve buttare i "cavoli" suoi.
Negli ultimi anni sono salito spesso sul Guglielmo, ma l'ho fatto da diversi sentieri e ravani, eppure è sempre il Guglielmo. La relazione breve va bene se si ripete un giro in maniera uguale in tutto e per tutto.
Vorrei farti una domanda: se uno fa una cima di gran rispetto e tu gliela copi paro paro, tu non la pubblichi? Non credo, sarebbe errato per me. Spesso è capitato di leggere due salita alla stessa "gran cima" nella stessa settimana, vuoi mettere che emozioni diverse sono state provate? Con descrizioni diverse,pure, quindi info su info.
Altra domanda: quali sarebbero le gite irrilevanti (per chi?)?
Siamo forse tutti dei piccoli Messner?
Calcola che Hikr è molto letto anche da persone non iscritte, io l'ho fatto per anni, e tanti hanno mire diverse, non guardano se uno è "solo" salito al M. Bianco. Non è un sito di imprese, ma di notizie e tracce da scaricare. Mi fermo qui.
p.s.
mi sto solo confrontando, Doc, nessunissima polemica. :)


numbers says:
Sent 22 October 2018, 11h23
Ciao Doc,
sempre utili questi report,
dagli errori si impara sempre,
anche da quelli degli altri.
Sempre cmq difficile muoversi in questi ambienti.....
A volte gli ometti sono fondamentali,
magari non c'erano tracce disponibili,
ma non è giunta l'ora di pensare anche ad un GPS ?

Ciao
Mario

danicomo says: RE:
Sent 22 October 2018, 11h59
Ciao Mario,
Umberto aveva il gps ma non esistevano tracce della salita estiva. La traccia invernale ci ha portato al secondo sbaglio.
Penso mi doterò, comunque, del baracchino perché mi sto divertendo con la diavolata di gbal

Alpingio says: RE:
Sent 22 October 2018, 13h51
Ormai con gli smartphone che hanno il GPS integrato secindo me non serve acquistare il dispositivo dedicato.
Con l'app oruxmaps e le mappe openandromaps io mi trovo benissimo.
Ovvio che se non c'è traccia da caricare il problema resta...
Bravi comunque per il tentativo e per aver pubblicato lo stesso il report

danicomo says: RE:
Sent 22 October 2018, 16h39
Hai ragione, intendevo infatti lo smartphone a cui ho resistito fino ad ora...

cai56 says: RE:
Sent 22 October 2018, 15h42
"Penso mi doterò, comunque, del baracchino perché mi sto divertendo con la diavolata di gbal".

Nel Büs di Pegur ce n'è uno!

danicomo says: RE:
Sent 22 October 2018, 16h38
Lo so!!! L'hai trovato? Tanti entrano e escono a mani vuote....

cai56 says: RE:
Sent 22 October 2018, 18h35
Guarda, sono stato un po' praticante di speleologia e ti posso dire che in grotta trovare qualcosa è difficilissimo: qui poi si parla di uno scatolino…
Per dire… nella grotta "Bucone di Tremezzo" non sono mai riuscito a trovare nemmeno un cunicolo che porterebbe ad un laghetto...

Poncione says:
Sent 22 October 2018, 13h48
Non era giornata, Dani, capita... ometti o non ometti.
Ma servirà comunque a porre un futuro bis sul piatto d'argento.

danicomo says: RE:
Sent 22 October 2018, 16h42
Infatti Emi.....
Ciao.
D

Sent 22 October 2018, 19h00
Al prossimo tentativo troverai più gusto ad arrivare in cima al Pizzo di Dosdè...

Solo i saggi e i mistici non sbagliano mai e imparano sempre dagli errori degli altri... :-)

Salutoni...

Angelo

danicomo says: RE:
Sent 22 October 2018, 19h02
Ciao Angelo...
D

blepori says:
Sent 23 October 2018, 08h53
sarà anche di consolazione, ma che panorami! E sono d'accordissimo, a volte una gita ^'mancata' è più interessante che una riuscita. Ciao Benedetto

danicomo says: RE:
Sent 23 October 2018, 18h18
Ciao Benedetto, grazie.
Belli i colori (meno il dislivello...) della vostra cavalcata per creste...

andrea62 says:
Sent 23 October 2018, 11h33
Ambienti solitari che hanno meritato una visita anche se non coronata dal successo. Devo tornare anche io in Val Viola Bormina.
Ciao
Andrea

danicomo says: RE:
Sent 23 October 2018, 18h18
Son bei posti e, stranamente, poco battuti dagli hikriani....

Andrea! says:
Sent 27 October 2018, 09h47
W lo skialp!!!

danicomo says: RE:
Sent 27 October 2018, 10h18
In effetti avete una doppia opzione e, per questo, "vi odio!!!!"....
Ciao

Andrea! says: RE:
Sent 27 October 2018, 13h37
Si.
Oltre al piacere della disciplina in sé, diventa molto pratico per salire su tantissime montagne che a piedi sarebbero più problematiche.
Primis tanti 4000: con gli sci sono più veloci e sicuri.
Ciao.
A.


Post a comment»