COVID-19: Current situation

Passo della Sforzellina


Published by cai56 , 21 September 2018, 21h25. Text and phots by the participants

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:19 September 2018
Hiking grading: T3+ - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 3:00
Height gain: 586 m 1922 ft.
Height loss: 585 m 1919 ft.
Route:Circolare 9,48 km
Access to start point:Da Milano a Bormio lungo le statali 36 e38; proseguire in direzione del Passo di Gavia e parcheggiare presso il Rifugio Berni.

All'interno del Parco Nazionale dello Stelvio, ma al margine delle cime più celebrate: motivo per cui i passaggi sono pochi, se non in direzione di laboriose traversate verso la Valle di Pejo. Anche in Internet si trova poco e, quel poco, generico ed impreciso. Essendo la gita di per sé piuttosto breve, abbiamo allungato il percorso raggiungendo una panoramica bocchetta e poi agganciandoci al sentiero glaciologico della Vedretta della Sforzellina.
Alcune annotazioni di percorso: alla partenza la meta non è indicata, poi, quando compare, viene identificata con il N° 552; ma in realtà il sentiero è marcato col N° 110 e poi solo con ometti di pietre.


Dal parcheggio presso il Rifugio Berni si scende nei pascoli sottostanti a prendere una carrareccia che sale in direzione dell'ex-Rifugio Gavia (alle sue spalle i ruderi di una costruzione militare) per poi proseguire a larghi tornanti lungo la strada di arroccamento, evitando di proseguire al bivio verso sinistra in direzione del Bivacco Battaglione Skiatori Monte Ortles. Gradualmente la traccia si sposta verso destra per avvicinarsi al vallone glaciale - chiuso sul fondo dal Corno dei Tre Signori - che ospita i residui parzialmente coperti di detriti della Vedretta della Sforzellina. Evitando di salire (per il momento) all'evidente quanto falso passo a sinistra, si procede seguendo i numerosi e poco lineari ometti che invitano a salire verso una fragile parete rocciosa che frequentemente scarica pietre; si procede molto ripidamente su terreno morenico assai instabile, evitando il più possibile le colate di detriti che ogni temporale verosimilmente smuove. Verso l'alto qualche frammento di vecchissime tavole di legno infisse negli ometti indirizza ad una larga quanto infida cengia: inaspettatamente, visto lo stato del percorso, troviamo un lunghissimo e recente cavo che accompagna fino al passo [già qualche danneggiamento da scariche di sassi]. L'attrezzatura, se non proprio indispensabile, si rivela molto utile in quanto la cengia è un piano inclinato sabbioso ascendente e spiovente verso il sottostante salto roccioso. Il Passo della Sforzellina, una semplice spaccatura di rocce accatastate e affacciata su di una vallata di pascoli, permette una insolita angolazione panoramica verso la Punta San Matteo ed il Pizzo Tresero. 
Tornando, rimane la curiosità di affacciarsi alla larga apertura notata in salita: in pochi minuti lungo tracce di sentiero evidentemente frequentate, la si raggiunge; lo spettacolo di un bellissimo laghetto in una conca di poche decine di metri più in basso giustifica del tutto la deviazione. Convergendo poi nel percorso del sentiero glaciologico (anche qui, segnaletica carente e presenza di molti ometti costruiti qua e là), si prosegue verso sud alla base della morena frontale della vedretta, per poi scendere verso il Passo di Gavia lungo una mulattiera militare in più punti cancellata da franamenti. Per non tornare al parcheggio seguendo noiosamente la statale, decidiamo di scendere con una graduale diagonale senza sentiero fra i pascoli fino all'ex-Rifugio Gavia, dove si riprende il percorso di andata.


https://www.relive.cc/view/g24924039204

Hike partners: cai56, chiaraa


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (3)


Post a comment

Sent 22 September 2018, 15h44
la presenza in loco della Sciurapina ha manifestato il suo influsso meteorologicamente benigno :-) Bel giro . ovviamente fuori dagli schemi, Come quello del Sasso Nero.

cai56 says: RE:
Sent 22 September 2018, 19h35
Vuoi dire che l'influsso della Sciurapina è anche geologicamente attivo?
Nel senso che ha contribuito a farci dribblare le scariche di pietre?

sciurapina says: RE:
Sent 23 September 2018, 16h24
Beh non esageriamo:-) che poi mi santificano da vivo e non mi pare bello :-)


Post a comment»