Punta della Vedretta (Im Intern Heis) 3269 m e Croda delle Cornacchie (Grawand) 3256 m


Published by cristina , 17 September 2018, 09h37. Text and phots by the participants

Region: World » Italy » Trentino-South Tirol
Date of the hike:10 September 2018
Hiking grading: T3+ - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I   A 
Access to start point:Da Merano perocorrere la Val Venosta fino al bivio per la Val Senales. Posteggi al termine della valle in corrispondenza degli impianti di risalita. Dovrebbero essere a pagamento ma oggi il gabbiotto ha aperto tardi e chiuso presto o non ha aperto proprio, noi non abbiamo pagato.

Lasciata l’auto a Maso Corto, Val Senales, saliamo al rifugio Bellavista che, nonostante il nome, la bellavista è parecchio rovinata dagli impianti e sterrate di collegamento, se si vuole la bellavista bisogna guardare solo in alto….

Dietro al rifugio un sentiero ben tenuto e ben segnato conduce senza alcuna difficoltà alla Punta della Vedretta. Purtroppo non solo la vista è deturpata dagli impianti ma anche dal rumore di ruspe e gatti delle nevi al lavoro sul ghiacciaio e solo passato il primo dosso potremo avere il silenzio tanto desiderato.

La cima comunque offre una gran bella vista che ci godiamo per una buona mezz’oretta.

Scesi i primi metri ci spostiamo verso il laghetto e su terreno detritico, cercando i punti migliori dove passare, scendiamo nella conca sotto il rifugio andando a prendere il sentiero che risale alla Croda delle Cornacchie.

Qui paghiamo lo scotto degli impianti. Una cosa che la volta scorsa, a impianti chiusi, non avevamo realizzato, è che chi sale in funivia da Maso Corto ha la possibilità, e lo fanno in molti, di scendere al rifugio Bellavista, anziché a piedi, utilizzando ben due seggiovie che si dividono i 500 m di dislivello in due tronchi, poi ahimè o scendono a prenderli quelli del rifugio con qualche diavoleria meccanizzata oppure si devono fare almeno un centinaio di metri di risalita.

Giunti quindi alla funivia e relativo ristoro, scopriamo che è anche l’albergo più alto di Europa…

Prima di salire alla Cornacchia percorriamo la cresta panoramica, attrezzata in modo tale che si possa percorre anche con i passeggini. I 35 minuti sono forse per i passeggini perchè 10 minuti sono sufficienti per chi cammina normalmente anche chi non è abituato ad andare in montagna. Saliamo quindi alla Croda della Cornacchia dove sostiamo in completa solitudine…

Percorriamo quindi la cresta parzialmente attrezzata. Non difficile ma con qualche tratto esposto.

Giunti al colletto comincia la lunga discesa. Prestare attenzione nella prima parte, dove il sentiero scende piuttosto ripidamente e su ghiaino. La verticalità, specialmente di un tratto di un centinaio di metri, può dare qualche problema per l’esposizione. Il sentiero poi spiana e giungiamo al lago per la sosta pranzo. Per Maso Finale si scendono altri due ripidi salti, senza problemi di esposizione, solo ripidi.

A Maso Finale imbocchiamo il sentiero 7 per tornare a Maso Corto. Un lungo traverso con svariati su e giù che ci mettono a dura prova, sembra non arrivare mai…

Bella escursione, peccato la zona del rifugio Bellavista…


Hike partners: cristina, Marco27


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (4)


Post a comment

Menek says:
Sent 17 September 2018, 14h39
bellissime zone che ho nei ricordi recenti....

cristina says: RE:
Sent 17 September 2018, 14h47
Però mi piange il cuore nel vedere lo scempio al rifugio Bellavista...mi sa che anche su quel micro ghiacciaio hanno messo le coperture, si vedevano delle cose strane spuntare dalla neve...

Vedere poi la gente salire in funivia e scendere in seggiovia i 500 m per andar al rifugio quando ci sono sia una bel sentiero che una comoda sterrata....una tristezza...beh poi c'erano quelli che salivano in funivia solo per andare sulla terrazza dell'albergo a prendere il sole...doppia, tripla e quadrupla tristezza

GIBI says: RE:
Sent 19 September 2018, 00h38
conoscevo uno che faceva il camionista e che quindi guidava tutto il giorno e che per andare a prendere il giornale da casa sua all'edicola ( 100 mt ) prendeva su l'auto ... non c'è da meravigliarsi più di niente e nessuno !

Comunque belle zone e il rimpianto durante l'anno di militare a Bolzen di non averle visitate !

ciao Giorgio

cristina says: RE:
Sent 19 September 2018, 21h42
Hai perfettamente ragione, del resto si va in bici e si nuota, ma la cosa che dovrebbe essere più naturale, camminare, se si può evitare di farla.... si fa, beh presenti esclusi :-)


Post a comment»