COVID-19: Current situation

bivacco Luca Reboulaz m.2575 - Col Livourneaz m.2840 (AO): giornata strepitosa!


Published by Alberto , 3 October 2017, 10h00.

Region: World » Italy » Val d'Aosta
Date of the hike:24 September 2017
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 3:30
Height gain: 975 m 3198 ft.
Height loss: 30 m 98 ft.
Route:[p ] parcheggiare o alla grande area pic-nic m.1910 con wc disponibili,postazioni per barbecue,fontana,panche e alberi che donano ombra,oppure scendere di 30 m. tramite strada asfaltata per circa 1 km. e [p ] parcheggiare vicino alla chiesetta di Porliod m.1879: da qui vige il divieto di transito ai non autorizzati - seguire il segnavia n° 14 - Alpe la Nouva m.1955 - Lo Ratzo m.1966 - rifugio Magià m.2007 località la Servaz (il segnavia da ore 1,50) tramite la bella sterrata (si consiglia di percorrerla con la bike) km. 5,00 - poco dopo la strada giunge ad un ponte sul torrente: prima di attraversarlo,a destra in basso su un masso vi è indicato il segnavia da seguire n° 13,sul tracciato si trova anche il segnavia n° 1 dell'alta via - Crottes m.2389 - Bivouac Luca Reboulaz m.2575 al Lac de Luseney km. 8,430 disl.+715 -30 ore 2,55 effettive (la segnaletica da 3,50 dalla partenza) da qui,per chi vuole vi è la possibilità di ritornare al punto di partenza seguendo l'alta via n° 1 passando per il rifugio Cuney m.2652 in ore 2,05 tramite tracciato EE poi tramite un bel sentiero fino ad incrociare la nuova sterrata che giunge a quota 2500 circa,seguendo le indicazioni per la località di partenza tramite sentiero e parte di strada (più breve) o per tutta la sterrata (più lunga). Bivouac Luca Reboulaz m.2575 - Colle Livourneaz m.2840 disl.+260 km.1,480 (dal bivacco il segnavia da ore 1) ore 0,40 per un totale di ore 3,35 e km. 9,910 dislivello+ 975 -30
Access to start point:Milano - autostrada A4 MI/TO - seguire per Aosta e uscire a Nus - entrare nell'abitato e prima di uscire seguire le indicazioni in blu per Saint Barthélemy,prendere a salire a destra la strada che conduce a Petit/Fénis - Blavy - Val Dessus - Les Fabriques - al bivio prendere per Lignan con wc e fontana - [p ] grande area pic-nic m.1910 - Porliod m. 1879 [p ] per 6/7 posti P.S: salire quassù bastano auto "normali"...suv e 4x4 non servono
Accommodation:Bivouac Luca Reboulaz m.2575: superata la porta d'entrata vi è un piccolo atrio attrezzato di cassetta pronto soccorso,radio trasmittente per soccorso funzionante con pannello solare - superata la seconda porta: a sinistra vi è la porta con accesso alla camera di 24 p.l. con materassi coperte e cuscini - nell'altro locale la cucina con fornello a 2 fuochi - una piccola stufa a legna che sostituisce il piccolo camino (vi sono gli attrezzi anche per spaccare i ciocchi di legna ma all'esterno) - pentole a grandi quantità - acqua all'esterno tramite fontana o direttamente dal torrente in uscita dal lago - wc esterno - non vi è luce elettrica, solo piccole candele.
Maps:carta escursionistica comunità montana Monte Emilius 1: 25.000

Le previsioni per domenica sembrano dare bel tempo a ovest,quindi a Giovanni propongo un escursione in zona in particolare dove poter fare acquisti locali d'alpeggio.

Mentre si procede lungo la valle di Saint Barthélemy,dei nuvoloni grigi rilasciano piccole goccioline e ben si vede che la strada è umida ma prima di giungere a Lignan,il sole fa capolino.

Giunti a Lignan proseguiamo sulla strada asfaltata per Porliod per poi scendere al campetto di calcio dove vi è allestito il punto di osservazione per vedere le stelle e costellazioni tramite teleobiettivi abbastanza grandi: il parcheggio era pieno di camperisti e sotto il portico si teneva la vendita di prodotti locali che acquistiamo,per poi procedere lungo la strada e giungere prima al parcheggio grande zona area pic-nic poi in discesa al piccolo parcheggio situato a fianco alla piccola chiesetta di Porliod.

L'aria è frizzante ma il versante che percorriamo è già al sole: questo tratto di strada è la prima volta che la percorro e sulla carta non è segnalata perché di nuova costruzione come del resto altre strade che si diramano da questa.

Il percorso procede ad una quota costante che si aggira sui 1970 m. con alcuni tratti in discesa per un totale di 30 metri fino a giungere al rifugio Magià (aperto tutto l'anno) km. 5,00 che dispone di un gatto delle nevi per battere le piste forestali e adibirle ad uso escursionistico con le ciaspole.

Dopo una bella camminata a passo sostenuto,quindi riducendo notevolmente le tempistiche rispetto la segnaletica,procediamo ancora un poco su strada poi,prima di attraversare il ponticello sul torrente Saint Barthélemy ,prendiamo a destra il segnavia n° 13 e n° 1 dell'alta via e procediamo per un poco in falso piano poi a quota 2200 circa,dove incontriamo un bivio che segnala l'eventuale percorso di rientro (o di andata più lungo di 1 ora), cominciamo a salire con pendenza moderata fino al successivo bivio che incrocia l'alta via dove con percorso a zig zag perveniamo al bel bivacco Luca Reboulaz m.2575 ben accessoriato km. 8,430 disl.+715 -30 ore 2,55.

Quando entro noto una forte luce,pareva che avessero lasciato acceso la lampadina,ma in realtà è il nuovo lucernario che permette di illuminare a giorno il locale oltre alle altre 3 finestre: con i proventi inerenti all'uso del rifugio ecco una nuova miglioria,forse un giorno provvederanno a istallarne uno anche nella zona letto con le coperte ben ordinate in un angolo.

Sarebbe anche bello che in futuro avessero la possibilità di istallarvi una cucina a legna di quelle con forno visto che vi sono grandi pentoloni con cui poter cucinare per gruppi numerosi (si possono superare i 60 coperti con tali pentole).

Dopo una sosta pranzo,sento che le mie condizioni fisiche sono buone,propongo a Giovanni di proseguire per il Colle Livourneaz m.2840 disl.+260 km.1,480 ,cosa che accetta più che volentieri: le indicazioni danno 1 ora ma noi in 35/40 minuti lo raggiungiamo,poi scendiamo un poco e risaliamo un pendio dal quale seguendo una larga cengia,ci permette di vedere la valle sottostante che è la Valpelline.

Da questa posizione il panorama sul bel lago è da favola,inoltre ho potuto constatare e capire cosa erano tutte quelle stradette che conducevano alle malghe,in parte già percorse: per chi ha tempo e possibilità fisiche,una volta sceso al bivacco può compiere una traversata tramite l'alta via 1 andando al rifugio Cuney e poi tornare al parcheggio,allungando ulteriormente può proseguire al bivacco Clermont e scendere sempre al luogo di partenza.

Giornata stupenda che via via è migliorata per quanto riguarda la meteo,la quale ci ha permesso di apprezzare al meglio la lunga escursione e i panorami circostanti,poi il rientro tramite la sterrata,ci ha consentito di camminare un po all'ombra con tratti brevi al sole fino a giungere al parcheggio esposto (in tale periodo) al sole.

Visto l'orario si decide per la sosta cena nel posto che abbiamo scoperto l'estate trascorsa dove devi dire basta se non vuoi che ti riempiano a dismisura il piatto: giornata al top sotto tutti gli aspetti!

 

Alla prossima!


Hike partners: Alberto


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (1)


Post a comment

maxcross1 says:
Sent 5 November 2017, 20h54
Sempre ottime le tue relazioni.
Bravo


Post a comment»