Chamanna da Tschierva mt 2583 da Pontresina


Published by turistalpi Pro , 9 July 2017, 16h41.

Region: World » Switzerland » Grisons » Berninagebiet
Date of the hike: 5 July 2017
Waypoints:
Geo-Tags: CH-GR   Bernina-Gruppe 
Time: 8:30
Height gain: 850 m 2788 ft.
Height loss: 850 m 2788 ft.
Route:come waypoint

Mio fratello Alberto è quasi un anno che non viene in montagna. Oggi viene e decido di andare alla capanna da Tschierva con un percorso lungo ma poco ripido e ben camminabile.....Alberto non ci è mai stato. La giornata si presenta abbastanza bella, calda ma ovviamente molto meno che Monza ed Albavilla. Lasciamo l'auto al parcheggio nei pressi della stazione di Pontresina e proseguiamo lungo le segnalazioni del sentiero per val Roseg. Praticamente trattasi di una piacevole stradina nel bel bosco della rinomata val Roseg. Dopo l'hotel che lasciamo sulla destra proseguiamo ancora su una larga mulattiera-stradina, passiamo alcuni ponticelli e più avanti comincia il sentiero per la capanna. Già dalla piana il panorama è bellissimo verso la zona dell'altra capanna, la Coaz, in fondo alla valle  appena sotto il ghiacciaio del Piz Gluschaint. Tra una bella e variata fioritura il  sentiero compie un lungo traversone girando un costone  del Piz Boval e poi Tschierva  entrando nella valletta che scende  dall'omonimo ghiacciaio. Alcuni tornati ci fanno guadagnare quota sino a vedere la capanna sulla sinistra sotto i contrafforti del Piz Tschierva. Man mano che proseguiamo si allarga sempre più la vista sul favoloso Piz Roseg a destra  ed a sinistra sulla regina dell'Engadina e cioè il Piz Bernina con la famosa Biancograt al Piz Bianco  insieme  al Piz Scerscen. Ad ogni passo le foto sono sempre più attraenti ma......non  ho caricato la batteria e non ho quella di riserva! Per fortuna c'è lo smartphone ma soprattutto c'è Alberto con la sua super reflex...meno male! Alberto non  è allenato ma il suo passo è sempre veloce. L'ultimo tratto comporta qualche tornante nei sassi  sino al rifugio. Ho sempre seguito tranquillamente Alberto ma ora il bruciore o fastidio al collo  (penso sempre per la cosiddetta "cervicale") mi obbliga a qualche breve sosta ma comunque con qualche minuto di ritardo raggiungo mio fratello al rifugio. Spettacolo fantastico sulla predetta triade di cime e sul sottostante ghiacciaio...roba da non staccare mai gli occhi intanto che ci mangiamo due bei rosti con birra in pieno sole! Più tardi parliamo un poco con uno dei gestori che è di Livigno e qui posso dare un'informazione,  qualora già non si conosca, sulla impegnativa traversata alla capanna Coaz (nuovi gestori): occorre scendere lungo la morena destra del ghiacciaio sin quasi al termine per poi traversare il grosso torrente con una specie di ponte tibetano  oppure con la cosiddetta "tirolese" che consta di un seggiolino appeso ad un cavo per il traino manuale e tutto ciò a pochissimo dal pelo dell'acqua.....per me è un po' da brivido e senz'altro preferirei  l'enorme allungatoia ripassando dal hotel Roseggletscher ma ad  alcuni più giovani  amici hikriani amanti di tratti adrenalinici può far piacere...(comunque prima di intraprendere questa traversata informarsi sempre presso i gestori). Dopo la lunga e piacevole sosta salutiamo il gentilissimo gestore e prendiamo a scendere ovviamente per lo stesso percorso dell'andata dove non ho avuto problemi di "cervicale". Con passo allegro e poche soste arriviamo così al parcheggio. Questa è la terza volta che vado alla Tschierva ed anche se l'elementare sentiero è a tratti monotono,   le visioni sono impagabili e meritano anche ulteriori visite. Alberto è stato contento della zona, del panorama e ...del rosti, ma penso soprattutto che è felice di esser tornato almeno una volta in montagna nonostante i suoi impegni di nonno. Alla prossima escursione insieme forse.....fra tre mesi (peccato perché mi trovo benissimo con Alberto e sin da quando eravamo piccolini.....). Le foto sono in massima parte di Alberto.

Hike partners: turistalpi


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

T5
D+ II
T4 AD+ III
T2 F
T2

Comments (2)


Post a comment

GIBI says:
Sent 11 July 2017, 16h02
Non c'è che dire ... complimenti a tuo fratello Alberto per le stupende foto e a te Enrico per averlo portato in questo paradiso !

ciao Giorgio

turistalpi Pro says: RE:
Sent 11 July 2017, 21h39
Grazie Giorgio e.....complimenti a te per la salita al Madonnino... Cerca di stare in salute per godere di più. Scusa un'informazione: hai sostituito il commento al mio report del Nair con qualcosa che non so cosa voglia dire....che cos'è e c'è qualche motivo?....Ciao ed auguri di stare sempre bene.....d'altra parte sei giovane e la vita sui monti ti arride in pieno.
Enrico


Post a comment»