Traversata S-N della Valgrande da Ponte Casletto a Colloro


Published by atal , 24 April 2017, 22h50.

Region: World » Italy » Piemonte
Date of the hike:22 April 2017
Hiking grading: T5+ - Challenging High-level Alpine hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 2 days

Impegnativa escursione di due giorni lungo lo storico sentiero che forse più di ogni altro racchiude l'essenza del fascino selvaggio della Valgrande. Era in progetto da diversi anni e finalmente si è presentata l'occasione giusta per realizzarlo, grazie ad una primavera straordinariamente asciutta, un weekend di meteo stabile, seguito dal ponte del 25 Aprile - strategico per ricaricarsi al termine di un viaggio come questo - e l'ottima compagnia di Ferruccio, Francesco e Stella.
 
L'itinerario può essere spezzato con un pernottamento in diversi punti, a condizione di rinunciare ai bivacchi di Orfalecchio e In La Piana, perché la loro collocazione non è di aiuto se si vuole contenere la durata della traversata a "soli" due giorni.
Per godere della massima libertà di movimento e al contempo ridurre il peso il più possibile, ci siamo organizzati per pernottare all'aperto senza tenda.
 
Avvertenze
Percorso impegnativo, lungo e faticoso. Ci si muove in ambienti selvatici e isolati dove la copertura di rete è assente e si può contare solo sulle proprie forze. 
 
Il sentiero è segnalato da bolli rossi e attrezzato con catene recenti su molti passaggi esposti ma non su tutti. Soprattutto nella zona tra la Valletta, dopo l'Arca, e il pozzo di Val Negra la segnaletica scarseggia, la traccia non è sempre ben visibile e si incontrano dei tratti franati.

Da tenere presente che l'elemento critico nella riuscita del giro è la quantità di acqua presente ai guadi dell'Arca e del Rio Fiorina, pertanto sono da preferirsi i periodi di scarsa piovosità.
 
E' opportuno portare con sé una corda. Noi non l'abbiamo usata ma può essere utile.
 
Logistica
Ci troviamo a Colloro, dove lasciamo una macchina, mentre con l'altra ci portiamo al piccolo parcheggio di Bignugno, a pochi minuti da Ponte Casletto.

Da Ponte Casletto a Orfalecchio
Per la prima parte del percorso rimando alla relazione che avevo scritto qualche anno fa (link).
La giornata è splendida e nel Rio Valgrande l'acqua è veramente poca, condizione che fa ben sperare nella riuscita del giro.
 
Da Orfalecchio all'Arca
Dopo Orfalecchio, il sentiero prosegue in modo molto rassicurante ma presto le cose cambiano: alcuni tratti esposti non sono protetti e la traccia in alcuni punti è meno evidente rispetto al tratto precedente. Dopo avere attraversato una serie di canali secondari, il percorso entra in Val Piana (che in realtà di piano non ha nulla..). Per raggiungere il torrente che scorre sul fondo ci si cala da una salto di roccia con una catena, mentre il vecchio sentiero, a stento riconoscibile, attraversa poco più a monte. Con faticosa e ripida risalita, si guadagna il Colletto di Val Piana (871 m, 677182 097595). Si traversa a sinistra (Ovest) e si giunge su un poggio da cui si vede finalmente la gola dell'Arca, un intaglio a V stretto tra pareti di roccia scura, attorniato da una vegetazione esuberante.

Sempre poggiando a sinistra (Ovest) si scende con ripido percorso fino ai massi del greto. Seguendo i bolli rossi si arriva all'ingresso della grande caverna dell'Arca (circa 700 m), riparo primordiale e suggestivo, se non fosse per l'esposizione di teli di plastica e altri lasciti di chi lo ha utilizzato come bivacco.
Il fondo è terra umida, anche in questa giornata asciuttissima, e non mi sembra un buon posto dove pernottare.
 
Tempi: circa 2:30 da Orfalecchio.
 
Al guado dell'Arca
Una freccia rossa su un masso indica la zona a cui puntare per guadare il fiume. Nonostante il periodo di magra, entrare in acqua non sembra un'opzione raccomandabile. Bisogna quindi trovare un punto adeguato in cui saltare.
Dopo non poche perplessità, Francesco si lancia, senza zaino, sulla sponda opposta in un punto in cui ci sembra azzardato tentare il balzo con il carico sulla schiena. Dalla nuova prospettiva, Francesco riesce ad individuare un grosso masso da cui saltare in condizioni di maggiore sicurezza e tutti superiamo il Rio Valgrande senza problemi.
 
Dall'Arca a In La Piana
Si risale inizialmente nella valletta dell'Arca, situata a destra (Est) del pinnacolo roccioso che precipita sulla forra. In breve si giunge al colletto dove si trovano i ruderi della Baracca dell'Arca (quota 761 m IGM), un pianoro comodo per pernottare (e molto più asciutto della caverna) ma sono le ore 17 e per sfruttare al massimo le ore di luce decidiamo di proseguire. Dal pianoro, il sentiero sale sulla sinistra (Ovest). Si sale per un tratto una dorsale panoramica tra la Valle dell'Arca e la Valletta, si supera un traverso attrezzato e si attraversa quindi il fondo senz'acqua della Valletta. Dopo questo tratto la traccia diviene via via più incerta. Si affrontano con cautela passaggi esposti senza protezioni e tratti in cui il sentiero è franato, con numerosi saliscendi. Dopo avere trovato finalmente un canale con acqua corrente, facciamo adeguata scorta e proseguiamo fino alla dorsale successiva, dove si trova un piccolo pianoro con resti di un terrazzamento e un pezzo di cavo di teleferica (circa 830 m di quota). Di fronte a noi tra il fogliame si intravede l'imbocco della Val Balm Bert.

Sono le ore 19 e decidiamo di fermarci a bivaccare. Un pasto frugale e poi ognuno si infila nel sacco a pelo prima di disperdere il calore del corpo. Il mattino successivo apro gli occhi alla prima luce: sopra di me il cielo è già chiaro, tra le foglie dei tigli. La temperatura esterna è di 5 °C.

Riprendiamo il cammino verso NO fino al punto dove il corso della valle volge a N. Ad un certo punto per scendere un salto verticale di un paio di metri ci affidiamo ad uno spezzone di corda lasciato da chissà chi, legato alla base di un agalìtt, una delle tantissime piante di maggiociondolo viste in questa zona. Sotto lo spezzone, una catena aiuta a scendere un sorta di camino e una breve placca. Si prosegue nel lungo traverso e si entra in Val Negra - un canale dal fondo roccioso da cui scende una sottile cascata - con un passaggio su una ponteggia, dove ci si affida ad una catena, mentre i piedi appoggiano su un sottile tronchetto che flette in maniera inquietante sotto il nostro peso. Ancora un traverso su roccia protetto da catene e ci si cala sul Pozzo di Val Negra (che in realtà più che un pozzo è una pozza del torrente, a monte della cascata). Si risale un tratto roccioso verticale grazie ad un'ennesima catena e si prosegue su sentiero verso Nord. Un traverso esposto tra il bosco di abeti e il precipizio, e si arriva al punto in cui si scende al guado sul Rio Fiorina. Qui ci togliamo i pantaloni e, scarponi al collo, attraversiamo il torrente immergendoci fino a sopra il ginocchio. Giunti sul lato destro, si risale la ripida sponda in un punto dove si vedono dei cavi arrugginiti, ritrovando così il sentiero che, attraverso una bellissima faggeta, porta nei pressi di In La Piana, sul frequentato sentiero della traversata Malesco - Premosello.

Tempi: circa 4 ore dal guado dell'Arca al guado sul Rio Fiorina (divisi grosso modo a metà tra primo e secondo giorno), 30 ' dal guado sul Rio Fiorina a In La Piana.

Da In La Piana a Colloro
Si tratta di un comodo sentiero ben segnalato ma decisamente faticoso al termine di un giro come questo (qui lo avevo documentato a suo tempo: link). La stanchezza infatti non tarda a farsi sentire e impiegheremo ben 4 ore per raggiungere la Colma di Premosello. Splendida la zona dell'Alpe Serena con i colori della primavera. Alla Colma indugiamo in un pranzo fuori orario che compensa l'essenzialità dei pasti precedenti e ci incamminiamo verso Colloro, che raggiungeremo in circa 2 ore.

Fonti
Teresio Valsesia - Valgrande, Ultimo Paradiso

Link alla relazione di Ferruccio:

Hike partners: atal


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (23)


Post a comment

micaela says:
Sent 24 April 2017, 23h09
Magnifica avventura, splendide foto, racconto avvincente!
Grazie.
Un saluto a tutti voi, Micaela.

atal says: RE:
Sent 25 April 2017, 11h15
Grazie Micaela, mi fa piacere che anche il racconto sia stato apprezzato. Per le foto, sono semplici istantanee "senza trucco": sono proprio i posti ad essere così... E' stata veramente una grande (e faticosa) avventura.
Ciao,
Andrea

GAQA says:
Sent 25 April 2017, 06h00
Complimenti l' ARCA !! Non aggiungo altro....
Spettacolo puro !!
Ciao Alessandro

atal says: RE:
Sent 25 April 2017, 11h30
Grazie Alessandro. L'ARCA, il Pozzo di Val Negra...nomi suggestivi, quasi mitologici, che avevo in mente da quando avevo letto per la prima volta il libro del Valsesia. Finalmente si è presentato un allineamento di pianeti favorevole per andare a verificare di persona. Una grande emozione. Peccato però per i teli di plastica nella caverna...
Ciao,
Andrea

jkuks says:
Sent 25 April 2017, 07h54
Bravissimi!
Bellissima escursione nella stupenda Val Grande.
Un altro dei miei desiderata...
Gianluca

atal says: RE:
Sent 25 April 2017, 11h34
Grazie Gianluca, un giro bellissimo e impegnativo. Sicuramente una delle cose più interessanti in quest'angolo dell'arco alpino, ovviamente con le dovute precauzioni.

Ciao,
Andrea

danicomo says:
Sent 25 April 2017, 08h43
Bellissimo....
Finalmente la...."tua" Arca!
Daniele

atal says: RE:
Sent 25 April 2017, 11h37
Già Daniele...finalmente! Ricordo i tuoi commenti di qualche anno fa, quando mi chiedevi quando ci sarebbe stato un reportage dell'Arca. E' arrivato il momento giusto, con la compagnia giusta...

Buone cose,
Andrea

Max64 says:
Sent 25 April 2017, 08h45
Gran bella escursione,complimenti,
nel cuore della Val Grande
Bravi
ciao
Max

atal says: RE:
Sent 25 April 2017, 11h39
Grazie Max, un giro di quelli che non si dimenticano. Alla fine mi sono lasciato conquistare dalla filosofia del bivacco all'aperto e devo dire che è l'approccio giusto per un'escursione di questo tipo.

Ciao,
Andrea

Sent 25 April 2017, 16h08
Bravi!! momento ideale per questa gita, poca vegetazione.
Ah, mai stato giù in quei buchi. ciao
roby

atal says: RE:
Sent 25 April 2017, 16h52
Grazie Roby, veramente il momento giusto: poca vegetazione e, soprattutto, poca acqua...
Ciao,
Andrea

Poncione says:
Sent 25 April 2017, 18h09
Giro fantastico e impegnativo. Mi sa veramente che con condizioni di bagnato appena superiori i rischi si moltiplichino nonostante le attrezzature metalliche sui punti più esposti...
Complimenti per la bella impresa in uno dei luoghi davvero più magici della Valgrande.

atal says: RE:
Sent 25 April 2017, 18h33
Grazie. Sicuramente con il bagnato il rischio aumenta, anche perché ci sono diversi passaggi esposti non protetti e alcuni che non saprei nemmeno come potrebbero essere messi in sicurezza, ad esempio lunghi traversi su erba "ciularina" sul ciglio di precipizi. ... inoltre se piove i guadi possono diventare ostacoli insuperabili.

wildfrog says: Complimenti
Sent 25 April 2017, 19h16
Complimenti Andrea...

Ti seguo sempre (telematicamente parlando :-) )

bye
A

atal says: RE:Complimenti
Sent 26 April 2017, 07h37
Grazie A, ricambio i complimenti, visto che anche tu hai fatto la traversata, qualche tempo fa, tra l'altro impiegandoci meno tempo di noi.
Stammi bene

wildfrog says: RE:Complimenti
Sent 26 April 2017, 09h14
ciao
Sì una giornata ma è stata una ca@@@ta, meglio con calma e godersela...
;-)

Sent 26 April 2017, 22h41
(Tradotto da Google)

Fotografia sorprendente di questo Eden Cosa Valgrande. E dimostrando che il percorso è spesso più interessante rispetto alla meta. (Un po 'di filosofia non fa male.)

atal says: RE:
Sent 28 April 2017, 07h42
Un Eden visto come in un sogno, nei fugaci momenti - strappati alla fatica e alla concentrazione del cammino - in cui lo sguardo si alzava per qualche istante dalla punta degli scarponi per posarsi su una lontana pozza color smeraldo o su un caleidoscopio di colori sul versante opposto al nostro. Rimane una collezione di immagini, molto più vasta di quella pubblicata, talvolta struggenti, e la sensazione di avere sfiorato per due giorni una bellezza che non si lascia toccare.

Sent 29 April 2017, 07h20
Che dire..... anche il titolo della relazione è intrigante. Non la mitica Arca in evidenza ma "solo" traversata... Poi colleghi Ponte Casletto e Colloro e capisci... Per chi ama la Valgrande rimane forse un sogno irraggiungibile. Grande impresa che mi fa' capire che non è per tutti. Per queste avventure testa e gambe non si improvvisano e le tue uscite lo testimoniano.
Complimenti anche ai tuoi compagni di viaggio!
Giuliano

atal says: RE:
Sent 30 April 2017, 11h58
Grazie Giuliano, come giustamente dici, è una di quelle cose che non si improvvisano e non è per tutti. Prima di affrontare un percorso come questo è opportuno misurarsi con percorsi più brevi (ad esempio Ponte Casletto - Orfalecchio, fattibile a/r in giornata), sapendo che le cose più impegnative arriveranno dopo... Inoltre bisogna mettere in conto che lo zaino pesante, se non ben bilanciato e aderente alla schiena, può causare pericolose oscillazioni del baricentro sui numerosi passaggi esposti.
Buone cose,
Andrea

Andrea! says:
Sent 3 May 2017, 21h57
Bellissimo.
Anche io ho un ricordo quasi "mistico" dell'Arca.

Uno di quei posti resi misteriosi da racconti letti, studio di sentieri che forse esistono e forse no, ecc ... e poi ci vai ... e tutto assume forme concrete, emozionanti che ti fanno vivere quel "semplice" luogo come qualcosa di speciale!

Noi avevamo pernottato al bivacco di In La Piana e poi il giorno seguente proseguito per Mottac, Bocchetta Pozzolo (con qualche cimetta li nei dintorni) e scesi quasi di corsa a Villadossola per prendere un treno.

Stupendo, ne riserbo un ricordo ancora molto forte.
Andrea

atal says: RE:
Sent 5 May 2017, 07h46
Grazie Andrea per avere condiviso la tua esperienza.

Immagino che il tuo ricordo sia dei tempi in cui c'erano i cavi elettrici o magari niente dove ora c'è acciaio zincato.

Io sono arrivato tardi da queste parti e volevo riuscire a fare la traversata prima che venissero ultimati i lavori per la messa in sicurezza del sentiero da Ponte Casletto a In La Piana. Si vocifera addirittura di un ponte al guado dell'Arca: se verrà fatto, la percezione che abbiamo di questi luoghi non sarà più la stessa. Diventerà un percorso più "normale" e più frequentato e quell'alone di mistero - e con esso parte di quel qualcosa di speciale - andrà perduto.

Ciao,
Andrea


Post a comment»