Via Engiadina ed anello dei laghi Silvaplauna e Sils da Maloja


Published by turistalpi , 1 June 2016, 14h40.

Region: World » Switzerland » Grisons » Oberengadin
Date of the hike:28 May 2016
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: CH-GR 
Time: 8:00
Height gain: 800 m 2624 ft.
Height loss: 800 m 2624 ft.
Route:come waypoints

Dalle previsioni oggi sembra che sia l'ultimo giorno di bel tempo prima di diversi giorni con tempo brutto. E' un po' di tempo che non vado in Engadina ed oggi anche se oltre 2300 metri c'è ancora neve decido di fare il bel giro dei laghi attirato anche dalla lettura della relazione su hikr di cai56(ovviamente non sono un runner come cai56 e chiaraa) che ringrazio. Per la verità devo aver già fatto questo anello nel lontano 1985 con Pinuccia ma la lettura della relazione di cai56 me lo ha ricordato. E così sono qua e mi fermo al parcheggio del nuovo ristorante Longhin partendo a piedi da Pila. La giornata è sole e nuvole con a tratti vento fresco.  Tutto il percorso è già stato mirabilmente descritto e fotografato appunto da cai56. Praticamente la salita sino a Silvaplauna percorre la classica "Via Engiadina" che arriva sino a poco prima del confine austriaco ed è ben descritta nel libro di Luca Merisio "Via Engiadina-un sogno lungo 140 chilometri". Il sentiero è molto ben tenuto e comodo anche se sale e scende ed è estremamente panoramico sui laghi sottostanti e sui monti classici engadinesi dei due versanti. Oggi ogni tanto c'è foschia pazienza....non vorrei mai terminare questa escursione per cui mi fermo spesso a fotografare ed a respirare questa bella aria freschina....ma c'è anche il sole a tratti. Passo dai bei villaggetti di Blaunca e Grevasalvas e da diversi punti panoramici con belle panchine. Bellissima sosta a Plaz dopo Foglias.  A Silvaplauna evito una parte della strada asfaltata scendendo direttamente al Camping ed in riva al lago di Silvaplauna. Arrivo al ponte di Surley ed alla famosa casa "Crap da Sass" in riva al lago (ricordi di diversi anni di vacanze trascorsi con Pinuccia appunto a Surley) e proseguo lungo la stradina a  lago. Il panorama è sempre interessante ma il vento è un po' più fastidioso....Passo sotto la cascata "Wasserfall" ed arrivo a Furtschellas completamente deserta. Traverso Sils Maria e proseguo lungo la stradina e sui prati in lontananza un giovane cerbiatto corre verso l'inizio della penisola di Chastè(vedasi foto). Il lago di Sils è a mio parere il più bello ravvivato com'è dalla penisola di Chastè e dalle  due piccolissime isole di Chaviolas.  Per arrivare ad Isola il sentiero sale per superare un dirupo a picco e poi scende ad Isola. Bella la sosta su panchina in cima alla salita con vista diretta appunto sugli isolotti(Chaviolas) e la penisola di Chastè. Oltre Isola e più avanti c'è un bivio così a destra posso seguire il bel sentiero a picco sul lago (ad ogni curva belle visioni). Arrivando all'inizio di Maloja paese seguo l'indicazione Maloja Posta perché così arriverò proprio nei pressi di Pila. Bella e romantica la chiesetta del Maloja, mi ricorda certe altre chiesette nelle Dolomiti...Incontro un bel cucciolino che però è curioso e si avvicina ma ad ogni mio tentativo di coccole ha paura e scappa....Ormai la giornata engadinese volge al termine ed arrivo al parcheggio. Nonostante le foschie ed il fotografo ho fatto tante foto per me ricordo......Ritorno ad Albavilla ben rigenerato in attesa della prossima.....

Hike partners: turistalpi


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Post a comment»