COVID-19: Current situation

Monte Crocione 1641 m e Monte Tremezzo 1700 m


Published by cristina , 15 January 2016, 08h57. Text and phots by the participants

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:10 January 2016
Hiking grading: T3+ - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 1 days
Height gain: 1900 m 6232 ft.
Route:29,1 km a/r: Griante-Santuario San Martino-Pilone-Sasso San Martino-Monti di Nava-Monte Crocione-Monte Tremezzo-Rifugio Venini-Alpi Lenno, Gada e Piazza-Narro-Mezzegra-Griante
Access to start point:Autostrada Como Chiasso, uscita Como Nord. Prendere SS 340. Passato il ponte sul torrente Roncone svoltare a sx. Posteggio lungo il torrente oppure seguire l'indicazione di un altro posteggio più comodo un poco più avanti sulla strada.

Poco prima di partire propongo un’alternativa a giro che avevamo pensato, nessuno fiata, è accolta e si parte.

Giunti a Como tra il buio e la nebbia poco si capisce cosa ci aspetta.

Man mano che saliamo si apre qualche squarcio ma la giornata non sembra promettere granché.

Posteggiamo all’interno di Griante e seguiamo le indicazioni per il Santuario San Martino già ben visibile.

Saliamo quindi al santuario tramite una mulattiera viscidissima e già pensiamo come sarà scendere. Tutte le mulattiere che partono dal lago, a parte questa forse, sono ripidissime e così combinate stare in piedi sarà un gioco di equilibri!

Proseguiamo per il Sasso San Martino e i Monti di Nava. Tagliamo i primi tornanti della strada cementata, tramite una vecchia mulattiera dopo di che raggiungiamo una galleria, passata la quale, inizia la lunga militare.

Dal lago fino ai piedi del Crocione si sale sempre con dolci pendenze, lunghi tornanti, qualcuno sbuffa perché l’impressione è di non salire mai, è vero è un sentiero che rende pochissimo ma in compenso facilità la chiacchiera!

La solfa cambia una volta ai piedi del Crocione. Seguiamo la traccia che corre lungo la dorsale, ripidissima. L’erba, il fango e il nevischio, ci obbligano a non perdere la concentrazione, meglio non scivolare…per fortuna non dobbiamo scendere da qui. Con noi comincia a salire la nebbia dal lago e, anche se i panorami non erano dei migliori, ora si annullano del tutto!

Veloci foto in cima e proseguiamo per il Tremezzo. E’ tardi, e questo ce lo fa notare più volte Andrea, ha ragione. La soluzione sarebbe tornare da dove siamo venuti scendendo dal Tremezzo all’Alpe di Mezzegra e andando a riprendere la militare. Nessuno ne ha voglia però per cui continuiamo verso il rifugio Venini dove facciamo una velocissima sosta.

Continuiamo verso l’Alpe di Lenno. Scendiamo all’Alpe Gada e Piazza. Giunti al bivio in prossimità di Cassina prendiamo per Narro. Proseguiamo quindi per Ossimo risalendo un centinaio di metri. Incontriamo un bivio che indica la prosecuzione per Ossimo mentre una mulattiera senza indicazioni alla nostra dx, comincia a scendere. Siamo un poco titubanti, in fondo sono ormai quasi le 16,00 e di luce non ne abbiamo ancora molta, il GPS non aiuta ma la cartina indica il sentiero. Cominciamo quindi a scendere, raggiungiamo un altro bivio con indicate delle località che sulla cartina non ci sono. Continuiamo in discesa su quella che sembra una vecchia mulattiera, qualche bollo blu. La mulattiera è molto rovinata e invasa da rovi, ma a parte qualche graffio e rumori d’indumenti impigliati nelle spine, arriviamo finalmente a una strada cementata e a una casa. Per nostra fortuna la strada cementata non è ripidissima e sembra anche poco scivolosa. Velocemente raggiungiamo Mezzegra dove troviamo la Greenway che ci riporterà a Griante, ancora 4 km però. Alle 18,00 sotto una pioggerella sempre più insistente siamo al posteggio.


Hike partners: cristina, Marco27, Andrea!


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (8)


Post a comment

Menek says:
Sent 15 January 2016, 11h13
Votre si macc...

cristina says: RE:
Sent 15 January 2016, 12h26
Se ho tradotto bene la cosa vale un po' per tutti!!! :-)))

Poncione says:
Sent 15 January 2016, 13h38
Bell'anello e dislivello mega in una giornata grigina... bè, direi che vi siete senz'altro divertiti. Questo gruppo sul medio Lario ancora mi manca...
Ciao

cristina says: RE:
Sent 15 January 2016, 14h39
E' carino, beh il Crocione, ha una dei panorami più belli della zona!

blepori says:
Sent 16 January 2016, 11h22
Bravi, è un signor giro che ricordo con grande piacere, affascinante poi la galleria della strada militare e i resti della linea cadorna con le postazioni che guardano direttamente sul lago di Lugano, tutta questa zona è un vero paradiso per le escursioni nella stagione invernale Benedetto

cristina says: RE:
Sent 18 January 2016, 08h52
Bella zona e offre un panorama incredibile...quando c'è!!!!

GIBI says:
Sent 16 January 2016, 13h14
caspita 1900 mt. di dislivello nella nebbia, nevischio ma soprattutto nel fogliame scivoloso ... in effetti un po' matti però lo siamo tutti !

ciao Giorgio

cristina says: RE:
Sent 18 January 2016, 08h52
Solo tra noi riusciamo a capirci!


Post a comment»