Resegone Degustazione


Publiziert von rochi , 25. Mai 2014 um 19:01.

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum:25 Mai 2014
Wandern Schwierigkeit: T3 - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Zeitbedarf: 8:30
Aufstieg: 1600 m
Abstieg: 1600 m

Come in un top restaurant: quando ci si va per la prima volta si vuole assaggiare un po' di tutto in piccole porzioni. Questa proposta si chiama menu degustazione.
Oggi, per la prima volta sulle decantate montagne lecchesi, scelgo il Resegone. Io abito dove la pianura padana finisce e cominciano le colline. Da sempre, ad ovest ho negli occhi il Monte Rosa (teatro di belle scorribande passate e speriamo future) e, ad est, questo montagnone che sembra una sega.
Decido perciò di metterci i piedi sopra per un giro di ampio respiro che mi consenta, per il tempo che mi è dato, di assaggiare le delizie che sa offrire.
Queste, nel dettaglio, le portate:
- partenza dal piazzale della funivia di  Versasio, mi immetto sul sentiero 1 e raggiungo la capanna Stoppani ancora addormentata.
- Continuo sull'1, supero una sorgente, ad un bivio non molto chiaro tiro diritto e (complice l'assistenza di un escursionista che incontro) e proseguo a mezza costa. Ben presto la via si fa in salita, supera un torrente e si immette sul sentiero 6 che conduce al passo del Foo, dove alla capanna Ghislandi incontro il rifugista. E' un signore di una certa età, gentilissimo. Nel tempo che mi fermo mi spiega alcune vie di salita al Resegone e mi fa vedere la splendida parete che sta poco sopra dove c'è la ferrata del Centenario, il sentiero del Caminetto e alcune vie di roccia calcate da Bonatti e Cassin.  Tenta anche di mettermi in guardia sulla fatica che dovrò fare per il progetto che ho in mente e mi avvisa sulla possibilità di lingue di neve sul lato opposto della montagna.
- Saluto il signore e scendo in breve al Rifugio Alpinisti Monzesi e da qui risalgo al passo "La Passata" con il sentiero 575 che mette in comunicazione le province di Lecco e Bergamo.
- Da qui, con evidente segnavia su albero, risalgo il bosco sul sentiero 571 "delle creste". Questo è infatti il mio progetto odierno e comincia ora, dopo due ore di saliscendi dalla partenza.
- Il sentiero si impenna subito nel bosco, poi esce allo scoperto e presenta qualche breve tratto con catene, quindi risale la cresta con pendenze decisissime. Non ci sono difficoltà tecniche, ma il sentiero è stretto e, in alcuni tratti, particolarmente esposto. Da sconsigliare, a mio avviso, se bagnato o se si soffre di vertigini. Dopo aver superato circa 400 m di dislivello, pervengo alla bella cima Quarenghi dove mi concedo una pausa.
- Con breve discesa e risalita, tocco la seconda elevazione di giornata: la punta di Piazzo.
- Ora, con discesa più lunga giungo ad una sella e poi risalgo con sentiero facile ma molto ripido. Su questo tratto i crampi si fanno sentire e mi accompagneranno (rallentandomi molto) per l'intera giornata, anche in discesa.
- Arrivo comunque su un'altra cima: il Pizzo di Brumano e ricomincio a scendere.
- Il successivo pezzo in salita è forse il più divertente perché obbliga a superare brevi canalini dove è necessario mettere giù le mani (forse primo grado), senza pericoli oggettivi perché non esposti.
- Il rifugio Azzoni è ormai visibilissimo e la punta Cermenati già super affollata ma prima della meta occorre costeggiare altre elevazioni. Si cammina tra pinnacoli di roccia che spuntano, come mega funghi, dai prati. Il paesaggio è quasi surreali, reso più affascinante dal maestoso panorama sui laghi e sulle Orobie, panorama che oggi va e viene a causa di brume e nuvolaglia passeggera.
- A pochi minuti dalla vetta Cermenati, la principale del gruppo del Resegone, un traverso di neve rischia di inficiare il traguardo. Esso è molto breve e probabilmente molto facile per chi non prova patemi verso i traversi. Per me, sentendo duro e scivoloso sotto i piedi e vedendo uno scivolo sottostante di duecento metri, non è stato facile.
- Comunque passo indenne (tranne i crampi, attacchi violenti in questa zona) e poco dopo se ne ripresenta un altro. Con il conforto di due signori, decido di  evitare la neve a monte. Salgo su un motto, passo ma poi bisogna scendere. Sempre con l'obiettivo di non pestare neve, disarrampico un paio di facili e brevissime paretine e mi trovo finalmente al rifugio Azzoni.
- Da qui alla vetta in tre minuti e due attacchi di crampi per trovare lo spiazzo in cima densissimo di escursionisti, di tutte le età, di tutti i sessi e di tutte le razze. Cerco un pertugio dove mangiare e mi abbasso sulle pendici verso nord dove peraltro posso ammirare le Grigne poco distanti e il resto della cresta che oggi non percorrerò. L'angolo dove mi siedo è un ricettacolo di lattine di birra, bibite e tonno, bottiglie di vetro, vetri rotti, bucce di banana, fazzoletti di carta e confezioni di barrette energetiche: uno schifo. Le vette affollate non mi piacciono ma, se ci vado io, mica posso impedire agli altri di andarci. La montagna è di tutti. mi chiedo solo perché è così difficile e fuori moda essere CIVILI.
- Tornato all'Azzoni, scendo per la "normale", cioè la via ampiamente segnalata che corrisponde al sentiero 1. La discesa è piuttosto spacca ginocchia, piuttosto ripida e un tantino monotona ma ha il vantaggio di riportarmi all'auto in poco più di due ore ripassando dalla Stoppani.
Se il menu degustazione ti è piaciuto, pensi di tornare ancora in quel ristorante e magari sceglierai alla carta menu più brevi per assaggiare altre specialità. Direi che quella del Resegone è una Grande Carte!
Sviluppo: 21.5 Km. SE: 37.5 km circa.
tempi comprensivi di pause e crampi. Il dislivello tiene conto di numerosi saliscendi.

Tourengänger: rochi


Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (12)


Kommentar hinzufügen

gbal hat gesagt:
Gesendet am 25. Mai 2014 um 19:20
Credo che come assaggi te ne sei concessi parecchi e li hai gustati. Credo anche che tornerai spesso a mangiare qui visto che lo chef lavora bene.
Quanto al Rifugista attempato......beh lui mica lo sapeva chi era questa locomotiva umana!
Se leggerà la tua relazione capirà.
Bravo Rochi, hai fatto centro e per i crampi.....magnesio e potassio a iosa!
Ciao

stefano58 hat gesagt: RE:
Gesendet am 25. Mai 2014 um 19:37
Le cause dei crampi sono tante; io trovo efficace il cloruro di sodio, mentre potassio e magnesio me li fanno aumentare.
Ciao
Stefano

rochi hat gesagt: RE:
Gesendet am 26. Mai 2014 um 07:30
Grazie per i vostri consigli anti crampi, Giulio e Stefano. In realtà conservo a casa bustine di magnesio potassio che hanno già dato buoni risultati (con qualche controindicazione). Il problema è che bisognerebbe ricordarsi di assumerle.
Giulio, ieri parevo una locomotiva a vapore!!
Ciao.
R.

stefano58 hat gesagt: Resegone
Gesendet am 25. Mai 2014 um 19:39
Montagna interessante ma di cui ho fatto pochi assaggi, nonostante la vicinanza a Milano.
Ciao
Stefano

froloccone hat gesagt:
Gesendet am 25. Mai 2014 um 20:12
Bravo ,bel giro!!!Il Rese manca anche a me,prima o poi..........Ciao ALE

rochi hat gesagt: RE:
Gesendet am 26. Mai 2014 um 07:31
Grazie, in effetti il Resegone è una bella montagna. Te la consiglio vivamente!!
Ciao.
R.

andrea62 hat gesagt:
Gesendet am 26. Mai 2014 um 11:13
Soffro di crampi da tanto tempo, quando si presentano sono puntuali dopo 2,30 - 3 ore di salita. Ho individuato queste concause: carenza di allenamento, carenza di idratazione, freddo. Tutto questo significa che ne io ne soffro di più durante la stagione fredda, quando mi muovo meno e sento meno bisogno di bere. In estate spesso anche dopo 4 ore di salita non succedono. IL mio primo rimedio contro i crampi è dunque l'allenamento, poi vengono idratazione e sali minerali (potassio e magnesio). Ma se assumo sali dopo che i crampi si sono presentati, ormai è tardi.
Ciao
Andrea

rochi hat gesagt: RE:
Gesendet am 26. Mai 2014 um 11:28
L'analisi mi sembra perfetta Andrea, e totalmente corrispondente a quello che accade a me.
Grazie, ciao.
Rocco.

stefano58 hat gesagt: RE:
Gesendet am 26. Mai 2014 um 13:06
Beh, ogni persona è diversa.
A me i crampi vengono più spesso in estate per la disidratazione, ed il mio rimedio è bere spesso ed a piccoli sorsi, anche se non ho sete, e mangiare cibi salati.
Ciao
Stefano



rochi hat gesagt: RE:
Gesendet am 26. Mai 2014 um 14:10
Ciao e grazie: ognuno porta il suo pezzo di esperienza e questo è sempre di grande valore.
Ciao.
Rocco.

Daniele66 hat gesagt:
Gesendet am 26. Mai 2014 um 21:18
M.....a x dislivello e kilometri non scherzi complimenti Daniele66

rochi hat gesagt: RE:
Gesendet am 26. Mai 2014 um 21:54
Troppo buono Daniele. Mi piace stare in montagna e in movimento, tutto qui. Ciao!!!
Rocco.


Kommentar hinzufügen»