Punta Valnera (2754 m) e Punta Valfredda (2944 m) - Val d'Ayas


Publiziert von peter86 , 26. August 2012 um 19:35.

Region: Welt » Italien » Aostatal
Tour Datum:26 August 2012
Wandern Schwierigkeit: T3 - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Zeitbedarf: 5:15
Aufstieg: 1250 m
Abstieg: 1250 m
Strecke:Estoul - Laghi d'Estoul - Colletto Valnera - Punta Valnera - Colletto Valnera - Passo Valnera - Punta Valfredda - Passo Valnera - Rifugio Arp - Estoul
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Milano - A4 per Torino - raccordo per Aosta - uscita Verres - seguire per Ayas - a Brusson svoltare a destra per Estoul
Kartennummer:Kompass n°88 (Monte Rosa)

Da tempo avevo in mente questa escursione, la mia prima in Val d'Aosta dove stranamente non ero mai stato. L'avevo studiata nei minimi dettagli, aspettavo solo la giornata giusta per farla e finalmente la giornata giusta è arrivata.

Lascio la macchina nel grosso parcheggio poco oltre il paesino di Estoul e imbocco la stradina sterrata per il Rifugio Arp, ottimamente indicata da paline segnavia.
Supero diversi bivi: al primo tengo la destra, al secondo la sinistra, al terzo infine abbandono la stradina per imboccare il sentiero a destra che inizia a salire costeggiando la pista da sci.
Dopo pochi minuti ecco il quarto ed ultimo bivio: svolto nuovamente a destra, abbandonando il sentiero per il Rifugio Arp e seguendo invece il segnavia 6a/6b. Non c'è scritto Laghi d'Estoul, bisogna sapere il numero del sentiero (nel parcheggio c'è un ampio pannello esplicativo).
Si sale nel bel lariceto con pendenze non impossibili ma costanti, finchè non si raggiunge un bel pianoro panoramico, dove finisce il bosco. Da qui ai laghi è tutto un alternarsi di brevi strappi e falsopiani, finchè non compare il primo dei Laghi d'Estoul (1 h 10).
Qui ignoro il sentiero 6b, che sale a destra verso la Bocchetta d'Eclou, e continuo a seguire invece il 6a, che in pochi attimi mi porta al secondo lago, più grande ed ancora più bello.
Aggiro poi il lago sulla destra e inizio la ripida salita verso il Colletto Valnera.
Le fresche temperature odierne e il vento gelido mi aiutano a superare questo tratto senza troppa fatica, e in pochi minuti sono al Colletto (1 h 40).
Qui svolto a destra e affronto in cresta gli ultimi 70 metri di dislivello per arrivare sulla prima vetta di giornata, la Punta Valnera
Il terreno ora, oltre ad essere ripido, è anche piuttosto instabile, bisogna prestare attenzione soprattutto in discesa.
In un attimo sono in vetta (1 h 50) e posso gustarmi il bellissimo panorama a 360°. Vedo già bene anche la mia prossima meta, la Punta Valfredda.

Con cautela affronto il breve tratto insidioso e torno al Colletto, dove seguo il sentiero che scende verso il Rifugio Arp, ben visibile in basso.
Dopo pochi minuti di discesa incontro un bivio (con paline segnavia), dove abbandono il sentiero per il Rifugio e svolto a destra in direzione del Passo Valnera, che raggiungo in un attimo.
Qui il sentiero sparisce, ma i segnavia con frecce gialle e gli ometti sono davvero frequenti, inoltre si può procedere benissimo a vista dato che la vetta è sempre ben visibile.
Con un breve tratto ripido mi porto in cresta, dove torna ad esserci un sentierino e la pendenza diminuisce sensibilmente.
Supero alcuni tratti tra massi e roccette, tutti piuttosto facili e non esposti e finalmente arrivo all'omino di vetta di Punta Valfredda (2 h 50).
Vista mozzafiato sui ghiacciai del Rosa e su tutte le vette valdostane: oltre al vicino massiccio del Rosa si vedono anche il Cervino e, seppur lontani, il Gran Paradiso e il Monte Bianco.

Mi concedo una bella sosta in vetta, mi acomodo in mezzo alle rocce per ripararmi dal vento e ammiro il panorama per una buona mezzora.
Ripercorro poi la panoramica cresta e torno al Passo Valnera (3 h 20), e quindi al bivio dell'andata, dove riprendo il sentiero per il Rifugio Arp.
Giunto al Rifugio (3 h 50), do giusto un'occhiata alle paline segnavia per vedere altre destinazioni possibili per il futuro, e prendo la comoda sterrata che scende verso Estoul.
Incontro una simpatica coppia, anche loro di Milano, con cui condivido volentieri la discesa. Chiacchierando il tempo vola e in breve raggiungiamo il bivio dove all'andata avevo svoltato per i Laghi d'Estoul e quindi torniamo al parcheggio (5 h 15).

Escursione da 10 e lode davvero: due cime salite, panorami mozzafiato e in generale ambiente molto bello. Inoltre sono rimasto piacevolmente impressionato dall'ottimo stato dei sentieri e delle indicazioni, probabilmente rifatte da poco.

Tourengänger: peter86

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (11)


Kommentar hinzufügen

Massimo hat gesagt: Ottima scelta
Gesendet am 26. August 2012 um 22:14
Ciao Peter,
come hai detto tu nelle giornate giuste la vallè non delude mai......, anche se il prezzo del biglietto!!!!!

Complimenti e buona montagna.
Max

grandemago hat gesagt: RE:Ottima scelta
Gesendet am 27. August 2012 um 10:56
€ 30,20 Milano-Verres andata e ritorno, una rapina a mano disarmata.....la più infida delle rapine!

Ciao
Aldo

tapio hat gesagt: RE:Ottima scelta
Gesendet am 27. August 2012 um 17:21
E poi c'è chi ha il coraggio di lamentarsi per i 40 franchi (dal 2013 saliranno a 70) per il contrassegno autostradale svizzero, valido su tutta la rete e per tutto l'anno...

grandemago hat gesagt: RE:Ottima scelta
Gesendet am 27. August 2012 um 19:32
......E a quanto salirà ancora l'autostrada valdostana?
Quella svizzera è regalata!

peter86 hat gesagt: RE:Ottima scelta
Gesendet am 27. August 2012 um 17:29
Il prezzo dell'autostrada è proprio uno dei motivi per cui mi ero sempre tenuto lontano dalla Val d'Aosta, però direi che ieri ne è proprio valsa la pena!
Ciao, Pietro

tignoelino hat gesagt:
Gesendet am 26. August 2012 um 23:48
Sei sempre alla ricerca di nuovi panorami!!
complimenti a Te, Pietro.
roby

peter86 hat gesagt: RE:
Gesendet am 27. August 2012 um 17:35
Da Milano si ha la sfortuna di non avere le montagne a portata di mano, ma la fortuna di poter raggiungere un sacco di posti diversi in due ore d'auto.
Complimenti anche a te per la ben più impegnativa cima di Pozzuoli!
Ciao, Pietro

beppe hat gesagt:
Gesendet am 27. August 2012 um 20:11
Ciao Peter complimenti bella escursione.
Beppe

peter86 hat gesagt: RE:
Gesendet am 27. August 2012 um 21:46
Grazie mille Beppe. E' stato un giro davvero bello e appagante, in una zona poco recensita su Hikr ma che merita una visita.
Ciao, Pietro

gbal hat gesagt:
Gesendet am 27. August 2012 um 22:33
Bravo Pietro!
Ormai la Val d'Aosta è un bene da pagare caro come Venezia e tutti i posti i cui abitanti consci della loro bellezza ne fanno moneta sonante.
Peccato! Purtroppo non siamo come i ricchi alpinisti inglesi che l'hanno conquistata che si potevano permettere lunghi soggiorni, guide e portatori. Per noi, al massimo il ticket autostradale, la benzina, i panini al seguito e il mordi e fuggi. Accontentiamoci. Le bellezze che sono lì ci attireranno anche a questo prezzo.

peter86 hat gesagt: RE:
Gesendet am 28. August 2012 um 18:23
Grazie Giulio. Sì a fare due conti credo mi sia costata un occhio della testa la giornata in Val d'Aosta tra autostrada e benzina. Meglio non pensarci e ricordare solo le due belle cime e i meravigliosi panorami!!
Ciao, Pietro


Kommentar hinzufügen»