Gran Paradiso m 4.061 dal rif.Chabod al Vittorio Emanuele II - 8-9 Luglio 2012


Publiziert von andrea62 , 10. Juli 2012 um 17:25. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Italien » Aostatal
Tour Datum: 9 Juli 2012
Wandern Schwierigkeit: T2 - Bergwandern
Hochtouren Schwierigkeit: WS
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Zeitbedarf: 2 Tage
Aufstieg: 2260 m
Abstieg: 2100 m
Strecke:Valsavaranche - rif.Chabod - Gran Paradiso - rif.Vitt.Emanuele - Pont Valsavaranche
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Da Aosta in Valsavaranche. Lasciata l'auto al parcheggio per il rifugio Chabod, due km prima di Pont
Zufahrt zum Ankunftspunkt:Pont è ultimo pese della Valsavaranche
Unterkunftmöglichkeiten:Consigliamo il rifugio Chabod

Questa salita, che ha segnato il mio ritorno sui quattromila dopo una pausa di tre anni, è stata organizzata nell'anno del mio mezzo secolo di esistenza. Finalmente sul Gran Paradiso, dopo averlo visto per quarant’anni!

Sono stato spronato diverse volte a prepararmi fisicamente, mi è stato ricordato spesso che andare su un 4.000 non era uno scherzo come sforzo fisico e ora il momento giusto sembra arrivato. Il tempo di lunedì, ultimo giorno di queste mie ferie, si annuncia perfetto e così domenica pomeriggio si sale al rifugio Chabod dove abbiamo incontrato una cortesia davvero unica.

La mattina, poco prima delle 4 partiamo dal rifugio Chabod. Prendiamo il sentierino che scavalca il ruscello e sale sulla morena. Poco prima che la morena muoia contro il ghiacciaio, degli ometti e la traccia ci guidano a destra verso il centro del vallone occupato dal ghiacciaio di Lavacieu. C’è ancora buio quindi talvolta cerchiamo gli ometti puntando in giro la frontale. Raggiunto il ghiacciaio indossiamo ramponi e ghette mentre comincia a schiarire. Davanti a noi abbiamo la parete nordovest del Gran Paradiso, sulla sua destra il ghiacciaio che dobbiamo salire verso la “schiena d’asino” dove incontreremo le cordate che salgono dal rifugio Vittorio Emanuele. Io punto ad una evidente traccia che risale il pendio di neve verso destra. Una riflessione in più mi avrebbe suggerito che non è quella che avevamo visto dal rifugio che invece si teneva al centro.

Nel primo tratto il ghiacciaio è pianeggiante e mi sembra innocuo ma mi fanno presente che è sempre un  ghiacciaio e non un sentiero di terra battuta. Cerchiamo le tracce e non appena il pendio inizia a salire decidiamo di legarci in cordata.
Dopo la prima rampa ci accorgiamo che la traccia principale è un’altra e si tiene al centro del ghiacciaio, dove stanno arrivando i primi partiti dal rifugio (colazione alle 4 … noi eravamo già per strada!).
Decidiamo di proseguire lungo questa “variante” tenendo conto che siamo comunque su delle tracce per cui qualcuno da qui è passato. Siamo fiduciosi che ci porterà fuori dalla zona crepacciata tenendosi sulla destra. Così avviene e facendo un po’ di attenzione aggirando o superando qualche crepaccio sbuchiamo su un pianoro di neve dove una evidente pista riporta su quella centrale. La seguiamo e ricominciamo a salire. Fin qui ho pensato “Se oggi salgo sul Gran Paradiso è un peccato che non ho le ferie per tentare subito il Monte Bianco”.
Faccio presto a cambiare idea … alcune pendenze del ghiacciaio di Lavacieu mi costringono ad ansimare, mi fanno abbandonare ogni velleità sul Monte Bianco fino a farmi dire “domenica prossima vado a pranzo dai parenti … ”.

Però lo spettacolo sulla “schiena d’asino” ricompensa dalla fatica. Il tempo è perfetto e si vede tutto l’arco alpino occidentale dal Monviso al Monte Bianco. Stimo che siamo circa alla stessa altezza del Ciarforon e ciò mi incoraggia: “Mancano “solo” 400 metri di dislivello, quindi ce la devo fare”. Ma appena dopo c’è un pendio da salire che porta sul traverso ascendente finale. Spero che non mi vengano crampi dolorosi, cosa che talvolta mi succede durante uno sforzo prolungato, perché la vetta è ancora lontana ma salgo indenne. La quota si fa sentire e questi 400 metri saranno davvero molto faticosi.

Fatto il traverso, dobbiamo ora salire sulle rocce accatastate che costituiscono la cima. C’è uno stretto passaggio tra un blocco e l’altro ma ci sono anche le cordate che scendono, salgono, si incrociano e si accalcano rendendo la progressione spiacevole. Da una “piazzola” getto un veloce sguardo sul ghiacciaio della Tribolazione sotto di noi (che oggi non è per nulla “tribolato” ma coperto da uno splendido manto bianco) e sulla catena delle Alpi Pennine ma purtroppo non fotografo avendo le mani guantate e impegnate una a tenere la piccozza e l’altra per appoggiarmi alla roccia. Non ho ancora accennato alle condizioni climatiche: perfette per la salita … ma freddo … sono convinto che siamo sotto lo zero e un venticello aumenta la sensazione di gelo.

Sono quasi le nove quando arriviamo su una crestina orizzontale che termina con lo spuntone con la “Madonnina”. Neanche fosse La Gioconda di Leonardo c’è una ressa di persone che si accalcano verso la Madonnina e assieme ad altre che scendono. A darmi fastidio non è tanto la cresta ma la calca e dietro di noi continua ad arrivare gente.
Mi fermo seduto su un roccione tra due spuntoni che caratterizzano la cima, quello con la "Madonnina" e l'altro che secondo me è più alto. Qualcuno usa il mio ginocchio come appoggio e dice “Grazie”. C’è una babele di lingue, almeno cinque. Purtroppo la mia posizione è svantaggiosa per fotografare. Cominciamo a scendere passando di fianco ai vari spuntoni della cresta che avevo visto tante volte in fotografia. Un altro veloce sguardo sul ghiacciaio sottostante e sulle montagne circostanti e vedo per un attimo vette aguzze che possono essere la Torre del Gran San Pietro o la Roccia Viva.

Usciti dalla zona rocciosa riorganizziamo la cordata e scendiamo alla schiena d’asino. Su un pianoro alcune cordate si stanno riposando, alcune altre stanno salendo con fatica. Ormai abbiamo deciso: scenderemo dal rifugio Vittorio Emanuele.
Lasciamo a destra il vallone che conduce allo Chabod e poi la “schiena d’asino” e percorriamo larghi pendii innevati a pendenza regolare che però mi sembrano piuttosto monotoni rispetto alla via di salita dominata dalla parete nordovest.
Scendendo comincio a sognare la fine della neve, comunque ottima, ora sono stanco. A circa 2900 metri, alle 11.15, facciamo una sosta dove poco alla volta mi ritorna la voglia di mangiare (fino a qui abbiamo mangiato poco o nulla) e di … parlare e inizio a raccontare tutte le cime che vediamo
Scendiamo lungo un canale nevoso di fianco alla morena, poi proseguiamo sul sentiero per il rifugio Vittorio Emanuele. Ora compare il panorama classico della testata della Valsavaranche. L’ultima discesa è la più noiosa: questi tornanti voluti dal Re per viaggiare comodo non finiscono mai e oltretutto sono sempre al sole.
Al parcheggio di Pont rimane da scendere a recuperare l’auto: “Saranno 15-20 minuti” dico io. L'idea di cercare un passaggio viene accantonata dall'arrivo della corriera.
Si è trattato di una ascensione in linea con le mie possibilità attuali, facile ma non banale né breve, condita da una piccola “variante”, valorizzata da una via di discesa diversa da quella di salita, in un ambiente fortunatamente integro, su una montagna che per me è importante.

Tourengänger: andrea62


Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Geodaten
 11817.gpx Parcheggio Valsavaranche - Rifugio Chabod - Gran Paradiso - Rifugio Vittorio Emanuele II - Pont

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen

T2 WS II
6 Aug 11
Gran Paradiso, 4061m · Linard03
WS+
T4- WS- I
6 Jul 13
GRAN PARADISO (4.061) · zar
WS+ II
7 Aug 12
Gran Paradiso · garaventa
WS
11 Jul 09
Gran Paradiso 4061m · morgan

Kommentare (27)


Kommentar hinzufügen

patripoli hat gesagt:
Gesendet am 10. Juli 2012 um 19:53
Complimentoni a tutti e due.....
E' vero ciò che dite riguardo allo Chabod!
Anch'io ero partita da lì ed ero scesa dal Vitt. Emanuele e la salita mi era piaciuta molto.
Allora ...... c'era anche meno gente.
Buon compleanno, anche se in ritardo, ad Andrea.

Patrizia

andrea62 hat gesagt: RE:
Gesendet am 10. Juli 2012 um 22:58
Grazie per gli auguri. E' stato un piacere salire questa montagna fotografata per la prima volta ai tempi della scuola media.
Andrea

Gelöschter Kommentar

patripoli hat gesagt: RE:
Gesendet am 11. Juli 2012 um 09:22
Sì ....... una vita fa!

Gelöschter Kommentar

patripoli hat gesagt: RE:
Gesendet am 11. Juli 2012 um 11:45
Cavoli! E' dalla fine di giugno che sono a casa tutti i giorni, ma non trovo nessuno che viene con me .....
La prossima settimana parto, ma dal 9 agosto fino alla fine del mese sono a casa a far niente.
Però lo sai che vado piano, vero?

Gelöschter Kommentar

patripoli hat gesagt: RE:
Gesendet am 11. Juli 2012 um 11:57
Benissimo! Ci si sente .....
I sassolini nella scarpa sono tanti.

stefano58 hat gesagt: RE:
Gesendet am 11. Juli 2012 um 12:50
Anch'io sono libero in settimana e vado piano ...
Ciao
Stefano

patripoli hat gesagt: RE:
Gesendet am 11. Juli 2012 um 13:26
Promosso!
Ciao.
P.

Gelöschter Kommentar

andrea62 hat gesagt: RE:Buon Compleanno
Gesendet am 10. Juli 2012 um 23:01
Anche se non era esattamente la data del compleanno questa salita me la son proprio regalata per questa occasione. IL giorno vero l'ho comunque passato tra montagna e mare e non seduto a tavola. Ciao.
Andrea

Marco27 hat gesagt: Auguriiiiii.....
Gesendet am 11. Juli 2012 um 09:38
Tanti Auguri Andrea !!! E complimenti per entrambi gli importanti traguardi......

andrea62 hat gesagt: RE:Auguriiiiii.....
Gesendet am 11. Juli 2012 um 09:43
Grazie. Certi strappetti mi hanno proprio presentato i miei 50 anni però nel complesso è andata bene. IL GranPa è una montagna importante "geograficamente" , oltre che dai punti di vista alpinistico e naturalistico.
Ciao

Marco27 hat gesagt: RE:Auguriiiiii.....
Gesendet am 11. Juli 2012 um 09:50
E direi importante anche come regalo..... non è che se ne ricevano poi molti così.......

Pippo76 hat gesagt: Complimenti
Gesendet am 11. Juli 2012 um 09:54
e auguri!

Giancarlo

andrea62 hat gesagt: RE:Complimenti
Gesendet am 11. Juli 2012 um 09:59
Grazie!
Andrea

giorgio59m hat gesagt: Auguri e bravissimi
Gesendet am 11. Juli 2012 um 10:01
Andrea ti sei fatto un GRAN REGALONE per i 50 anni !!!
I complimenti a tutti e due ... e ovviamente alla guida che ti hai condotto in questa bella escursione-regalo. BRAVI

andrea62 hat gesagt: RE:Auguri e bravissimi
Gesendet am 11. Juli 2012 um 11:32
Veramente una bella salita.

Gelöschter Kommentar

andrea62 hat gesagt: RE:I complimenti non sono mai troppi
Gesendet am 11. Juli 2012 um 13:55
Grazie per gli auguri e per i complimenti.
Ciao.
Andrea

Luca_P hat gesagt: Bravissimi
Gesendet am 12. Juli 2012 um 01:36
Finalmente il Granpa!
Auguri Andrea!!
Avete trovato una giornata fantastica, ciao Luca

andrea62 hat gesagt: RE:Bravissimi
Gesendet am 12. Juli 2012 um 09:23
Grazie. E' stata proprio una bella giornata.
Ciao

Gelöschter Kommentar

andrea62 hat gesagt: RE:
Gesendet am 12. Juli 2012 um 14:35
Anche il tuo messaggio è stato gradito, grazie.
Andrea

Gelöschter Kommentar

lebowski hat gesagt: RE:
Gesendet am 12. Juli 2012 um 22:06
affare fatto!! ;)


Kommentar hinzufügen»