Punta di Larescia 2195m e Passo Bareta 2274m


Publiziert von Floriano , 20. Oktober 2009 um 11:03. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Schweiz » Tessin » Bellinzonese
Tour Datum:18 Oktober 2009
Wandern Schwierigkeit: T2 - Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Pizzo Molare 
Aufstieg: 1053 m
Strecke:Piana 1221m - Brugheisc - Sgianaresc - Piano Cassinella 1738m - Capanna Gorda 1800m - Monti di Gorda - Q2170 - Punta Larescia 2195m - Passo Bareta 2274m - Alpe di Laveggia 2119m - Q1877 - Capanna Gorda e poicome all'andata
Zufahrt zum Ausgangspunkt:A2 uscita Biasca
Strada per il passo del Lucomagno
Parcheggiare a Camperio
Unterkunftmöglichkeiten:Capanna Gorda
Kartennummer:CNS 266 Val Leventina - 1:50000

Prima uscita con Fabio: era nostra intenzione fare l'ultimo tremila della stagione, sapevamo che avremmo potuto trovare della neve ma non avevamo calcolato il vento e il freddo: così ci siamo trovati al Pian Geirètt alle 9,30 del mattino con -5,5° e la nostra cima avvolta da una buferata di neve e meno male che siamo a metà ottobre,  brrr! Anche le mucche della stalla di Baselga 1240m le stavano trasferendo più in basso: l'autunno è arrivato improvvisamente!

Cambio di programma sul momento e decidiamo di fare la Cima di Larescia, almeno il percorso per un bel tratto è riparato dal vento freddo da N. Partiamo dalla loc. Piana a Camperio 1221m e con strada forestale arriviamo fino a Sgianaresc 1499m, percorriamo un sentiero nel bosco fino a Q1657, dove ritroviamo la strada, questa è quella che arriva da Piancabella e la seguiamo fino a Gorda di Sopra dove si trova la Capanna Gorda: abbiamo impiegato un'ora e mezza ma è già mezzogiorno per cui ci fermiamo per un panino veloce e ci godiamo il panorama intorno, anche se quasi tutte cime sono coperte merita lo stesso.

Proseguiamo seguendo il sentiero ben indicato verso il Passo Bareta in direzione NW, saliamo abbastanza  veloci, anche perchè adesso il vento pungente si fa sentire, i colori autunnali mischiati al bianco della neve creano uno spettacolo unico sui pascoli verso SW, creste e avvallamenti in successione fino al Sasso Bianco, Fabio non ha mai visto questa zona e ogni tanto ci tocca aspettarlo perchè "in meditazione" :-)
Il terreno è spesso attraversato da fratture nelle rocce, fenomeni carsici, alcune abbastanza profonde e bisogna fare attenzione.
Superiamo Q1954 e andiamo verso Q2170 dove troviamo il primo laghetto completamente ghiacciato e da qui cambiando decisamente direzione, verso NE, superiamo un pianoro per arrivare alla Cima di Larescia/Cima di Gorda 2195m. Il panorama si apre verso il Passo del Lucomagno, anche questo coperto da una fitta nuvolaglia foriera di neve; si riescono comunque a vedere la Cima di Gana Rossa, Pizzo Campello, Pizzo dell'Uomo e Piz Rondadura.
Il bivacco Nido d'Aquila non c'è più, stanno costruendo qualcosa di nuovo, lasciamo la firma sul libro di vetta, foto, bandierine e via di corsa: il vento è sempre più fastidioso e inoltre nel frattempo le nuvole hanno coperto il sole!
Puntiamo verso il Passo Bareta 2274, il tempo di vedere Campra a picco sotto di noi e cominciamo a scendere puntando questa volta verso l'Alpe di Laveggia 2119m, Fabio trova una bella paretina e mi coinvolge a fare delle prove di arrampicata, superiamo l'alpe, troviamo altri laghetti ghiacciati, scendiamo direttamente sul crinale erboso fino a ritrovare a Q 1877 il sentiero che porta verso Gorda di Sopra. Da qui stesso percorso dell'andata, non sembrava così lungo, ci ha pensato Fabio a farcelo sembrare più corto  facendoci vivere la sua passione per la storia e la sua terra con anneddoti e fatti sconosciuti sulla Grande Guerra.
Cosa di meglio per finire in bellezza una giornata che sembrava iniziare male?
Un bel bicchiere di vino e affettati Prosit!

Percorso: 17 km
Dislivello effettivo: 1210 m
Tempo di salita: 3,40h
Tempo di discesa: 2,50 h

Tourengänger: Floriano, Ewuska, Fabio

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen

T3
WT3
8 Dez 09
Punta di Larescia · stellino
T2 WT2
WT2
WT2
1 Dez 12
PUNTA LARESCIA MANCATA · beppe

Kommentare (8)


Kommentar hinzufügen

heliS hat gesagt: Hai paura della neve ... he he he !!!
Gesendet am 20. Oktober 2009 um 11:34
Ci sono stata quest'inverno con le ciaspoleeeeeeeeeee!!!!!

Perchè il mio entusiasmo? Perchè ho fatto pochissime cime sFizzere e quando ne trovo una mi emoziono :)))

Bravi!
Ciao
S.

Floriano hat gesagt: RE:Hai paura della neve ... he he he !!!
Gesendet am 20. Oktober 2009 um 12:05
Paura?! Anzi, ma vogliamo metri di neve non le spolveratine!

Ciao, Floriano

brunoz hat gesagt:
Gesendet am 20. Oktober 2009 um 11:58
Ciao, Floriano !!
Ehi, mentre voi salivate alla Punta di Larescia, noi salivamo da Anveuda al Pizzo Rossetto, proprio di fronte !!
Confermo, faceva un freddo barbino e tirava pure un bel vento. Da sopra il Cantonill abbiamo pure pestato un po' di neve e ghiaccio.
Miao.
Mad, Bruno e Toto.

Floriano hat gesagt: RE:
Gesendet am 20. Oktober 2009 um 12:11
Ciao brunoz,
avevo già letto la tua relazione notando la vicinanza e visto le foto.
Noi invece non abbiamo pestato neve ma abbiamo trovato laghetti ghiacciati e tanto vento gelido, ma questo lo sapevi già :-))
Ciao,
Floriano

UpTheHill hat gesagt: Vi ho pensati...
Gesendet am 20. Oktober 2009 um 16:59
Sapendo che volevi "tremilare", al San Lucio con -1°C (sopportabilissimo) ma col vento impetuoso il mio pensiero è corso a voi, e mentalmente vi ho inviato gli scaldini per le mani ed i piedi :-)

Siete dei duri, complimenti

brunoz hat gesagt:
Gesendet am 23. Oktober 2009 um 11:19
Ciao, Floriano !!
Avevo notizia (non so se sbagliata) che il Pian Geirett non fosse raggiungibile dai mezzi non autorizzati e che per arrivarci (non a piedi!), fosse necessario utilizzare l'Autopostale da Ghirone.
Com'è la situazione?
Grazie e miao.
Bruno.

Floriano hat gesagt: RE:
Gesendet am 23. Oktober 2009 um 15:14
Effettivamente sapevo anche io così: perlomeno raggiungibile fino alla sbarra un pò sopra Daigra. Poi un amico mi ha fatto notare che non c'è nessun cartello di divieto in questo periodo e la sbarra è stata pure smontata in previsione dell'inverno :-))

Mi togli una curiosità: perchè metti le relazioni in inglese?
Ciao,
Floriano

brunoz hat gesagt: RE:
Gesendet am 23. Oktober 2009 um 16:22
Ciao, Floriano !!

Dunque in periodo "estivo" bisogna parcheggiare a Daigra e quindi c'è già un bel pedalare fino alla Capanna Scaletta, hmmm...
... ho pensato di mettere le relazioni in inglese perchè credo che il tedesco sia più ostico dell'inglese per chi di madre-lingua italiana così come l'italiano sia più ostico dell'inglese per chi di madre-lingua tedesca. Forse l'inglese è maggiormente accessibile a entrambi, questo mi auguro...

Miao.
Bruno.


Kommentar hinzufügen»