Il giardinetto di Verena - Vrenelisgärtli e dintorni


Publiziert von stellino , 18. Juli 2017 um 15:58.

Region: Welt » Schweiz » Glarus
Tour Datum:18 Juli 2017
Hochtouren Schwierigkeit: WS
Wegpunkte:
Geo-Tags: CH-GL   Glärnischgruppe 

La leggenda narra più o meno così (libera traduzione):
C'era una volta una giovane insolente, di nome Verena, che pensava di poter costruire un giardino sulla cima più alta del Glärnisch. La gente la rendeva attenta: "Non si deve provocare Dio". Lei rispose: "Vado lo stesso lassù, che a Dio piaccia o meno". La ragazza, che era molto forte, si prese un grande paiolo di rame in testa perchè se fosse cominciato a nevicare, l'avrebbe riparata dalla neve. Sulla cima cominciò a nevicare così forte, che la ragazza non riuscì più dapprima a scalare, e poi a muoversi. Anzi, la neve pesante la schiacciò sul terreno e la ragazza fu così sommersa dalla neve.
Ancora oggi si può notare, nel mezzo del Glärnisch, una macchia di neve. La gente mormora, si tratta della neve che ha sommerso Verena.


Spesso le cime hanno la propria leggenda, un nomignolo o un riferimento a qualcosa di mistico o fatato...
La leggenda, qui sopra riportata, mi ha affascinato molto. Se aggiungiamo che è un must per la zona...una visita al Vrenelisgärtli va indubbiamente fatta!

Domenica una lunga trasferta dal Ticino nella verde Klöntal, con il suo lago color smeraldo, le barchette e i bagnanti in cerca di refrigerio. Su strada, comoda ma alquanto ripida, ci si porta in circa 3 ore alla Glärnischhütte, appollaiata su un piccolo ripiano ai piedi del ghiacciaio del Glärnisch.

Lunedì colazione al buio e partenza con le prime luci dell'alba. Il sentiero verso il ghiacciaio è ben marcato e chiaro fino alla lingua di ghiaccio.
Dapprima solo ramponati, in seguito incordati, saliamo verso il canale posteriore (il classico canale anteriore è già impraticabile per via della pochissima neve ancora presente in zona), il quale ci porta abbastanza agevolmente alla prima cima, il Bächistock. Se verso nord, guardando nella conca glaciale, il paesaggio è quasi tranquillo (un saltino di roccia, poi il declivio sul ghiacciaio), la vista verso sud, e tutto attorno al Glärnisch, è fatta di ripidi pendii quasi verticali a picco sul fondovalle, con un dislivello di più di 2000 m !!!
Dal Bächistock proseguiamo in "cresta" in direzione della Schwandergrat. In capanna un paio di informazioni: il pendio prima del ghiacciaio è "sehr steil und rutschig"...che sarà mai ? ecco... è molto ripido, scivoloso e franoso, con possibilità di assicurazione pari a zero :-D
Con le dovute precauzioni, saggiando ogni appoggio ed ogni presa, raggiungiamo il nevaio e finalmente la Schwandergrat. Da qui il Giardinetto della Verena è a "un tiro di schioppo" costituito da una ferrata doppia (una per scendere e una per salire), un crinale pianeggiante e lo strappo finale. Non potevano mancare le nuvolette pomeridiane a cercar di guastare una splendida giornata: non ci sono riuscite, eheh
Tornati sui nostri passi decidiamo che la via per l'auto è lunga, la via verso casa forse ancor di più, il Ruchen (terza cima che costituisce il Glärnisch) può restare li ad accoglierci per una prossima visita ;-)
Scendiamo il ghiacciaio su neve molle e su ghiaccio da "mojito", raggiungiamo il sentiero ed in breve la capanna. Da qui una lunga ed estenuante discesa fino all'auto. Ma ne è valsa la pena !!!

Tourengänger: stellino

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen

T6 WS II
T6 WS II
T6 III
27 Jul 13
Vreneli via Guppengrat · tricky
WS II
4 Aug 12
Vrenelisgärtli (2903m) · burrito
T4 WS I
1 Dez 11
Vrenelisgärtli 2904m · RainiJacky

Kommentar hinzufügen»