Corna Trentapassi, Monte Vignole, Punta Cunicolo e ... Corni Capreni


Publiziert von Poge Pro , 24. November 2016 um 22:02.

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum:16 November 2016
Wandern Schwierigkeit: T4- - Alpinwandern
Klettersteig Schwierigkeit: L
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Aufstieg: 2200 m
Strecke:18,8 km a/r
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Toline (Brescia).

Dopo le ultime due escursioni con un po' di neve, questa volta voglio rimanere all'asciutto. Mi porto sul Lago di Iseo ed eccomi pronto a Toline per iniziare questa escursione senza essere riuscito a trovare un bar dove bere un caffè ... tragedia!

Per salire la Corna Trentapassi opto per la via attrezzata. Per raggiungere l'attacco il sentiero inizia con un traverso nel bosco per poi salire ripido fino alle prime catene, circa 150 metri sotto l'anticima. Nel complesso questa via è semplice, a parte un paio di passaggi che richiedono più attenzione: il primo è proprio subito dopo la scaletta iniziale, dove è necessaria un po' di forza mentre il secondo passaggio, circa a metà, dove bisogna superare uno spigolino esposto (se passate il primo non avrete problemi nel proseguimento). Arrivati all'anticima Nord, si prosegue perdendo un po' di quota per risalire subito dopo alla cima vera e propria.

Il mio percorso prosegue passando velocemente dall'anticima Orientale per poi dirigermi verso il Monte Vignole. Una piccola distrazione mi fa prendere un sentiero che tende a scendere e per recuperare, invece che tornare sui miei passi, risalgo dritto per il bosco. Raggiunto il giusto sentiero proseguo sulla dorsale toccando il Dosso Tondo e poi il Monte Vignole. La dorsale prosegue con una discesa al Forcellino del Gadol e poi l'ultima rampata per Punta Cunicolo.

Qui un cartello indica la discesa verso Marone "solo esperti" e, in effetti, il sentiero richiede molta attenzione. Dopo una discesa ripida e un tratto in traverso nel bosco con qualche tratto un pochino esposto, si arriva alla base dell'anticima Punta Cunicolo che si raggiunge in pochi minuti. La mia idea di questa percorso prosegue ancora verso Marone, nella convinzione, guardando la carta Kompass, che il sentiero transiti proprio attraverso la Riserva Naturale delle Piramidi di Terra. Anche per questo al successivo bivio invece di andare a sinistra per Marone, come indica il cartello, mi immetto sul sentiero di destra ... per scoprire che si tratta di un sentiero ormai abbandonato che transita su una serie di infide cengette alla base di placche rocciose dove bisogna stare decisamente all'occhio ... per poi capire che le belle piramidi di terra non sono certo qui  ...

Rimesso piede su un sentiero normale, al giusto incrocio, prendo la direzione per risalire verso il Passo Forcelle Coloreto e mentre sono su questo sentiero vedo alcune piramidi verso destra ... azz, eccole! ... ma ormai non riesco più ad effettuare una deviazione ... sarà per una prossima volta.

Proseguo quindi sulla mulattiera che con calma e passando da Cusato, sale a Passo Forcelle Coloreto per poi imboccare, solo per il primo tratto, il sentiero che si collega al Passo Croce di Zone e sì, perchè vorrei fare una puntatina anche ai Corni Capreni e fare un saluto a Menek. Una volta lasciato il sentiero ufficiale proseguo per un altro sentierino non ufficiale visibile solo nei primi minuti di cammino che porta verso l'evidente ripetitore posto sulla dorsale, districandosi tra i rami. Superato il ripetitore il terreno si fa meno boscoso e più comodo ed infine si raggiunge la vetta.

Per non tornare dalla stessa parte, seguo alcuni bolli blu che mi fanno l'occhiolino, scendendo su terreno tutto sommato non difficoltoso. Dopo il secondo, non vedo più bolli blu e proseguo comunque dritto in discesa, finchè poco dopo non individuo sul terreno una sorta di traccia e quasi immediatamente anche un segno rosso sbiadito su un albero. Arrivo nei pressi di un roccolo e la traccia seppur non segnata sembra abbastanza evidente anche se poi potrebbe benissimo essere un caso, viste tutte le foglie che ci sono. Sta di fatto che senza difficoltà mi riporto sul sentiero principale e raggiungo un'abitazione che anticipa di poco il Passo Croce di Zone.

Da qui inizia il tratto per il rientro a Toline, dapprima su una mulattiera sconnessa e poi su una noiosa strada ripida e cementata, ma almeno scende veloce.

Tourengänger: Poge


Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (4)


Kommentar hinzufügen

Menek hat gesagt:
Gesendet am 24. November 2016 um 22:37
Saluto ricevuto caro Andrea...

Poge Pro hat gesagt: RE:
Gesendet am 24. November 2016 um 23:00
:)

gbal hat gesagt: RE:
Gesendet am 2. Dezember 2016 um 18:37
Caro Domenico, quando si muove questo ragazzo fa faville!

Poge Pro hat gesagt: RE:
Gesendet am 2. Dezember 2016 um 21:05
Mi sa che tra un po' saranno le mie giunture a fare ... scintille!!!
Andrea


Kommentar hinzufügen»