Presanella 3558 m - Via Monte Nero


Published by cristina , 1 October 2014, 14h05. Text and phots by the participants

Region: World » Italy » Trentino-South Tirol
Date of the hike:24 September 2014
Hiking grading: T5- - Challenging High-level Alpine hike
Mountaineering grading: F
Climbing grading: I (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 1 days
Route:Malga Vallina d'Amola-Rifugio Segantini-Vedretta Monte Nero-Bocchetta Monte Nero-Vedretta Nardis Orientale-Bivacco Orobica-Presanella
Access to start point:La Val Nambrone si raggiunge percorrendo la Val Rendena fino a Sant'Antonio di Mavignola e a seconda se si arrivi da Brescia o dal Madonna di Campiglio bisogna svoltare a sx o a dx, indicazione Malga Nambrone. La strada è asfaltata fino al bivio per il rifugio Cornisello dove si deve svoltare a sx e procedere per un breve tratto su sterrato fino al ponte sulla dx che in discesa porta alla Malga Vallina d'Amola. Prima del ponte c'è un posteggia a sx oppure passare il ponte e posteggiare alla malga.
Maps:Tabacco N. 052 1:25.000 Adamello-Presanella

Finalmente ci siamo, sembra che per qualche giorno in Trentino le previsioni siano buone per cui ne approfittiamo per fare qualche giorno di ferie.

Mercoledì’ mattina alle prime luci siamo al posteggio prima del ponte per Malga Vallina d’Amola e siamo nella nebbia, perfetto…già arrivare qui in macchina non è stato semplice tra il buio e la nebbia, che le previsioni siano cannate? E’ vero che questa valle è una delle più sfortunate del Trentino però…

Pochi metri e grazie al cielo siamo al sole e la giornata sembra splendida, le nebbie per il momento sono ferme più in basso. In circa 50 minuti raggiungiamo il Rifugio Segantini per il ripido sentiero 211, Oscar Collini.

Sosta caffè perché in valle non abbiamo trovato nulla di aperto, già se la prendono comoda in alta stagione figuriamoci adesso!

In rifugio vediamo gironzolare Egidio Bonapace, guida alpina, gestore del rifugio e uno dei fautori di questo ripristino di salita alla Presanella. Cogliamo quindi l’occasione per chiedere altre info. Egidio ben felice di ciò, ci spiega tutto per bene, ci fa vedere le foto e ci “ordina” di goderci la giornata poiché è una delle poche della stagione. Inoltre, da questa via, sembra che siamo tra i pochi italiani saliti in cima quest’anno, in cui tra l’altro decorrono i 150 anni dalla prima salita alla Presanella.

Sono trascorsi circa vent’anni dalle ultime salite passando dal Monte Nero a causa della pericolosità del canale che portava alla Bocchetta, 200 m circa di salita sotto costante caduta massi. Ora la salita è stata spostata più a sx e messa in sicurezza con catene e pioli. La breve ferrata non va sottovalutata e richiede il kit completo, specialmente ora o a inizio stagione quando nei punti in ombra si possono trovare nevischio e ghiaccio.

Dietro il rifugio parte la bollatura bianca e rossa che porta a risalire una facile morena. Poco dopo il suo termine i bolli finiscono. Si continua, stando a sx e seguendo dei piccoli ometti, andando a scavalcare due risalti pietrosi. Si risale quindi la Vedretta di Monte Nero, noi stupidamente non abbiamo calzato i ramponi e ciò, specialmente nel tratto terminale ci ha rallentato un poco. Al termine della vedretta ricompaiono i bolli e inizia la ferratina.

Breve ma da non sottovalutare. Valicata la bocchetta, si scende sulla Vedretta di Nardis Orientale e i bolli riscompaiono. Procediamo quindi con un lungo traverso rimanendo paralleli alle pareti alla nostra dx, fare attenzione a eventuali scariche. Raggiungiamo quindi la testata della valle, dove ricompaiono i bolli in corrispondenza di alcune placche attrezzate con moschettoni e anelli utili soprattutto in discesa. Saliamo agevolmente e ritorniamo su neve, alterniamo ora tratti innevati a tratti in pietraia fino ad avvistare il bivacco Orobica che si raggiunge scendendo e risalendo un breve tratto attrezzato denominato “I caminetti”.

Arriviamo così al bivacco, dove facciamo una breve sosta e lasciamo gli zaini. Ancora una mezz’oretta di salita e siamo in cima! Il cielo nel frattempo si è un po’ velato e vediamo che le nebbie, sul versante nord del Monte Nero hanno raggiunto la base della ferrata, tutto nella norma per quella valle!

Dopo le doverose foto di vetta torniamo facendo moltissima attenzione a non scivolare, anche i ramponi non fanno una gran presa!

Altra breve sosta al bivacco e poi ritorno per la stessa via.

Al termine della ferrata entriamo nella nebbia che rimarrà con noi fino a fine giornata ormai!

Sosta al rifugio, soprattutto per far vedere che siamo tornati sani e salvi. Birra, ci complimentiamo con Egidio per il ripristino di questa salita davvero molto bella.

Per il ritorno alla macchina scegliamo il sentiero più dolce anche se leggermente più lungo, il 211B “Michele Mattasoglio”, nella speranza di preservare un poco le ginocchia!

P.S.: La traccia GPS è stata un po' corretta perchè ha dato qualche segno di squilibrio!


Hike partners: cristina, Marco27


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

T5 PD
16 Aug 16
Bivacco Brigata Orobica m.3382 · andrea62
T4 F II
25 Jul 17
Cima Presanella (3558m) · Kottan
T4+ I F
PD
PD I PD+
8 Aug 14
Cima Presanella 3558m · nikizulu

Comments (10)


Post a comment

Francesco says:
Sent 1 October 2014, 14h14
...Wowww,altro che Cervandone..Grandi !!!!

cristina says: RE:
Sent 1 October 2014, 14h43
Mettila nel tuo elenco personale, è una bellissima salita!

Nevermind says: MITICI!!!
Sent 1 October 2014, 16h40
L'anno prox proverò a fare la via della Val Nardis da voi già relazionata, passando per il Segantini (ho visto sul sito del rifugio che la cosa è possibile). Sperem.... Ciao Giuliano

cristina says: RE:MITICI!!!
Sent 2 October 2014, 08h27
E' possibile un anello passando dal P.so Quattro Cantoni ma con la nebbia non è molto consigliabile.

Auguri per il prossimo anno. La salita dal Bivacco Roberti è bella ma quella dal Segantini lo è molto di più!

Ciao Cri


Daniele says:
Sent 1 October 2014, 18h27
Bell'itinerario... bravi!
Ciao
Daniele

Sent 1 October 2014, 18h58
Bella salita!!!!Complimenti!!!!!!

Laura. says:
Sent 1 October 2014, 20h22
sempre a fare cose "sfiziose"!

danicomo says:
Sent 2 October 2014, 10h31
Bravissimi,
belle foto e bella salita in un giorno solo.
Scrivi che dalla Bocchetta spariscono le segnalazioni per riprendere successivamente, ma la via rimane chiara, penso...?
Daniele

cristina says: RE:
Sent 2 October 2014, 10h36
I bolli spariscono sia poco dopo la morena e ci si orienta con gli ometti, si prosegue portandosi sempre più a sx, sia al termine della ferrata quando si scende in Val Nardis. L'orientamento però è semplice e in ogni caso se la visibilità è buona già dalla vedretta vedi il bollo alla testata della valle che ti indica dove prosegue la salita su roccette.

Problemi potrebbero essercene in caso di nebbia fitta, quella che abbiamo trovato noi in discesa non è stata un problema.

L'ambiente è meraviglioso!

Ciao Cri

gbal says:
Sent 3 October 2014, 15h55
E brava. Celebrati anche i 150 anni della 1a salita della Presanella con questo bel itinerario.
Complimenti Cri & Marco (belle le foto e le pose "plastiche")


Post a comment»