COVID-19: Current situation

Monte Pian Nave... o Pian Neve?


Published by Poncione , 23 February 2014, 20h55.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:22 February 2014
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 8:30
Height gain: 984 m 3228 ft.
Height loss: 934 m 3064 ft.
Route:Luino, Germignaga, Villaggio olandese, Brezzo di Bedero, Cascina Profarè, Pian Cuvinicc, Monte Pian Nave, Alpe San Michele, Mesenzana, Grantola
Accommodation:Bed & Breakfast "Al gatto nero" (Passo Sant'Antonio)

Una strana giornata.
 Decido quest'uscita in solitaria su una cima non particolarmente entusiasmante, affrontandola per la prima volta da un versante che non conosco affatto. Parto direttamente dal lago per accumulare un po' di dislivello, seppur alla fine si tratti perlopiù di un percorso a lungo chilometraggio... Da Luino a Germignaga è già una passeggiata piacevole, poi si inizia a salire piano piano, senza che ci sia uno straccio di sentiero o qualche vecchia mulattiera... solo case, villette, parchi privati... L'idea iniziale era di passare dalla Canonica di Bedero per un sentiero vallivo (non individuato), ma quando mi accorgo di aver sbagliato strada è troppo tardi, anche se so di trovarmi vicino al pittoresco ed isolato Villaggio Olandese, da cui posso comunque ricollegarmi all'itinerario progettato. L'unico fastidio è quello d'aver camminato a lungo praticamente solo su asfalto... Poi, finalmente trovo il sentiero 3V per Brezzo di Bedero, che scende con una stretta mulattiera in una valletta e poi risale verso quest'ultimo. Ancora un pezzo su asfalto, poi mi butto a casaccio nel bosco dando retta a dei segnali che sembrano portare in uno, anzi dieci, vicoli ciechi, poichè è un intersecarsi di valli e vallette che confonderebbero le idee a chiunque... Così capisco che devo riconvergere ancora un po' a ovest, dove intravedo alcune casette tra le piante: solco un torrentello e giungo finalmente alla segnaletica "corretta" per la mia meta. Da qui c'è davvero una bellissima e inedita vista sul Verbano, con incastonato al centro il colle della Canonica di Bedero. Ora, finalmente, si sale su sentiero nel bosco, che poi diventa ampia strada forestale, per poi ridiventare traccia di sentiero. Giungo a una prima baita in rovina, poi poco oltre mi accolgono i bei prati di Cascina Profarè, pure essa in rovina. Mancano meno di 400 metri alla vetta, ma subito dopo comincia la lotta con una neve molto pesante... Incrocio alcuni bivi, i quali dovrebbero condurre alle fortificazioni della Linea Cadorna che circondano la cima del monte, poi giungo sulla strada militare proveniente da Muceno, che con ampie svolte conduce al bello spiazzo di Pian Cuvinicc, dove il panorama è ancor migliore rispetto alla cima. Ma essendoci stato solo pochi giorni prima, approfittando di una mezza giornata di ferie, non mi fermo e decido di proseguire per la vetta, dove ancora nessuno sembra essere salito... niente tracce di ciaspole o scarponi, solo qualche animale di tanto in tanto... Vabbè, mi toccherà questo onore! ;)
 Qui, benchè non manchi molto, si sbuffa parecchio... la pendenza della strada militare è modesta e la neve è imprevedibile... magari mi tiene 4-5 metri, poi sprofondo mezzo metro... e via così per tutta la salita, senza la possibilità di alternativa, poichè tagliare i pendii potrebbe risultare ancora più dura per lo stesso motivo. Dunque, con molta pazienza, arrivo alla sella: dietro di me, tuttavia, sento qualcuno: un padre con la sua bambina hanno seguito le mie tracce e stanno - anche loro pazientemente - salendo. Salgo prima alla cima nord, dove la vista è limitata alle cime circostanti, poi scendo, scambiando due parole con gli altri due "ospiti", che hanno deciso di non proseguire oltre la sella, dove il piccolo laghetto è sotto la neve. Lo aggiro, puntando alla più alta cima sud, entrando nella faggeta... uno scherzetto senza neve, una mezza impresa, quantomeno per la pazienza, oggi. Anche qui la vista è completamente chiusa, ma scendendo di poco c'è una serie di bei terrazzi rocciosi che permette di vedere qualcosina, tra cui il sempre presente Monte Rosa. Da qui sarebbe anche divertente calarsi da questi invitanti terrazzini e puntare direttamente a San Michele, ma c'è troppa neve, dunque mi limito a ripercorrere il sentiero di salita... Ora, almeno, in parte è tracciato, e posso scendere con minor fatica fino a Pian Cuvinicc, dove le difficoltà cessano. Difatti la maggior parte delle persone che salgono da San Michele si limitano a questo bel balcone panoramico sul Verbano, ignorando la cima... Mi fermo per un breve spuntino con una splendida vista (purtroppo la fotocamera si è scaricata in vetta, e mi ha permesso solo altre tre foto durante la discesa successiva...), poi scendo a San Michele, dove purtroppo il Ristoro è chiuso. Ora punto a un sentiero per me inedito, che dovrebbe portarmi a Mesenzana evitando la strada asfaltata... Si prende la strada militare in direzione Valalta-Monte San Martino, ma dopo pochi metri s'incontra il tracciato che m'interessa, ristrutturato da non molti anni. Si scende con decisione in un vallone solcato da innumerevoli ruscelli, chiuso tra il Pian Nave e il gruppo Colonna-San Martino, in un ambiente davvero vario e suggestivo, col continuo rumoreggiare delle acque e delle cascate, piccoli canyon, massi erratici ricoperti di muschio. Giunto in fondo al vallone, dove un bivio porta in breve a Brissago Valtravaglia, proseguo sulla sponda opposta del torrente, dove un divertente saliscendi porta a un antico villaggio di origine celtica ed infine scende per mulattiera a Mesenzana, da dove in pochi minuti raggiungo Grantola e il bus che mi riporterà in Valganna.

Hike partners: Poncione


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (9)


Post a comment

igor says:
Sent 23 February 2014, 21h16
Bel giro emilians io sono ancora fermo non ho avuto il tempo .......ma come ti dicevo ne ho in mente belle ci sentiamo...

Ciao igor

Poncione says: RE:
Sent 23 February 2014, 21h34
Grazie Igor,
sarebbe bello proseguire il "progetto sottoceneri", chessò Camusio, Gambarogno... giusto per riprendere un po'. Poi "le belle" arriveranno, stai sicuro. ;)

Ciao

igor says: RE:
Sent 23 February 2014, 21h41
D'accordo proprio quello avevo in mente ci sentiamo ......

Poncione says: RE:
Sent 23 February 2014, 21h43
Allora ci sentiamo, magari domenica... sabato non posso.

coral54 says:
Sent 24 February 2014, 10h48
Da Germignaga a Bedero hai due possibilità:
1) Dalla rotonda del cimitero tralasci la provinciale per Brezzo di Bedero e sali a sinistra per località Ai Ronchi e località Alcio da dove un sentiero conduce direttamente alla Canonica di Bedero.
2) Un comodo ed evidente sentiero costeggia il Torrente San Giovanni,guadandolo in due punti,fino all'incrocio con una passerella in cemento.A questo punto a sinistra per il Villaggio Olandese e a destra,in una decina di minuti su sentierone,a Bedero.
Ciao Alfredo

Poncione says: RE:
Sent 24 February 2014, 13h28
Grazie per l'informazione, che mi sarà utile nel caso decidessi di riprovarci (magari anche in discesa): della prima possibilità mi ero accorto guardando la carta, ma avendo subito sbagliato strada - avrei dovuto proseguire dritto ancora un po' - non volevo tornare indietro. La seconda possibilità che elenchi devo averla incrociata lungo il sentiero 3V dal villaggio olandese a Bedero, in quanto proprio nei pressi di un ponte ho visto un sentiero sulla destra che giungeva da valle... Probabilmente è quello cui ti riferisci, almeno leggendo la tua descrizione.

Ciao

coral54 says: RE:
Sent 24 February 2014, 14h14
Proprio così,ciao.

gbal says:
Sent 1 March 2014, 16h22
Se si cercano idee un po' inusuali da mettere in atto sui nostri monti bisogna leggere le avventure di Poncione. Vedo cmq che anche coral54 è un ottimo cicerone!
Ciao Emiliano

Poncione says: RE:
Sent 2 March 2014, 16h14
Ciao Giulio,
grazie per i tuoi complimenti, sempre generosi ed esagerati.
Adesso ho in mente qualche "grufolata" in Martica da mettere in atto. Avrei voluto farla oggi, ma non ho potuto: peccato, perchè la bella nevicata di ieri in Valganna l'avrebbe resa ancor più "avventurosa".

Ciao


Post a comment»