COVID-19: Current situation

Monte Rocciamelone m.3538: una giornata al top per il bradipo


Published by Alberto , 29 July 2013, 16h42.

Region: World » Italy » Piemonte
Date of the hike:27 July 2013
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Mountaineering grading: F
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 3:00
Height gain: 1440 m 4723 ft.
Route:[p ] di quota 2090 nei pressi della teleferica - al bivio a quota 2500 circa seguo il sentiero corto (quello lungo porta alla sorgente ma in breve tempo e si ricollega con quello corto nel successivo traverso,sono poche decine di metri in più) - rifugio Cà d'Asti m.2854 - Crocetta m.3306 - Santuario e bivacco S. Maria al Rocciamelone m.3538
Access to start point:Da Milano prendere l'autostrada A4 MI-TO - poi seguire le indicazioni per la tangenziale di Torino e per Bardonecchia/Frejus - autostrada A32 per Bardonecchia e uscire a Susa - all'incrocio con la provinciale voltare a sinistra in direzione di Susa - a circa 1 km. dopo,dove inizia la strada con a lato degli alberi,fare attenzione alla stretta via sulla destra con le indicazioni per Mompantero/Rocciamelone/rifugio La Riposa - superare il passaggio a livello - seguire le indicazioni per La Riposa - Urbiano (frazione di Mompantero) - poi per il Rocciamelone: strada asfaltata fino a quota 1780 circa,poi sterrata ma in buone condizioni fino a quota 2205 per circa 4,5 km. Si parcheggia a quota 2090 dove vi è la stazione della teleferica che serve il rifugio Cà D'Asti
Accommodation:rifugio La Riposa m.2205 - rifugio Cà D'Asti m.2854 - bivacco S.Maria al Rocciamelone m.3534: coperte,materassi ma nulla per riscaldamento

Oggi la gita è organizzata in concomitanza con i bikers Lorenzo (cugino) e Stefano (fratello): siamo solo in 3,altri hanno desistito,chi per l'orario troppo presto e chi soffrendo il caldo andava sul lago (a soffrire ugualmente).

Alle 5 ci troviamo per mettere le bici sull'auto e poi via,verso la val di Susa e giunti al bivio con l'indicazione per il Rocciamelone,superiamo il passaggio a livello e parcheggiamo per togliere le bici.

 

Sono già le 7,15 e so che mi aspettano ancora 45 minuti di salita con l'auto: per la prima volta mi accingo a guidare una station wagon,auto con tecnologia superiore alla "Lince delle Alpi" alla quale non sono abituato. Giustamente,mi son fatto spiegare come si accende visto che non si usa la chiave e come si chiude (mentre per la riapertura,basta avvicinarsi e si riapre....per chi possiede il telecomando).

 

Evito di proseguire fino al rifugio La Riposa e parcheggio dove vi è la teleferica a quota 2090 che serve il rifugio Cà d'Asti,già ai limiti di contenimento e alla bellezza delle 8,05 mi incammino: mi sorprende il fatto che riesco a tenere un passo abbastanza celere,molto probabilmente l'aria frizzante mi fa rendere e alle 8,22 sono a monte del rifugio La Riposa: da questo punto si ha la bella panoramica sul percorso che si dovrà affrontare.

Riprendo il cammino e alle 9,36 (disl+ 764) sono al rifugio Cà d'Asti m.2854 dove proseguo senza sostare dato che sono solo e alle 10,39 sono alla Crocetta m.3306 (disl+ 1216) dalla quale vedo una lunga catena umana di escursionisti che stanno scendendo: ciò che mi fa girare i balotos è nel vedere molti di loro mancare di cortesia verso chi sale,fermandosi dando precedenza,tranne una ragazza che fermandosi mi dice di procedere,perché è giusto evitare di rompere il passo a chi sta salendo (questo è dimostrare di capire come procedere in montagna ed essere intelligenti....ma spesso si arriva a tollerare la beata ignoranza).

 

Alle 11,12 sono in vetta (disl+ 1440) per un totale di 3,05 ore: qui,causa venticello mi metto il pile e mi gusto il panorama che ancora è apprezzabile,oltre al fatto che la cima si era svuotata. Quassù vi salgono escursionisti di ogni età,dai bambini agli anziani oltre alla mole corporea di alcuni soggetti. Vedere il tramonto e l'alba da quassù deve essere uno spettacolo unico....sempre che vi sia tempo bello e infatti sono vari che cercano di pernottare al bivacco annesso al santuario!

 

Mi riesce difficile contattare via cellulare (stando al mio cel. prende bene wind e tim) quindi per evitare che si preoccupino di me alle 11,40 mi rimetto in cammino anche per evitare l'arrivo della nuova ondata di folla,oltre alla meteo che era in fase di cambiamento: visto che la nebbia non avrebbe permesso di capire bene come si sviluppavano le vere nubi,scendo incontrando molta altra gente,giunto al rifugio Cà d'Asti alle 12,49 brevissima sosta e riprendo il cammino prendendo al bivio il sentiero che porta alla sorgente (unica della zona) dove vedo un marasma di neve che mai prima d'ora in questo periodo l'avevo vista in questo punto.

 

Comincia il mio rilento ritorno,osservando le svariate piante di fiori che questa montagna offre con facilità: prati pieni di raponzoli di cui uno e credo di rara visione,BIANCO....mi ritengo fortunato,sapevo come altre volte che questa zona era piena di piante diversificate,ovviamente non potevano mancare le stupende stelle alpine. Credo che per una persona appassionata di fotografia floreale alpina,qui ha di che stupirsi.

 

Giungo al rifugio La Riposa m.2205 alle 14,55 con la nebbia che mi rende sopportabile la discesa: Stefano e Lorenzo mi attendevano dopo essersi riempiti bene lo stomaco,mentre io dovevo ancora mangiare le focacce che avevo con me e finisco il modesto pranzo con una fetta di torta del rifugio e poi riprendo il cammino verso il parcheggio.

Ricordo che il dislivello superato da me in 3 ore (c'è chi ci mette di meno) è già fuori dalla tempistica “normale” quindi bisogna calcolare almeno 4 ore come minimo,potrebbero arrivare anche a 5 con le dovute soste,ogni fisico risponde diversamente,ma quello che importa è avvisare che le tempistiche “MEDIE” sono queste. Meglio dire come stanno le cose ed eventualmente eccedere nei tempi che stare stretti e prendersi qualche vada....!

 

Per la cronaca,chi è salito in bici si è fatto un bel mazzo: 20 km. e 1702 m. di dislivello non è robetta da poco in particolare per il cugino poco allenato. A parte loro vi era un altro che ho incontrato mentre saliva al Cà d'Asti,ovviamente con bici al fianco.

 

 

Ciao a tutti e alla prossima!


Hike partners: Alberto


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window

T3+
21 Aug 14
Rocciamelone (3.538m) · Simone86
T3
6 Sep 14
Rocciamelone mt 3.538 · Angelo63
T3
5 Oct 19
Rocciamelone 3538 m · cristina
T3
21 Aug 20
Rocciamelone Mt. 3538 · ralphmalph
T3
24 Jun 17
Rocciamelone · andrea62

Comments (4)


Post a comment

ivanbutti says:
Sent 29 July 2013, 17h34
Bravo Alberto, ormai x te una super classica di tutte le estati. Prima o poi ci devo salire anch'io.
Ciao, Ivan

Sent 30 July 2013, 08h55
Manca anche a me Ivan ... ma ora che arrivo io tu saresti già di ritorno :-)
Comunque resta nei miei DA FARE ...

Alberto says: RE:
Sent 31 July 2013, 14h44
Giorgio,è una escursione che puoi benissimo fare anche Tu,senza problemi: se vedessi che fisici che salgono lassù,rimarrsti allibito (e non dico "bronzi di riace"). Eventualmente vi è la possibilità che adottano in molti,di farla in due giorni....ma dipende dalla controparte he he he,ciao!

Alberto says: RE:
Sent 31 July 2013, 14h41
non è detto che la ripeta: manca anche a qualcun altro. ciao


Post a comment»