Escursione ad anello ai piedi del Cervino


Published by Vatar , 29 September 2011, 14h34.

Region: World » Switzerland » Valais » Oberwallis
Date of the hike:24 September 2011
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: CH-VS 
Height gain: 1150 m 3772 ft.
Height loss: 1150 m 3772 ft.
Route:Zermatt-Zmutt-Stafelalp-Schwarzsee-Hirli-Hermetje-Zermatt
Access to start point:Dal P.so del Sempione scendere a Briga, percorrere la Valle del Rodano fino a Visp, alla rotonda svoltare a sx e salire nella Vispertal, alla rotonda di Stalden girare a dx e proseguire fino a Tasch.
Maps:C.N.S. Zermatt n° 1348 Matterhorn n° 1347 1:25.000

La settimana di ferie purtroppo volge al termine, siccome a sud delle alpi le condizioni meteo non sono buone, ci giochiamo il jolly, tentiamo lo sconfinamento in Svizzera. Scelta azzeccata appena scolliniamo al Passo del Sempione le condizioni si invertono da nuvole basse consistenti passiamo a cielo limpido senza nuvole. Puntiamo quindi verso Zermatt, sono trascorsi almeno 6/7 anni dall'ultima visita, arrivati a Tasch che raggiungiamo in 1,5 h,  notiamo drastici cambiamenti, è stato costruito un mega parcheggio su più piani annesso alla stazione, anche i treni navetta sono diventati panoramici di ultimo grido.           
A Zermatt  notiamo che una cosa non è cambiata: il grande afflusso di turisti, prevalentemente orientali, vestiti nei modi più disperati. Decidiamo di salire allo Schwarzsee ai piedi del Cervino, con percorso contrario rispetto alla volta precedente, quindi saliamo lungo l'eterna valle di destra percorsa dal fiume Zmuttbach, seguendo le indicazioni Matterhorn trial/ Schwarzsee, la gran becca oggi appare nel suo massimo splendore, finalmente riusciamo a vederla senza la solita nube fantozziana che occulta la parte sommitale, la fotocamera inizia il suo dovere. Malgrado la lunghezza, il percorso non è mai monotono, grazie agli scorci spettacolari della zona, oggi vediamo il versante nord/est  del Monte Rosa, attirano la nostra attenzione anche molti scoiattoli sui larici. Giunti al ristorante Stafelalp a quota 2200 m  finalmente inizia la diminuzione della vegetazione, ho notato che rispetto alle nostre zone in questa parte di Svizzera gli alberi arrivano ad una quota decisamente maggiore, da questa prospettiva possiamo ammirare la parete nord del Matterhorn, con un velo di commozione ricordando la recente scomparsa del grandissimo alpinista Walter Bonatti, penso alla sua impresa compiuta nel 1965 riguardante la prima salita invernale in solitaria. Arriviamo così al lago, ed ecco riapparire i giapponesi eruttati dalla funivia che sale da Zermatt, tutti rigorosamente con la compattina digitale che scattano a volontà, purtroppo questa montagna ha una forza magnetica nei nostri confronti, non ci possiamo sottrarre alla sua volontà e proseguiamo la salita fino all’Hirli quota 2747 m, per oggi può bastare considerando anche l'orario, per arrivare all’Hornlihutte dove inizia l'attacco della cresta dell’Hornli ci vogliono ancora 500 metri decisamente troppi, mestamente ma comunque entusiasti per la giornata spettacolare iniziamo la discesa diretta su Zermatt. Il sentiero di discesa è tracciato in modo esemplare diventa un piacere perdere quota, malgrado conosciamo abbastanza la zona siamo continuamente rapiti dalle cose da osservare, che spettacolo! Tornati in paese iniziamo l'immancabile visita ai negozi, la vera passione di mia moglie, alla 10° stazione del Calvario (negozio)  sono costretto a farle notare che sta diventando tardi, e abbiamo ancora molti Km da percorrere, finalmente riesco a strapparla  dalle tentazioni d’acquisto e così saliamo sul treno rosso che ci riporta all'auto.

DATI GPS: Dislivello 1150 m     Svilupo planimetrico 22 Km 

Hike partners: Vatar


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Geodata
 7729.gpx Schwarzsee

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (4)


Post a comment

gbal says:
Sent 30 September 2011, 10h32
Foto di sogno! Che meraviglia e che giornata! Per il tour di acquisti....consoliamoci: siamo in tanti nella stessa barca. Però è forse un vantaggio andare in quei posti rinomati: è il miglior sistema per farsi accompagnare volentieri dalle mogli :):):)

Vatar says: RE:
Sent 30 September 2011, 16h20
Ciao Giulio, ne sai qualcosa anche tu del tour dei negozi?
E' stata una giornata davvero spettacolare, la zona è stupenda con un sacco di sentieri tutti ben segnalati, e poi il Cervino con la sua forma sinuosa è a mio parere la più bella montagna che esiste, è sempre emozionante ammirarlo.
Grazie 1000 per il tuo commento.

Adry.

gbal says: RE:
Sent 30 September 2011, 17h25
Ne so, ne so anche io, ahimè. E' un argomento che fa parte delle trattative e della buona conduzione di parecchi menages, credo.
Il Cervino è stupendo davvero; ho una grande invidia per un mio amico molto più in gamba di me che un bel giorno ha preso e solo soletto è salito dalla via Carrel oramai abbastanza addomesticata con corde fisse, ecc ed è ridisceso dalla Nord il giorno dopo!
Si è appuntato al petto una bella medaglia.
Ciao
Giulio

Vatar says: RE:
Sent 30 September 2011, 19h52
Il tuo amico si è sicuramente guadagnato una medaglia..d'oro per la sua impresa è stato un grande, io purtroppo mi limito ad ammirarlo dal basso verso l'alto, anche se certamente il mio sogno di sempre è quello di poterlo salire, ma siccome riconosco i miei limiti rimarrà tale...

Adry.


Post a comment»