Wegen COVID-19 keine Wanderungen, bleib bitte zu Hause!
A causa del Corona Virus nessuna escursione, resta per favore a casa!
A cause du COVID-19 pas de rando, reste s'il te plait à la maison!

https://bag-coronavirus.ch/

Cimetta (1671 m): primo contatto con le pelli di foca


Published by tapio , 27 November 2010, 00h18.

Region: World » Switzerland » Tessin » Locarnese
Date of the hike:24 November 2010
Ski grading: PD
Waypoints:
Geo-Tags: Gruppo Poncione Piancascia   CH-TI 
Time: 2:30
Height gain: 543 m 1781 ft.
Height loss: 543 m 1781 ft.
Route:Monte Bré - Pian da Rözz - Morsello - Cardada - Cimetta - discesa via Alpe Cardada - Cardada - Miranda - Monte Bré
Access to start point:Si arriva al Monte Bré da Locarno Monti salendo ed evitando la deviazione a destra per San Bernardo. Dato che in questa stagione il grande parcheggio di Miranda è inaccessibile, parcheggiare a lato della strada poco prima della transenna di divieto

Prima gita scialpinistica della mia vita a Cimetta, per capire se c’è feeling con questa disciplina e testare il materiale (che già di suo è molto,  molto datato, ed inoltre è rimasto in letargo tre anni dal momento dell’acquisto). Per cominciare devo dire che, stante questa prima escursione su sci, vi sono parecchie differenze con lo sci alpino “normale”, che tutti conosciamo. Ne elenco un po’ alla rinfusa: la fatica, le fiacche sui talloni, la neve selvaggia e vergine (non battuta: sia soffice che crostosa che ghiacciata), il silenzio, l’emozione di arrivare in vetta con le proprie gambe e non con funivie, seggiovie, ancore, etc etc., la constatazione che certi luoghi, d’estate, sembrano - e sono -  facili da percorrere, ma poi con la neve assumono tutt’altro aspetto…

Andiamo con ordine. Prima della partenza perdo già un’ora per sistemare gli attacchi (salvo poi accorgermi, in cima, che non erano stati sistemati a dovere… è lo scotto dell’inesperienza…). Parcheggio a quota 1128 m, subito dopo l’incrocio con il Sentiero alla Follia, nei pressi del n° 41 di via Miranda a Bré, alle spalle dell’ultima abitazione (qui è stata posizionata una transenna recante un divieto d’accesso, per via della neve e del ghiaccio, presumo) e salgo senza sci fino al grande posteggio appena superiore (dove vi è un altro divieto di accesso che impedisce di salire fino a Miranda, dove vi è un terzo e più perentorio divieto d’accesso). Qui calzo gli sci e invece di salire a Miranda mi dirigo a destra sulla strada asfaltata, parzialmente innevata, verso Pian da Rözz e Morsello. Alla quota 1259, dove finisce la strada, comincio ad inventarmi una salita accettabile verso Cardada, che finalmente raggiungo da est (avendo di molto allungato il percorso per via degli sci) dopo varie peregrinazioni su tracce poco convincenti. Qui decido di salire verso Cimetta “per direttissima” (sotto la seggiovia, per intenderci): il pendio è molto ripido e in un’occasione l’attacco si stacca, e naturalmente ci impiego un’eternità per sistemarlo. Incrociando poi il sentiero classico, la pendenza si fa meno importante, e quindi persevero nella via diretta. Qui la neve è soffice e quasi si sprofonda. Arrivo nei pressi dell’antenna e del ristorante e mi stupisco dell’assoluta assenza di persone in questo luogo che è notoriamente sempre molto affollato: la stagione dello sci non è ancora iniziata, ma qualche escursionista con le racchette da neve, o ciaspole che dir si voglia, avrei pensato di incontrarlo, con una giornata simile… Raggiungo il punto panoramico di Cimetta, che è quasi totalmente sommerso dalla neve (incredibile, non c’è nessuno!) e per il pranzo decido di scendere in zona ristorante (chiuso), dove almeno potrò stare un po’ all’asciutto. Spello gli sci e, reimpiegandoci forse mezz’ora per chiudere gli attacchi (in realtà solo quello dei due che non era a posto), scendo poi fino alla tettoia sotto la terrazza del ristorante. Tolgo gli sci e sistemo l’attacco difettoso (era ora!) e poi mi rilasso al sole gustandomi il mio panino. Il panorama è splendido e i raggi caldi del sole danno l’illusione di essere già al mese di marzo. Ma non è così. Riparto scendendo dal primo pendio per raggiungere la stradina (neve un po’ troppo soffice in questo tratto) che mi porta verso l’Alpe Cardada: supero prima la Capanna “lo Stallone” e poi la Capanna Alpe Cardada e poi seguo lo stretto sentierino che mi riporta a Cardada (un po’ complicato da sciare, visto che si tratta di un sentiero da escursionismo ricoperto dalla neve). Da qui proseguo a destra nel bosco, e dopo una deviazione verso Brè che mi consente di ammirare la terrazza del punto panoramico dal basso, ritorno sui miei passi (in salita) per scendere poi dal sentiero che va verso Miranda. Chi conosce questi luoghi sa che non è adatto allo sci (è un bosco con un piccolo sentierino tra gli alberi): comunque, in qualche modo raggiungo Miranda sugli sci, e da qui, sulla strada asfaltata parzialmente innevata arrivo fino al grande posteggio (punto di partenza della mattina), dove tolgo gli sci e in due minuti ritorno alla macchina. Commento finale: salvo alcuni punti da migliorare (attrezzatura obsoleta, difficoltà a sciare in discesa sulla neve vergine, familiarità con lo scialpinismo tutta da costruire) l’esperienza è stata senz’altro positiva. Tra l’altro, avevo anche perso gli occhiali da sole, ma poi sono stato in grado, fortunosamente, di ritrovarli: bene così! Un ultimo dettaglio che ho appena scoperto: la seggiovia che da Cardada sale a Cimetta è aperta tutto l'anno eccetto (nel 2010) dal 8.11. al 17.12 per la revisione degli impianti.  Un mesetto tranquillo, quindi, diversamente dal solito!


Hike partners: tapio


Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

T3
18 Jun 17
Madone e Cima della Trosa · GIBI
T3 WT3
T3
21 Sep 14
Madone e Cima della Trosa · GIBI
T2
21 Dec 14
Cima della Trosa · Giaco
T3

Comments (13)


Post a comment

paoloski Pro says: Re: primo contatto con le pelli di foca
Sent 27 November 2010, 18h21
Bravo Fabio,
benvenuto nel mondo dello scialpinismo, in effetti per tutti il primo approccio è stato traumatico: fatica, fiacche, voli continui... andando avanti comunque scoprirai anche che ci sono posti che in estate sono poco salutari (ad esempio perchè la roccia è infida) o banali e che invece, in inverno, divengono dei luoghi fantastici. Scoprirai anche che tanti 4000 è molto meglio salirli (e soprattutto scenderli) con gli sci che a piedi.
Ciao e buone sciate, paolo

tapio says: RE:Re: primo contatto con le pelli di foca
Sent 27 November 2010, 22h35
Grazie Paolo,
il tuo messaggio mi consola parecchio: in effetti pensavo di essere una specie di pecora nera con gli sci ai piedi (e, peggio, ancor più in discesa che in salita, nonostante il fatto che sappia sciare da un bel po' di anni, per usare un eufemismo). Naturalmente andrò per gradi: ancora per parecchio tempo i 4000 li lascerò agli esperti, ma in futuro, chissà...
Grazie ancora del benvenuto e buone sciate anche a te, Fabio

Jules says:
Sent 28 November 2010, 07h41
Ciao Fabio,
beh, complimenti per questa "prima"! Io con gli sci non ho per nulla un gran feeling, purtroppo... caspita, non pensavo ci fosse così tanta neve!
Alla prossima!
Jules

tapio says: RE:
Sent 28 November 2010, 11h55
Ciao Giulio,
grazie per i complimenti! È stata solo una prova, chissà se riuscirò a confermare le belle sensazioni della prima volta... Comunque con la meteo attuale e con quella prevista per i prossimi giorni, non oso immaginare come diventeranno le montagne del Locarnese (per non parlare di quelle della Val Bedretto, tanto per fare un esempio "accrescitivo"...).
Ciao e alla prossima,
Fabio

gbal says: Come al solito....
Sent 28 November 2010, 16h36
...arrivo ultimo, dietro ai "giovani", per complimentarmi con te. Tante volte ho immaginato come sarebbe stata da parte di uno che con gli sci se la cava davvero poco (io) e che però intuisce quanto bello deve essere girare per i monti come fa skiboy69 per esempio e tutti quelli che oramai governano bene questi "strani" attrezzi. Sei stato davvero bravo, non ti scoraggiare; credo che il peggio dipenda non tanto dall'attrezzatura quanto dalla tecnica che se ben capisco non è supportata da corsi, ecc. Forse avessi avuto al fianco uno già esperto sarebbe andata meglio. Cmq al di là di tutte queste parole quello che conta è che sei stato davvero in gamba e....il buongiorno si vede dal mattino. Auguri!
Giulio

tapio says: RE:Come al solito....
Sent 28 November 2010, 17h24
Ciao Giulio, e grazie dei complimenti! Come hai ben intuito, non ho fatto corsi, nè di sci, nè di scialpinismo. Ormai sulle piste va abbastanza bene, ma la neve fresca è un'altra cosa. Skiboy1969 è di un altro pianeta, sia d'estate che d'inverno: penso che l'unica cosa che ho in comune con lui è la passione per la montagna, per il resto le sue escursioni sono davvero ad un livello troppo alto per me. Quindi andrò per gradi (anzi gradini, piccini piccini...), non appena gli stinchi saranno tornati "normali" e le fiacche si saranno riassorbite. Volevo solo provare e tutto sommato non è andata troppo male, magari la prossima volta andrà meglio...
Un saluto, a presto,
Fabio

Sent 28 November 2010, 17h18
anch'io ti do il benvenuto nella numerosa schiera di skialper, non mollare si può solo migliorare!!!
Marco

tapio says: RE:
Sent 28 November 2010, 17h37
Grazie del benvenuto, Marco: da quando ho visto le tue foto nel canalino del Gridone mi sono detto "togliamo la polvere da questi sci, magari un giorno ci proverò anch'io". Beh, chissà tra quanto..., ma almeno il ghiaccio è rotto!
Ciao, Fabio

Luca_P says: Complimenti!
Sent 29 November 2010, 22h39
Fabio, mi unisco ai complimenti, anch'io ricordo la mia "prima volta" con lo scialpinismo, attrezzatura nuova, tecnica diversa, tante cadute, etc. etc.
Non che adesso sia un grande esperto in questa disciplina ma qualcosa ho fatto e qualcos'altro vorrei ancora fare...
Tieni duro, auguri, ciao
Luca.

tapio says: RE:Complimenti!
Sent 30 November 2010, 10h50
Grazie Luca per i complimenti: in effetti la cosa che mi ha stupito maggiormente è stata la difficoltà in discesa, più che in salita; non credevo proprio! Comunque grazie per l'incoraggiamento, mi piacerebbe riuscire a migliorare, ma questo potrà succedere solo con la pratica. Un saluto,
Fabio

PS Non è detto che magari non ci si possa incontrare una volta a Campra, anche io ogni tanto vado a fare una sciatina con gli sci stretti...

Luca_P says: RE:Complimenti!
Sent 30 November 2010, 13h27
OK magari prima o poi ci si vede a Campra o su qualche altra montagna...
Buone escursioni, ciao.
Luca

Fabio says: bella esperienza.
Sent 30 November 2010, 22h34
Ciao Tapio,
complimenti per quanto hai scritto. Anch'io in questo periodo mi sto organizzando per attrezzarmi e iniziare questa attivita'. E' infatti una delle ultime che mi manca in montagna. Magari tra noi principianti potremo piu' avanti metterci d'accordo e fare delle uscite allo stesso livello. Comunque se hai piacere ti contattero' io. A Presto. Ciao Fabio

tapio says: RE:bella esperienza.
Sent 30 November 2010, 23h57
Ciao Fabio (a proposito, anche io sono Fabio... ma va bene anche Tapio, mi ricorda la Finlandia, che porto sempre nel cuore). A parte i convenevoli, grazie per i complimenti e, perchè no? È una buona idea, quella di condividere lo stesso livello di principianti. Sicuramente mi farà piacere, quindi sentiti pure libero di contattarmi per un'uscita quando e se vorrai. Ciao, a presto,
Fabio


Post a comment»