Golzeren - Windgaellenhuette - Alp Gnof - Blindensee


Published by paoloski Pro , 23 November 2010, 01h25.

Region: World » Switzerland » Uri
Date of the hike:18 July 2010
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: CH-UR 
Time: 6:30
Height gain: 640 m 2099 ft.
Height loss: 1250 m 4100 ft.
Access to start point:Dall'uscita di Amsteg della Autostrada N1 si seguono le indicazioni per Bristen, si attraversa l'abitato e si prosegue fino al grande parcheggio gratuito nei pressi della stazione a valle della funivia Bristen - Golzeren.
Access to end point:Giro circolare.
Accommodation:Windgaellenhuette. Alberghi e pensioni a Bristen e nella Reusstal, vedere su www.uritourism.ch
Maps:Urner Bike und Wanderkarte Blatt Maderanertal

E' da tanto tempo che volevo andare a vedere la Maderanertal, io e Roberto l'avevamo presa in considerazione anni fa per una traversata con gli sci dell'Oberalpstock, una gita che ancora non siamo riusciti a fare ma che prima o poi metteremo in cantiere. Per adesso vediamo di andare a fare un sopralluogo estivo!
Siamo io e Francesca, usciamo ad Amsteg e saliamo per una strada alquanto stetta a Bristen, il paese è veramente carino ma proseguiamo fino al parcheggio della funivia per Golzeren, il luogo sarà forse poco conosciuto dagli Italiani ma sembra decisamente molto popolare fra Svizzeri e Germanici: il parcheggio, pur grande, è strapieno! Troviamo un buco e ci prepariamo, alla stazione a valle della funivia facciamo un quarto d'ora di coda ma, finalmente, siamo a Golzern. Il tempo non è un granchè: le nuvole coprono il Bristen, l'Oberalpstock , il Chli ed il Gross Dussi...tutte cime che fanno parte di un lungo elenco di progetti e che speravo di vedere. Mi studio comunque il sentiero che sale ad Oberchaeseren e da lì al Chli Windgaellen, il primo dell'elenco. Ma oggi non è giornata.
Proseguiamo attraversando il paesino di Golzern, ammiriamo le sue case, passiamo di fianco ad un ristorante e, subito dopo, prendiamo un sentiero in leggera salita che ci porta al di sopra del Golzerensee, la temperatura non è molto alta, il sole è decisamente velato, eppure c'è qualcuno che sta facendo un bagno con il suo cane!
Proseguiamo, il sentiero sale dolcemente e, ben presto, esce dal bosco, nonostante la visibilità non sia granchè la valle sembra splendida. capiamo perchè ci sia una proposta per dichiararla Parco Nazionale.
Al punto quotato 1877 metri il sentiero spiana e devia verso nord, seguiamo il corso di un torrente e in breve siamo in vista della Windgaellenhuette, appare anche il Gross Windgaellen, una vista fantastica, quasi irreale!
Siamo a luglio ma fa un gran freddo: il termometro di fianco alla porta del rifugio segna 8°C.
Ci copriamo e mangiamo qualcosa, poi studiamo la cartina e decidiamo di seguire il Naturkundlicher Weg che dal rifugio va verso est per poi abbassarsi verso il fondovalle.
Le nuvole coprono ancora le cime delle montagne ma la vista al di sotto è perfetta: è una valle veramente ampia, verde, con cascate imponenti e numerose, in lontananza fa capolino il bianco dell'Hufifirn.
Al bivio di quota 1823 metri decidiamo di risalire fino all'Alp Gnof: chissà che non si riesca a vedere l'Alpgnofer Stock (vabbè come si è capito in questa valle ci sono un bel po' di montagne dei miei desideri). Guadiamo diversi torrenti: uno dall'incredibile color marrone seguito da due di acqua limpida.
L'alpe è caricato e molto suggestivo, il pastore è simpatico ed anche il cane, che sembrava ben poco socievole, si rivela un giocherellone.
Io proseguirei per andare a dare un'occhiata allo Schmerzifad e alle placche dell'Alpgnoferstock  ma Franci non mi sembra dell'avviso, d'altronde il nome (sentiero doloroso) non è dei più invitanti!
Seguiamo quindi le indicazioni per Blindensee, il sentiero si abbassa con un ampio giro per scendere al di sotto di una bastionata da cui si gettano tre cascate formate dai tre torrenti guadati poco prima: una infatti è marrone. Lo sguardo è però attratto dalle imponenti cascate che scendono dall'altro versante della valle: sembra che partano dalla sommità delle montagne! Quella che scende dalla Brunnital forma una nuvola di vapore acque enorme. 
A Blindensee troviamo una delle tante cose che fanno si che camminare in Svizzera sia tanto piacevole: una fontana intagliata in un tronco ed una piccola "dispensa" in cui vi sono dei concentrati di frutta da aggiungere all'acqua per farne una bibita, una selezione di minerali e cristalli della zona con i loro prezzi e la cassetta dove mettere i soldi. Siamo in un paese civile!
Da Blindensee partono i sentieri che portano alla Hufihuette e alla Hinterbalmhuette, posti entrambi in magnifica posizione sono in collegamento fra loro tramite un sentiero alpinistico denominato Schafweg,  che chiaramente mi riprometto di fare in un futuro prossimo.
Il sentiero segue ora il corso del Charstelenbach, nei pressi di Guferen lo attraversa su un ponte e si trasforma in un strada sterrata, all'altezza dell'Alp Stoessi decidiamo di abbandonare la strada per seguire le indicazioni dell'Alten Weg: ci alziamo leggermente a sinistra e prendiamo un bel sentiero che, con un po' di saliscendi, fra boschi e radure ci porta dapprima a Stoecken, quindi a Schattig Berg e ad Acherli, dove ritroviamo la strada, ed infine alla stazione di partenza della funivia.

La Maderanertal è senz'altro una delle valli più belle che abbia mai visto e conto di tornarci diverse volte per salire le sue cime. Anche una semplice escursione come la nostra è però sufficiente a lasciare dei magnifici ricordi.   

 

Hike partners: paoloski


Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

T2
T5 PD II
14 Sep 14
Groß Düssi "Rundtour" · Kanu
T4+ PD
T3
17 Jul 19
Hüfihütte und Hüfimaus · Mo6451
T2 WT3
31 Dec 16
Schneeschuhtour Schwarz Berg · El Chasqui

Post a comment»