Palanzone con anello e a modo mio


Published by giorgio59m (Girovagando) , 11 October 2021, 17h08.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:10 October 2021
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 4:00
Height gain: 930 m 3050 ft.

   
 

In solitaria al Palanzone

           Vista da Giorgio     -    (giorgio59m)     


 

Non amo molto le escursioni in solitaria, così ben abituato a stare in gruppo con gli amici, ma oggi è una giornata particolare.

Per vari motivi, non posso agregarmi agli altri Girovagando, ma la voglia di montagna è tanta e pur avendo poco tempo devo andare a sfogarmi un pò per pendii e creste.

Quindi escursione breve ma spero intensa.
La prima idea era il solito Bolettone, poi Paolo mi dà l'idea di fare il Palanzone da Caslino e la cosa mi piace proprio.
Prendo la sua traccia e me la studio un pò, così nasce questa breve gita che diventa un bel giro ad anello.

La pubblico perchè penso sia una bella idea quando si ha poco tempo, si evita di fare il solito Palanzone, ed inoltre evita completamente parcheggio e strada dell' Alpe del Vicerè.

Di contro si fa un pò più di dislivello, in un ambiente certamente un pò più wild, anche se tutti i sentieri sono ben indicati e battuti.

Parcheggio in Via Monte Palanzone, una strada stretta che da Caslino d'Erba si inoltra in Valle Piot, si può salire con un pò di attenzione fino all'Alpe del Prina a 590mt, da lì partono sentieri sia verso la Capanna Mara che verso la bocchetta di Palanzo, quindi verso il rifugio Riella.

Io  parcheggio prima del Foro Francescano, perchè il mio percorso di andata parte da quel punto (8:25).
Le indicazioni sono per l'Alpe Boltrino e la Grotta del Boltrino.

Il sentiero è largo e discretamente pulito, purtroppo in molti tratti si vede il passaggio devastante dei cinghiali.

Primo tratto con salita con media pendenza, si arriva al "beoc del Boldrin", la grotta del Boldrino, una vera grotta che si trova a pochi passi dal sentiero, interessante da vedere (8:45).

Proseguendo si trovano i resti dell' Alpe Boldrino, si vedono i resti della costruzione e dei muri a secco, orami tutto invaso dal bosco.
Poco oltre il sentiero è sbarrato da una grossa pianta deve essere aggirata da sopra, nulla di difficile.

Proseguendo si sbuca in un pianoro con un pò di prato che conduce ad un bivio la Bocchetta di Vallunga a Q910, dove sale un sentiero che arriva da Caglio o da Rezzago-Asso (9:25).

Il sentiero ritorna piuttosto largo e sale nel bosco sulla dorsale, a Q997 c'e' una baita, siamo alla Cà della Volta (9:38), ancora un tratto di salita per arrivare sulla cresta tra il Palanzone e la Colma Piana.

A Q1210 circa c'è un bivio, a sinistra indica la bocchetta di Palanzo, proseguendo ovviamente si arriva al Palanzone (10:10).

A questo bivio trovo un gentile signore con la felpa del CAI, mi spiega che è in corso il "Trail dei Presidenti",  che fa il giro Mara-Bolettone-Palanzone.

Io proseguo sulla cresta, in gara solo con me stesso e la mia voglia di camminare.

Uscendo dal bosco sull'ultimo tratto di cresta mi rendo conto che la visibilità è di pochissimi metri, penso che capirò di essere in cima quando inizierò a scendere o sbatto contro la cinta dell'obelisco della vetta del Palanzone.

Non è proprio così, altri due esponenti del CAI che segnano i passaggi del trail mi chiedono se sono un concorrente, rispondo che la mia salita al passo da bradipo dovrebbe togliere ogni dubbio, scherzando mi dicono che la ragione principale che i concorrenti sono tutti in braghette corte e maglietta mentre io sono ben coperto, fa piuttosto freddo.

Arrivo in cima alle 10:45, entro nel recinto e mi accomodo per riposare un pò, ci sono una decine di persone e altre arriveranno, nonostante un meteo veramente infelice.

Mi fermo una mezz'ora, mangio qualcosa, vedo passare veloci alcuni dei concorrenti al trail.

Inizio la mia discesa lungo la classica rampa del Palanzone dalla bocchetta omonima, un pò di attenzione sia perchè il terrreno è umido e scivoloso e soprattutto guardando spesso alle spalle perchè i concorrenti del trail scendono velocissimi nella discesa, con il rischio di essere travolti.

In breve sono in bocchetta, vedo il primo sentiero verso sinistra, indicazioni per Asso, porta alla bocchetta a Q1210 dove ho incontrato la prima persone del CAI in appoggio alla gara.

Proseguo ancora pochi metri ed imbocco il secondo sentiero che scende, indica "Caslino d'Erba FNM" (11:05).

Inizio una lunga discesa, con lunghi traversi nella parte iniziale, poi più ripido nella parte finale.

Lungo il percorso si trova una fontanella d'acqua, ed incrocio vari gruppetti di persone che salgono da Caslino (o dall'Alpe Prina) alla bocchetta di Palanzone. 

Evidentemente questo sentiero è molti più battuto di quello che ho percorso all'andata, dove ho incrociato solo 1 escursionista oltre alla persona del CAI.

In breve arrivo in basso dove finisce finisce il sentiero ed inizia la strada (12:35),, mi fermo una decina di minuti per mangiucchiare ancora qualcosa quindi proseguo in discesa, passo dall' Alpe Prina (molti parcheggi), ed infine arrivo al Foro Francescano ed al parcheggio (13:05).

Sono soddisfatto, quasi 9km di cammino e poco più di 900mt di dislivello su due sentieri a me sconosciuti, direi molto più di quello che potevo aspettarmi.

Peccato per il meteo, ho visto il nulla in vetta, ma conosco i paesaggi e lo scopo era una bella camminata, quindi obiettivo raggiunto.

 

 

 
 
     
 
RIASSUNTO del PERCORSO
Percorso Totale : 8,7 Km totali, 4h:40m totali, 4:00m di cammino
Andata :  -
Ritorno :  -
Dislivello :  900 mt di assoluto , 930mt di relativo
Libro di vetta:  NO
Copertura cellulare:  Discreta, scarsa o nulla in vetta
Partecipanti :

 Giorgio

 
 

Hike partners: giorgio59m (Girovagando)


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (3)


Post a comment

beppe says:
Sent 11 October 2021, 17h26
Bravo Giorgio un buon allenamento
A presto
Beppe

imerio says:
Sent 11 October 2021, 19h02
Bel giro Giorgio, in zone vicine che non sono da disdegnare, meglio se percorse in settimana quando c'è in giro poca gente, ma questo lo apprezzerai tra poco, quando sarai in pensione... Ciao, Imerio.

Sent 11 October 2021, 21h09
Bravo Giorgio, meglio non rischiare tanto, comunque ti sei fatto un bel giro, ci vediamo
ciao


Post a comment»