COVID-19: Current situation

Piz de Molinera da Lumino


Published by karll , 16 October 2020, 20h43.

Region: World » Switzerland » Tessin » Bellinzonese
Date of the hike:23 July 2020
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: Gruppo Pizzo di Claro   CH-GR   CH-TI 
Time: 6:30
Height gain: 2163 m 7095 ft.
Route:18.70 km

Questa uscita la ricordo con piacere perchè racchiude due primati personali: prima uscita "seria" nel sopraceneri, prima volta in cui supero il muro dei 2000 metri di dislivello.
Parto presto da Lumino: dando un'occhiata verso l'alto mi chiedo se riuscirò effettivamente ad arrivare così in alto come prefissato
Come ampiamente descritto da altre relazioni la prima parte del sentiero è abbastanza monotona; si trovano anche un paio di fontane che sfrutto per rinfrescarmi, visto il clima caldo.
Raggiungo i Monti di Savorù senza troppo affanno. Da qui scelgo il sentiero "ripido" per la capanna Brogoldone, riesco così a fare un ulteriore rifornimento di acqua in località "Alp di Pissadello".
Superato il limite superiore del bosco arrivo in vista della Capanna, il paesaggio è stupendo e ripaga delle fatiche fin qui fatte.
Manca ancora l'ultimo tratto: sbadatamente sbaglio anche sentiero, proseguendo per il passo di Mem; il sentiero per il Molinera è infatti a tratti marcato bianco-blu, pensavo di dover seguire le marcature bianco-rosse.
La salita finale mi costa fatica, inizio a sentire tutti i metri di dislivello, forse anche per il caldo; tuttavia dopo una settimana passata a programmare l'uscita, ad immaginarmi la cima, non posso mancare di salire fino all'ultimo metro.

E' vero che la montagna richiede sacrificio ma forma il carattere, insegna ad essere tenaci, a non aspettarsi sconti se non si è in forma. Tuttavia, qualche regalo la montagna lo concede sempre: il paesaggio, la solitudine rigenerante, il distacco - per un attimo - da tutti i problemi del quotidiano, l'aria fina e fresca che riempie e distende i polmoni. La montagna fa ricordare, forse, ciò che era l'uomo in origine: non adagiato su una sedia da ufficio ma un animale che abita luoghi selvaggi, dedito alla corsa e alla fatica.

Con questi pensieri scendo dal Molinera, scegliendo il percorso meno ripido, il "sentiero delle sculture"; perdendo quota il caldo inizia a farsi soffocante.
Arrivato ai Monti di Savorù decido di utilizzare la teleferica, che mi risparmia così 1000 metri di discesa, per la gioia delle mie gambe.

Hike partners: karll


Gallery


Open in a new window · Open in this window

T3
T3+ F
T3
26 Aug 10
Pizzo di Claro m.2727 · Poncione
T3
T3+
1 Apr 17
Piz de Molinera · igor

Comments (5)


Post a comment

Sent 17 October 2020, 07h52
Un grande complimento per una grande ascesa
molto impegnativa
Barba

karll says: RE:
Sent 17 October 2020, 21h52
Grazie !!

Gabrio says:
Sent 17 October 2020, 17h17
E' una bella salita da fare anche in inverno. Nel gennaio di Quest'anno l'ho salita due volte con neve trasformata in scarpette e ramponcini.
Ritorno in funivia però non è ammesso...per questa volta te l'abbuono!!
Ti aspetto in vetta con la neve!!
Ciao!

karll says: RE:
Sent 17 October 2020, 21h54
Quest'inverno proverò lo stesso percorso sicuramente! :)

Michea82 Pro says:
Sent 17 October 2020, 18h40
Complimenti per la salita! E condivido quello che pensi.
Il sopraceneri ha tantissimo da offrire. Anche io ho appena iniziato


Post a comment»