Un ostico Scalino


Published by ivanbutti , 17 August 2020, 14h20. Text and phots by the participants

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike: 8 August 2020
Hiking grading: T4+ - High-level Alpine hike
Mountaineering grading: F
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 8:15
Height gain: 1361 m 4464 ft.
Height loss: 1361 m 4464 ft.
Route:come waypoints - km. 13,37
Access to start point:SS36 Lecco fino a Colico, proseguire x la Valtellina, arrivati a Sondrio seguire Valmalenco, raggiungere Chiesa, seguire a dx x Lanzada/campo Franscia, seguire la strada fino a campo Moro, ai primi parcheggi seguire le indicazioni x rif. Cristina
Accommodation:Rifugio Cristina / Rifugio Ca' Runcasc/Rifugio Zoia

ivanbutti Ritorno dopo un pò di anni al Pizzo Scalino, come allora sempre col collega Massimo M.. Questa volta però saliamo dal Passo degli Ometti (allora dalla Val Fontana) e siamo in 5, ci sono anche Mario, Beppe P. e Max the Elephant. Da questo versante su Hikr non ci sono ancora relazioni, e in generale su Internet non c'è moltissimo; il tragitto per arrivare in fondo alla valle è bello lungo, da Chiesa dove ci aspetta Massimo M. c'è ancora mezz'ora per arrivare a quota 1.980, al parcheggio dove si stacca la strada (percorribile solo un centinaio di metri) x  il rifugio Cristina. Alla partenza nonostante la quota è tutt'altro che freddo, però durante la giornata non si suderà troppo. Fino al Cristina il percorso è semplicissimo, appena dietro di esso si stacca il sentiero (indicato e bollato) x il passo degli Ometti. Il primo tratto è nella bella e panoramica piana dell'alpe Prabello, dove pascola un bel gruppo di vacche con vista ottima sul Bernina e cime limitrofe. Inizia però poi  per mezz'ora abbondante una sassaia sulla quale si deve balzare da un masso all'altro senza un vero cammino, anche se ci sono i bolli per indicare la direzione corretta. E qui è dove the Elephant, con la sua nota leggiadria evocata spesso da Mario, dà il meglio di sè ... Esce dalla pietraia piuttosto provato e negativo, anche se poi il tratto mancante agli Ometti è su sentiero ben camminabile. Al Passo si torna al sole; ora cambiamo direzione di salita, seguendo sempre il sentiero evidente e ben bollato e, in questo tratto, tutt'altro che complicato. Max sale col suo passo, ogni tanto lo aspettiamo anche se ci dice di andare, non sa se salirà in vetta; arrivati sotto la verticale della cima, ormai oltre quota 3.000, il sentiero si impenna parecchio e si entra in un ghiaione sfaciumoso. Massimo M. e Beppe sono avanti, Mario ed io teniamo d'occhio Max che segue con un pò di distacco. Arriviamo ad uno sperone roccioso dal quale vediamo il tracciato che entra in un canalino ancor più ripido ed ostico, con terriccio e sfasciume con sassi che, specie in discesa, è quasi impossibile non muovere. Sono meno di 100 metri al Colletto di quota 3.220, dove arrivano anche il sentiero della Val Fontana e il percorso dal ghiacciaio, ma oggi il tracciato è parecchio frequentato, sia in salita che in discesa ci sono numerosi escursionisti e così parte dall'alto un sasso di belle dimensioni; con Mario ci spostiamo tutto a dx e per fortuna il sasso resta in centro al canale, a qualche metro da noi. Lancio un urlo a valle perchè la pietra continua il suo cammino, scopriremo poi che Max sentito l'urlo e la pietra che cade decide prudenzialmente di tornare indietro ed attenderci in luogo più sicuro, decisione alla fine saggia. Con Mario continuiamo stando tutto a dx nel canale, vicino alla roccia; di difficoltà non ce ne sono, l'insidia per sè stessi e per gli altri sono sempre i sassi che si muovono. Riusciamo comunque ad arrivare al Colletto e da qui, per quanto sia sempre necessaria la giusta attenzione nel seguire i bolli, la roccia è solida ed il rischio caduta massi cessa. Arriviamo così in vetta dopo oltre 4 ore; noi siamo al sole, ma il panorama verso il Bernina è ora occluso dai cumuli, pazienza. Mangiamo qualcosa di veloce per scendere e ricongiungerci a Max; affrontiamo il canalino con molta circospezione e stando molto vicini, e x fortuna non c'è più nessuno che sale. Passato il tratto ostico camminiamo ancora un pò fino a trovare Max, e facciamo la veloce pausa pranzo allietata da una bisciola portata da Massimo M.; riprendiamo poi il percorso a ritroso, dagli Ometti il sole, che andava e veniva, torna a splendere; anche in discesa la pietraia per Max è indigesta, ma non c'è fretta e pian piano ne usciamo, e così l'Elefante tira un bel sospiro di sollievo oltre a lanciare qualche vaffa agli amati massi. Quando siamo ormai su sentiero semplice troviamo un paio di occhiali che raccogliamo, scopriremo più sotto che sono di Beppe che, scivolando, si è procurato uno strappo alla gamba che lo fa zoppicare parecchio, e nell'evento non si è accorto di averli persi. Poco prima del Cristina ci ricompattiamo, poi io e Massimo M. allunghiamo il passo per recuperare l'auto e venire incontro al claudicante Beppe, ma sbagliamo un bivio allungando il percorso e ritroviamo così gli altri 3 amici a poco dall'auto, dove arriviamo dopo quasi 10 ore. Cosa dire: la cima è senz'altro bella e merita di essere salita, l'ambiente intorno è di prim'ordine, l'alpe Prabello con il rifugio Cristina ed il suo altopiano sono stati una bella scoperta; tuttavia se mi capiterà di dover risalire lo Scalino molto meglio dalla Val Fontana (la difficoltà maggiore è lo stato della carrareccia x l'Alpe Campascio) o eventualmente, con le condizioni giuste, dal ghiacciaio. Da questo versante non c'è niente di veramente difficile, ma certamente si rischia di complicarsi la vita. La Val  Malenco comunque è bella e merita, ogni tanto, una visita.

numbers
Il vero traguardo è sapere dove si vuole arrivare

Un sogno che era li da tempo, come molti altri, in settimana prende forma con la proposta di Ivan. L’avevamo pensato dalla val Fontana, la via piu’ lunga si, ma piu’ agevole. Per il ghiacciaio non siamo pronti. Non molte invece le relazioni su questa via, che sembra impegnativa ma fattibile.

E come sempre prima dei “grandi” appuntamenti, di quei miti che riecheggiano da tempo nella testa, venerdi sento la tensione e l’adrenalina che salgono sempre piu’, la sfida che mi aspetta….così cerco di rilassarmi ascoltando un altro dei miei miti…il Liga . E funziona

La piramide dello Scalino, da ogni lato la si guardi, incute sempre un certo timore, un rispetto dovuto alle grandi cime, a quelle circondate dal mistero e dal fascino delle grandi montagne. Inconfondibile tra le cime della Valmalenco, affascinante e magnetica.
Il lungo viaggio fino a campo Moro, si dissolve in un attimo quando arrivi e ti guardi intorno…Piacevole camminata l’avvicinamento al rifugio Cristina, molto bello il vasto alpeggio. Da li la salita si fa dura, la lunga pietraia detritica, che sale, in ombra, verso dx rispetto alla piramide, sfiorando un paio di nevai, ci mette a dura prova, poi il sentiero molto ben segnato ci deposita sulla cresta, poco prima del passo degli Ometti. Cambio versante, pieno sole, lungo avvicinamento e aggiramento  che ci deposita alla base di un ripidissimo canalino, detritico e sfasciumoso, davvero ostico, in diversi punti salgo a 4 “zampe motrici”…un passo avanti e mezzo indietro…si ha spesso la sensazione di poter cadere indietro…La ripidita’ sembra aumentare all’infinito…..Davanti a me Ivan, schiviamo una scarica con un sasso bello grosso…..tensione……Max gia’ provato torna sui suoi passi.
 Ma chi ce lo ha fatto fare….
Resta la sensazione che sia decisamente meglio affrontarlo senza nessuno dietro e nemmeno davanti…
Infine siamo fuori, ho speso molto, ogni tanto sento salire un crampo alla coscia, ora dalla sella, che da gia’ grandi emozioni, con la vista sul ghiacciaio, la via per la vetta ci aspetta alla nostra sx, intuitiva e ben segnata, non banale, richiede cmq attenzione e passo fermo…e ci siamo….

La vista della croce, il cuore si emoziona, anche oggi mi sorprendo di me stesso, e la mente resta li x un po, sospesa, il tempo pare fermarsi, siamo io e la vetta…  senza bisogno di dire nulla …..

Grande Mario!!! Perché anche l’autostima va premiata :):):)
Foto di rito nonostante i cumuli, sosta spuntino a reintegrare le energie spese, nn molta fame come sempre quando c’è tensione e adrenalina;  decidiamo di scendere x ritrovare Max. Nel canalino x fortuna non c’è piu’ nessuno, scendiamo tutti e 4 molto vicini e riusciamo a non far danni. Discesa cmq molto impegnativa fisicamente. Sosta pranzo veloce con ottima bisciola finale gentilmente offerta da Massimo. Lunga e infinita la discesa dal passo sulla pietraia…sosta rinfrescante all’alpe nei pressi del rifugio.
Alla macchina che son quasi le 18.00, stanchi ma appagati.
Grazie agli amici x aver condiviso quest’avventura. Grande Valmalenco.
Un altro grande obiettivo spuntato. Lo rifaremo dal ghiacciaio…prima o poi.
Soddisfattissimo !!!
Alla prossima.
 
Un traguardo è sempre anche una nuova linea di partenza

  massimo
Per farla breve percorso di merda in un ambiente fantastico. Dopo aver inveito contro tutti i santi del paradiso nel tratto di salita al passo degli Ometti mi riprendo leggermente nel traverso e mi autoconvinco che posso almeno provarci. In un tratto ripido ecco la scarica di sassi dall'alto .... alzo lo sguardo e vedo che c'è ressa sopra di me al che giro i tacchi abbastanza celermente e mi porto in una zona sicura e tranquilla ..... ma vafanculo la cima!!! Altro rosario nella discesa degli Ometti ma poi finalmente raggiungiamo il pianoro del rifugio Cristina, peccato per l'inconveniente capitato a Beppe. Grazie a tutti per avermi sopportato e supportato, una cosa è certa non rifarò mai più questo percorso infame.

Hike partners: ivanbutti, Massimo, numbers


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window

T5-
T4- F I
PD- II AD-
13 Apr 19
Pizzo Scalino - 3323 m · irgi99
T4- PD+ PD+
4 May 19
Pizzo Scalino 3323 skialp · Poty98
II PD+

Comments (14)


Post a comment

siso says:
Sent 17 August 2020, 14h37
Complimenti a tutti per l'impresa e tanti auguri a Beppe!
siso.

ivanbutti says: RE:
Sent 17 August 2020, 20h54
Grazie Siso;
Beppe è una roccia, credo si sia già ripreso.
Ciao, Ivan

Menek says:
Sent 17 August 2020, 16h18
bella montagna, peccato x beppe e max, anche se ha deciso x il meglio.
Menek

ivanbutti says: RE:
Sent 17 August 2020, 20h56
Ciao Domenico; lo Scalino è davvero una bella montagna che merita.
Un saluto, Ivan

Sent 17 August 2020, 20h51
Complimenti a tutti per questa montagna simbolo, per chi l'aveva già salita, per chi è stata la realizzazione di un sogno e anche per chi ha saputo rinunciare...
Bravi!!!!
Graziano

ivanbutti says: RE:
Sent 17 August 2020, 20h59
Grazie Graziano, sono completamente d'accordo, la rinuncia quando è motivata non è mai una sconfitta.
Ciao, Ivan

Sent 17 August 2020, 21h02
Grandi ragazzi, è tre anni che mi manca lo Scalino,
sempre bello salirlo,
ciao

ivanbutti says: RE:
Sent 18 August 2020, 13h01
Ciao Luciano;
intanto in questi 3 anni ne hai fatte molte altre di belle cime, non ti sei fatto mancare niente.
Ciao, Ivan

gebre says: Bravi
Sent 17 August 2020, 23h57
Complimenti a tutti e soprattutto a chi è salito per la prima volta, il Pizzo è la cima simbolo della Valmalenco!

Ciao
Alberto

ivanbutti says: RE:Bravi
Sent 18 August 2020, 13h02
Grazie Alberto, ciao e a presto, Ivan.

Emanuela says:
Sent 18 August 2020, 15h02
Si, questa via di salita è ai più sconosciuta (e spero rimanga tale ;+).

Si vede che è piuttosto franosa e che il pericolo maggiore, come purtroppo avete riscontrato, viene dall'alto o da chi ci precede.

Peccato, perché non è facile trovare giornate così belle: lo Scalino si incappuccia piuttosto in fretta durante la giornata, per poi ripulirsi nel tardo pomeriggio e scaldare la sua parete con il caldo sole calante.

L'avremmo salita da questo itinerario lo scorso anno, ma abbiamo dovuto desistere, perché proprio il giorno prima a Fiorenzo è venuto un ginocchio gonfio, quindi ghiaccio e riposo: abbiamo solo potuto ammirarlo dalla finestra di casa.

Medesimo scherzo (quello del ginocchio) anche l'anno prima.

A questo tenevo tantissimo perché l'avremmo salito dalla Val Fontana pernottando al bivacco, per raggiungere e festeggiare in cima, insieme ad amici che salivano dal ghiacciaio, un addio al celibato.

È vero che le montagne sono sempre lì, però.....

Dai Massimo, anche per noi ci saranno altre possibilità.... sperem ;+))


ivanbutti says: RE:
Sent 18 August 2020, 22h27
Dalla Val Fontana l'ho fatto un pò di anni fa, la relazione è pubblicata su Hikr, ed è decisamente meglio. Da qui anche se non ci sono mai rischi veri ci si complica solo la vita. Ciao, e spero che il ginocchio si sia nel frattempo sistemato.
Ivan

GIBI says:
Sent 18 August 2020, 22h17
Caspiterina ... per non dire di peggio, sono anni che dico di voler salire al Pizzo Scalino dalla Val Fontana ( magari in due giorni pernottando al bivacco ) e voi invece me lo fate così in giornata con un percorso abbastanza inedito e con un dislivello più che accettabile ... complimenti ... però se lo sapevo ...

ciao Giorgio

ivanbutti says: RE:
Sent 18 August 2020, 22h30
Ciao Giorgio.
Molto meglio dalla Val Fontana, e x un mangiatore di km e dislivelli come te non è un problema farlo in giornata, vedi link sotto, anche se è vero che ora da pensionato te la puoi prendere con calma ... ciao, Ivan

https://www.hikr.org/tour/post39276.html


Post a comment»