COVID-19: Current situation

Pizzo Lucendro (2963 m) e Fibbia (2732 m) - Skitour


Published by siso Pro , 23 May 2020, 14h35.

Region: World » Switzerland » Tessin » Bellinzonese
Date of the hike:21 May 2020
Ski grading: AD-
Waypoints:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Pizzo Lucendro   CH-UR   Gruppo Pizzo Centrale 
Time: 6:00
Height gain: 1278 m 4192 ft.
Route:Parcheggio presso il Lago della Piazza (2093 m) – Laghi della Valletta (2386 m) – Passo della Valletta (2643 m) – Laghetto a N del Passo di Lucendro (2485 m) – Pizzo Lucendro (2962 m) – Passo di Lucendro (2532 m) – Passo della Valletta Sud (2720 m) – Fibbia (2732 m) – Laghi della Valletta (2386 m) – Parcheggio presso il Lago della Piazza (2093 m).
Access to start point:Autostrada A2, uscita Airolo – Passo del San Gottardo.
Accommodation:Albergo San Gottardo Ospizio.
Maps:C.N.S. No. 1251 – Val Bedretto - 1:25000; C.N.S. No. 265 S – Nufenenpass - 1:50000.

Finalmente è arrivato il giorno della classicissima dello scialpinismo ticinese! Dopo sole 18 ore dalla riapertura del Passo del San Gottardo (mercoledì 20.5.2020, alle ore 11:00) eccomi pronto, con rinnovato entusiasmo, ad affrontare l’impegnativa salita al Pizzo Lucendro. Le condizioni meteo e della neve sono ottime: è la giusta ricompensa per le centinaia di sciescursionisti venuti da diversi cantoni della Svizzera, ma anche da altri paesi. Ho scambiato due chiacchiere con sciatori arrivati persino dalla Norvegia.

Viste le eccezionali condizioni non mi sono lasciato sfuggire l’occasione per compiere per la seconda volta la doppietta: Lucendro e Fibbia in successione.

 

Inizio dell’escursione: ore 5:40

Fine dell’escursione: ore 11:45

Velocità media del vento: 15 km/h

Pressione atmosferica, ore 9.00: 1021 hPa

Temperatura alla partenza: 3,5°C

Isoterma di 0°C, ore 9.00: 3700 m

Temperatura al rientro: 19°C

Sorgere del sole al Pizzo Lucendro: 5:45

Tramonto del sole al Pizzo Lucendro: 21:00

 

Sveglia alle 3:00, partenza da casa alle 4:00, arrivo al Passo del San Gottardo alle 5:20, dopo 116 km d’auto.

Evviva, non c’è l’abituale bancone di nebbia! Per la prima volta fatico tuttavia a trovare il posteggio già alle 5:20 del mattino. I patiti dello sci escursionismo non hanno perso la favorevolissima opportunità.

Parto alle 5:40 dal Lago della Piazza e per la prima volta passo ai bordi del laghetto, senza nome sulla cartina topografica, situato a sud del Lago di San Carlo e quotato 2096 m. Mi precedono decine e decine di sciatori, con il sangue ribollente per il richiamo del Pizzo Lucendro. Si trovano già sul versante più ripido dell’Alpe di San Gottardo, fra le rocce montonate, e sono tutti diretti ai Laghi della Valletta. Perdersi è praticamente impossibile: pur non essendoci dei segnavia, la simpatica fiumana di escursionisti farebbe da guida anche ad un eventuale neofita della regione. Che bella sorpresa: la neve è ancora compatta e consistente: promette una bella discesa dalla cima fino alla strada del Passo.

Una volta giunto ai Laghi della Valletta (2386 m) rimango inevitabilmente - come tutti del resto - ammaliato dalla bellezza della valle, illuminata dai primi raggi solari. Il formicolio di sciatori che salgono verso il Passo della Valletta (2643 m) non infastidisce, è un simpatico elemento coreografico che sottolinea quanti estimatori abbia il nostro sport preferito.

In fondo alla conca, al bivio per la Fibbia, mi prendo il tempo per montare i coltelli: mi saranno di grande aiuto per superare la testata della valle, su neve ancora gelata.  

Alle 7:15 arrivo alla sella, dalla quale si ammira per la prima volta il Pizzo Lucendro: che spettacolo!

Scatto alcune foto, quindi tolgo le pelli, indosso il casco e mi preparo per la ripida discesa su neve ghiacciatissima. Le lamine degli sci cantano sul versante ovest del Passo della Valletta. In cinque minuti pervengo al laghetto a nord del Passo di Lucendro.

Qui rimonto le pelli in compagnia di altri escursionisti, tra i quali un ragazzino tredicenne: grande! I giovanissimi che praticano questa disciplina sono mosche bianche.

Da qui via le tracce sono più incise; fino alla vetta del Lucendro rimangono 480 m di dislivello, in pieno sole, senza una nuvola in cielo.

Dal terrazzo a quota 2720 m monto i coltelli: oggi sono indispensabili. Chi ne è sprovvisto deve fissare gli sci allo zaino e salire a piedi.

Alle 9 arrivo allo Skidepot, piuttosto affollato, sulla cresta affilata, che non è da prendere sottogamba. Seguendo l’esempio degli altri escursionisti lascio anche lo zaino, ben fissato agli sci conficcati nella neve. Per percorrere gli ultimi 80 m che mi separano dalla croce di vetta uso la piccozza e un bastoncino. Ci sono già delle impronte ben profonde che facilitano la progressione, tuttavia, memore di gravi incidenti successi su questa cresta, cerco di tenere alta la concentrazione. Il pericolo maggiore è quando si incrociano altri alpinisti. Alle 9.07, per l’ottava volta in dieci anni, posso affermare Pizzo Lucendro (2963 m) geschafft!

In vetta lo spazio è esiguo. Parecchi sono in coda per farsi fotografare di fianco alla croce. Io mi limito a scattare qualche foto panoramica, quindi riprendo subito la discesa verso lo Skidepot.

Alle 9:30 inizio la fantastica discesa, forse la più bella di sempre da questa cima, in direzione del Passo di Lucendro (2532 m). È una goduria che dura purtroppo solo una decina di minuti.

Mi aspetta ora un’ulteriore faticaccia: un portage di ben 40 minuti, sulla cresta dove la neve si alterna alle rocce e alla terra nuda.


                              Il percorso della discesa dal Pizzo Lucendro

Oggi il Passo della Valletta Sud (2720 m) è una meraviglia! Non c’è foto che possa restituire ciò che i nostri sensi percepiscono dal vivo in questi ambienti.

Fisso i talloni, con le pelli montate, e scendo in diagonale fino a 2680 m. Da qui libero i talloni e seguendo una bella traccia, raggiungo la cima della Fibbia (2732 m) in condizioni meteo eccezionali.

Anche la discesa dalla Fibbia è tutta da gustare: la neve è perfettamente sciabile fino alla strada del Gottardo.

 

Le perfette condizioni meteo, associate a neve di buona qualità, hanno regalato a centinaia di sciatori una grande soddisfazione. La classicissima dello scialpinismo ticinese ha vissuto oggi forse la più bella edizione dell’ultimo decennio. Carpe diem!

 

Tempo totale: 6 h 5 min

Tempo di salita: 3 h 25 min

Tempi parziali

Lago della Piazza – Laghetti della Valletta: 50 min

Laghetti della Valletta – Passo della Valletta: 45 min

Passo della Valletta – Pizzo Lucendro: 1 h 50

Pizzo Lucendro – Fibbia: 1 h 30 min

Fibbia – Lago della Piazza: 25 min   

Dislivello in salita: 1278 m

Sviluppo complessivo: 12 km

Difficoltà: AD-

SLF: Pericolo di valanghe 

“Valanghe asciutte

Il pericolo di valanghe asciutte si limita ai settori d’alta montagna. I punti pericolosi si trovano soprattutto sui pendii molto ripidi esposti a nord. Soprattutto sulla parte orientale della cresta principale delle Alpi potranno distaccarsi isolate valanghe di medie dimensioni. Per il resto bisogna fare attenzione soprattutto al pericolo di trascinamento e di caduta.

Valanghe bagnate nel corso della giornata

Con le alte temperature, la crosta da rigelo si ammorbidirà rapidamente. Al di sotto dei 3000 m circa, sui pendii ripidi soleggiati anche a quote più elevate, con il riscaldamento e l’irradiazione solare nelle ore diurne sono previste valanghe bagnate e per scivolamento di neve, che specialmente sui pendii d’alta quota esposti a nord potranno in alcuni casi assumere grandi dimensioni.

Le escursioni e le salite ai rifugi dovranno cominciare molto presto e concludersi per tempo”.

Coordinate Pizzo Lucendro: 682.910 / 154.750

Coordinate Fibbia: 685.055 / 155.750

Libro di vetta: sì

Copertura della rete cellulare: Swisscom da sufficiente a buona.


Hike partners: siso


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (8)


Post a comment

Sent 23 May 2020, 16h37
Bella gita, sempre sul pezzo: complimenti.
roby

siso Pro says: RE:
Sent 23 May 2020, 16h43
Grazie Roby,
siamo alle battute finali ... della stagione ovviamente!
siso.

Daniele66 says:
Sent 23 May 2020, 23h00
Che bello.....grande Siso.........Daniele66

siso Pro says: RE:
Sent 24 May 2020, 08h55
È stata un'escursione meravigliosa! Non capita spesso di trovare contemporaneamente ottime condizioni meteo, buona neve, paesaggio da cartolina e itinerario molto variato. Grazie Daniele, un caro saluto!
siso.

Poncione says:
Sent 25 May 2020, 21h52
Bellissimo e bravo come sempre... prima o poi sarà da fare.

siso Pro says: RE:
Sent 26 May 2020, 09h49
Ciao Emiliano, il Pizzo Lucendro è bello anche in estate, tuttavia, alle pietraie preferisco i pendii innevati.
Un caro saluto,
siso.

Alpingio says:
Sent 26 May 2020, 23h18
Bellissima montagna..prima o poi mi tocca andarci!
Giovanni

siso Pro says: RE:
Sent 27 May 2020, 08h10
È un must!
siso


Post a comment»