COVID-19: Current situation

Cima Mughera 1161 m e...


Published by cristina , 18 February 2020, 16h21. Text and phots by the participants

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:16 February 2020
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Access to start point:A4 uscita Brescia Est. Seguire per Riva del Garda. In questo periodo a Limone il posteggi sono gratuiti. Se non lo fossero meglio salire e posteggiare a La Milanesa.

Ieri sera non siamo riusciti a prendere alcuna decisione su cosa fare oggi, soprattutto se andare su neve o meno. Così quando suona la sveglia la cosa più semplice da fare è mantenere lo zaino come ieri senza dover andare a prendere ramponi, picche, ciaspole ecc ecc

Cambiamo lago però, questa volta è Garda…Limone sul Garda.

Posteggiamo nei pressi della statale, bassa stagione e quindi posteggi liberi e prendiamo la Bassa Via del Garda dietro l’Hotel Europa. La abbandoniamo immediatamente svoltando a dx andando a prendere il ripido sentiero per Cima Mughera. Ricordavamo solo che era ripido. Solitamente non apprezziamo le salite ginocchia in bocca, questo invece è veramente molto bello. Incredibilmente panoramico, passa tra roccioni e pareti che costituiscono questo versante. Qualche tratto attrezzato e qualche altro dove tirare il fiato…affascinante e, fortunatamente non fa caldo!

Un tavolino poco sotto la cima è la scusa per la pausa, il primo millino circa è stato salito…Dalla cima scendiamo sulla militare per P.so Guil che raggiungiamo poco dopo. La salita al Monte Carone non è indicata. La cosa migliore e scendere, poco, fino a individuare uno slargo che si apre nel bosco. Meglio stare al margine del bosco a dx, tracce di strada. Poco sopra si rintraccia il sentiero bollato. In breve si giunge a un bivio non segnalato, muretto a secco. Se si prosegue diritti come viene naturale si sale in cima con percorso leggermente più lungo ma più panoramico. Noi svoltiamo scegliendo la salita leggermente più diretta. Giunti in cima notiamo la traccia di salita alla Punta Mois, mai salita, niente di che però sarebbe una cosa nuova per cui cambiamo programma. Scendiamo con il sentiero panoramico e nuovamente al bivio ritorniamo sui nostri passi per salire la nuova cimetta. Dall’ometto di vetta scendiamo sul versante opposto. Inizialmente la traccia è stata cancellata da un recente incendio poi diventa più visibile ma basta stare sul ciglio della cresta, attenzione perché a destra la parete scende a picco. Entriamo nel bosco e giunti a una sorta di colletto forse si potrebbe andare a sx e scendere subito a P.so Guil. Noi però continuiamo in ripida salita su traccia e passiamo sotto un caratteristico arco di roccia, bella sorpresa. La traccia continua a salire ai margini della dorsale. Giunti poco sopra P.so Guil la perdiamo ma, passando alla belle e meglio tra arbusti e alberi lo raggiungiamo velocemente. Il programma iniziale è saltato per cui ora improvvisiamo…continuiamo in salita fino al Monte Guil, scendiamo dal lato opposto e rintracciamo un vecchio sentiero che si collega nel giro di pochi tornanti al sentiero ufficiale per il P.so Rocchetta. Per individuarlo bisogna cercare dei bollini rossi sugli alberi. Una volta trovato l’imbocco poi è facile seguirlo, sembra una sorta di vecchia militare inerbata. Fatti pochi tornanti s’innesta sul sentiero ufficiale. Da qui velocemente siamo al P.so Rocchetta da dove prendiamo il sentiero per il Monte Palaer e la Bocca Larici. Il sentiero pur non avendo difficoltà è piuttosto  esposto e il terreno quasi tutto su ghiaino. Non si scivola ma la sensazione di poterlo fare c’è…

Giunti in bocchetta proseguiamo per la vicina e panoramica Punta Larici dopo di che cerchiamo un punto comodo per la sosta pranzo.

Dal Bocca Larici parte il ripido sentiero per Limone. Anche questo percorso è da fare con molta attenzione. Tutto su ghiaino e soprattutto nella prima parte un po’ impressionante per la sua verticalità ed esposizione. Vietato assolutamente scivolare…direi vietato a escursionisti occasionali…

Raggiunta la strada imbocchiamo la bella ciclabile che in circa mezz’oretta ci riporta a Limone.

Escursione decisa all’ultimo momento e costruita in corso d’opera, e come succede spesso, ne è venuta fuori un’opera d’arte…un po’ esagerato forse ma siamo tornati al posteggio molto soddisfatti tanto che, se avessimo trovato traffico, ci avrebbe importato poco…


Hike partners: cristina, Marco27


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (4)


Post a comment

Angelo & Ele says: MILLINO
Sent 19 February 2020, 07h21
Bellissimo giro, complimenti...!!!

Circa 3 anni fà anche Ele ed io facemmo un bel giro sulla Cima Mughera (ben più ridimensionato rispetto al vostro) prendendo proprio ispirazione da chi spesso diceva "millino" e che ora, purtroppo, non è più tra noi...
Al rientro a Limone gli inviavi un SMS con scritto solo "Grazie" per ringraziarlo dell' ispirazione... Lui all' inizio non capì ma poi gli spiegai... :-)
Bellissimi luoghi...
Salutoni...

Angelo

cristina says: RE:MILLINO
Sent 19 February 2020, 10h14
La parte alta del lago di Garda è molto interessante, ci sono tanti sentieri e qualche ferratina simpatica. La conosciamo molto bene e questa volta eravamo arrivati prima noi a quelle zone...

GIBI says:
Sent 20 February 2020, 08h30
Non ci posso credere ... tu che ti svegli è non hai ancora programmato il giro odierno ... ma lasciale fare a me quelle cose lì che mi lascio indirizzare più da strade e autostrade che da una vera e propria programmazione, comunque come al solito alla fine ne è venuto fuori un gran bel giro !

ciao ciao

cristina says: RE:
Sent 20 February 2020, 10h33
Ma vah mica programmiamo così minuziosamente i giri...specialmente quando andiamo in zone che conosciamo! :-)

Fossimo così attenti non capiterebbe di... come si dice: "farla fuori dal vaso!" ogni tanto :-))))


Post a comment»