COVID-19: Current situation

Cingora -1283 mt- (ad anello da Pontegrande).


Published by GAQA , 28 January 2020, 22h09. Text and phots by the participants

Region: World » Italy » Piemonte
Date of the hike:20 January 2020
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 5:15
Height gain: 750 m 2460 ft.
Height loss: 750 m 2460 ft.
Route:Sentieri segnalati
Access to start point:Da Gallarate - Autostrada A26 Genova / Gravellona Toce - direzione Gravellona Toce - S.S 33 Strada Statale del Sempione - uscita Piedimulera - S.S 549 - Pontegrande.
Maps:Geo4map 6

Cingora: eccellente belvedere della Valle Anzasca, è un luogo strettamente legato a memorie valligiane. In passato oltre alle attività di pastorizia, divenne un punto logistico importante, in cui le baite dell'alpe venivano utilizzate come dormitori per i minatori che si recavano a lavorare nelle due sovrastanti miniere; ovvero: la Miniera dei Cani e la Miniera Garè. Attualmente si trovano baite ristrutturate e un bivacco privato.

A Pontegrande 530 mt, una bella mulattiera ben conservata conduce a Barzona 688 mt e succesivamente in ripida salita tra un bel bosco di castagni si esce allo scoperto nel bellissimo alpeggio a Pavù 877 mt. L'itinerario poco dopo raggiunge la Madonna del Sassello 951 mt, punto in cui si trova un bivio: a destra si prosegue in Val Bianca per Alpe Lasino; a sinistra per Alpe Cresta. Al bivio svoltare a sinistra, il tutto ben segnalato. Il sentiero sale deciso in una magnifica faggeta fino ad Alpe Cresta 1134 mt: anche questo alpeggio è molto bello e gode di un buon panorama. Da Alpe Cresta una dorsale ripida, sempre tra immensi faggi, conduce infine a Cingora 1283 mt.

Per la discesa, ci si sposta nei pressi della cappella dell'alpe, da cui si stacca un sentiero che scende velocemente a Cà Nova 1143 mt, dove si trovano ruderi di baite e un antica cappella. Seguendo sempre il bel sentiero si raggiunge la chiesetta Madonna del Ronco 874 mt. Infine un ingegnosa mulattiera termina la sua corsa a Pianezza 664 mt. A questo punto si chiude l'anello rientrando a Pontegrande 541 mt, seguendo il sentiero che rimane interno tra le case che scorre in parallelo alla strada statale 549. Bella gita!

NOTE: Sentieri segnalati.

Panoramix: in una delle giornate piu' fredde di questo inverno 2019-2020 la scelta ricade su una meta a quota non troppo elevata e il piu' possibile esposta al sole: in altre stagioni sembrano interessanti i proseguimenti dei sentieri segnalati che da Cingora portano verso antiche miniere; oggi risultano con tratti in ombra con neve che il freddo ha particolarmente indurito. 

Hike partners: Panoramix, GAQA


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (8)


Post a comment

Sent 29 January 2020, 09h56
Questi mulattiera sono davvero magnifici. Spero che ci sia un ente ufficiale che si occupa di identificarli e proteggerli ?

GAQA says:
Sent 29 January 2020, 12h18
Ciao Christian, le mulattiere sono proprio belle, ripide in alcuni tratti e ben mantenute. Non saprei però rispondere alla tua domanda. Sicuramente i sentieri fino a Cingora, in entrambi i sensi di marcia, erano soffiati dalle foglie e ben puliti. Presumo che chi frequenta abitualmente Cingora e dintorni, si prende cura dell'alpe e i sentieri attorno. Bellissima zona comunque;)
Un saluto.
Alessandro.

ChristianR says: RE:
Sent 29 January 2020, 14h36
Ciao Allessandro,

In realtà, stavo pensando piuttosto a un "inventario nazionale" (da parte dello Stato italiano) dei percorsi che hanno importanza storica.

Qualcosa di simile a " Inventario federale delle vie di comunicazione storiche della Svizzera ".

GAQA says:
Sent 29 January 2020, 15h17
Ciao Christian, grazie per il link molto interessante;)

Poncione says:
Sent 29 January 2020, 13h24
Basse quote, ma posti gradevoli ed affascinanti, a giudicare dalle foto.
Ciao Ale

GAQA says:
Sent 29 January 2020, 13h53
Ciao Emi, grazie. Bel posto sicuramente. Zona in cui vorrei visitare altri alpeggi della Valle Anzasca, magari in questo periodo in cui la "montagna" appare più silenziosa. A presto;)
Un saluto.
Alessandro.

Sent 29 January 2020, 20h11
Che belli tutti quelli alpeggi carichi di storia e di fascino, sempre bella la valle Anzasca e poi la vista sul Rosa vale da sola il "prezzo del biglietto"... :))
Ciaooo
Graziano

GAQA says:
Sent 29 January 2020, 20h22
Ciao Graziano. Bella gita, semplice, ma comunque soddisfacente in un meraviglioso ambiente. La vista sul Monte Rosa: paradossalmente era più ampia dal basso, da Pontegrande, piuttosto che in alto da Cingora dove si restringe la prospettiva. In compenso impressionante panorama sulla sottostante Valle Olocchia. Alla prossima;)
Un saluto.
Alessandro.


Post a comment»