COVID-19: Current situation

Sasso Guidà mt 1713+ Cima P.1799 da Paudo


Published by turistalpi , 27 September 2019, 21h15.

Region: World » Switzerland » Tessin » Bellinzonese
Date of the hike:24 September 2019
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: Gruppo Portola-San Jorio   CH-TI 
Time: 7:00
Height gain: 1050 m 3444 ft.
Height loss: 1050 m 3444 ft.
Route:come waypoints

Oggi sempre con Pinuccia ritorniamo su suo espresso desiderio al Sasso Guidà salito poco tempo fa….Partiamo sempre da Paudo (4 o 5 parcheggi gratuiti all'inizio del paesino). Seguiamo le segnalazioni come altre volte dapprima su belle gradinate e poi su sentiero tranquillo nel bosco sino a Pian dei Corelli. Proseguiamo sempre nella bella faggeta ed arriviamo a Pian Dolce e poi alla capanna Genzianella, fin qui abbiamo trovato solo due persone che scendevano. Brevissima sosta alla capanna e subito Pinuccia mi spinge a ripartire. Finora il cielo è stato sempre velato ma la temperatura buona. Dopo un primo breve tratto ripido il sentiero diventa molto comodo facendo un lungo traverso in leggera salita e dopo aver superato "Sopra Arbinetto"arriva ai laghetti della Costa (uno solo con poca acqua ma caratteristico con sopra vegetazione, forse ninfee...mah). Da qui in pochi minuti alla soprastante falsa sella e poi la scalinata per la croce del Sasso Guidà. Ho sempre sostenuto che la vera cima della costiera Sasso Guidà sia più avanti sul P. 1999 e così è. Infatti per sentierino un poco tortuoso arriviamo alla cima e non  sostiamo scendendo subito al pianoro dove vi sono molte mucche scozzesi con vitellini….Non volendo dare fastidio a queste per me pacifici animali scendiamo direttamente sul prato a sinistra delle mucche…...qualcuna però la incontriamo (quasi scontriamo poiché alcune sono nascoste nella vegetazione…).E' molto bello vedere come i vitellini corrono verso le madri ed uno si mette a poppare il latte…..è uno spettacolo forse normale ma che ci riempe il cuore...ah la natura! A pensare che ogni vitellino va a colpo sicuro dalla propria madre senza sbagliare….sembra impossibile.  Vedo la stradina che dall'alpe di Gesero va verso ovest e nord ma è un poco problematico raggiungerla….L'apertura con cancelletto è più a sud in mezzo alle mucche e quindi dobbiamo scavalcare il filo del recinto. Cosa semplicissima ma il filo è totalmente elettrificato e così prima io e poi Pinuccia ci prendiamo delle belle scossettine…..ma atterriamo sulla stradina. Seguendola poco prima dell'Alpe della Costa ci fermiamo a mangiare (avevamo fame…), nei pressi dell'alpe su una delle comode panchine….e qui vedo un bel marmottone traversare il sentiero e sparire prima che potessi fotografarlo. Dai laghetti della Costa poi sul sentiero dell'andata (ora con cielo bel sereno e caldo) ritorniamo alla capanna…..incontriamo ivi un escursionista che mi è sembrato del gruppo "Amici della capanna Genzianell".. Sosta, saluti e poi via in discesa lungo il bel bosco che ora con il sole di traverso è più piacevole. Arriviamo ai primi pratoni di Paudo e sotto gli ultimi alberi un fortissimo rumore appena sopra le nostre teste ci fa sobbalzare e guardare in alto…...caspita un elicottero sta trasportando una specie di casetta metallica e poi la deposita con precisione perfetta sul prato designato. Tutto bene  e tranquillo ma vedere un cassone che ballonzola appeso ad un cavo appena a massimo 20 metri non è stato il massimo….. Parlo con i due addetti a terra e poi in breve siamo all'auto. Ohei oggi Pinuccia ha camminato alla grande come trent'anni fa ed io non ho avuto problemi con il nuovo zaino Montura. Speriamo alla prossima…...

Hike partners: turistalpi


Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (1)


Post a comment

GIBI says:
Sent 1 October 2019, 09h10
Sempre bello il Sasso Guidà ... e poi voi fortunatamente avete trovato senz'altro più visibilità di quella che ho trovato io nelle mie due recenti visite !

ciao Giorgio


Post a comment»