Punta Collerin e Albaron di Savoia


Published by Andrea! , 30 May 2018, 22h08.

Region: World » Italy » Piemonte
Date of the hike:26 May 2018
Mountaineering grading: PD
Climbing grading: I (UIAA Grading System)
Ski grading: PD+
Waypoints:
Geo-Tags: I   F 
Height gain: 1870 m 6134 ft.
Route:15,9 km a/r
Access to start point:Rifugio Ciriè, Val d'Ala di Stura (Valli di Lanzo, Piemonte).

Per questo weekend scialpinistico ci spostiamo in Val d'Ala di Stura, una delle Valli di Lanzo del Piemonte. Pernottiamo al Rifugio Ciriè, coccolati dai gestori visto che stasera siamo gli unici ospiti. L'innevamento in valle è ancora ottimo, considerata la stagione, non ci resta che sperare nel buon rigelo notturno.

Tra le varie mete possibili oggi puntiamo all'Albaron di Savoia, una cima che coniuga una buona sciata con una parte più alpinistica. Per farlo bisogna risalire il famoso Canale delle Capre, canale non eccessivamente difficile ma che nasconde, soprattutto in stagione avanzata, qualche possibile rischio di finire nel torrente che scorre sotto il manto nevoso. Ma oggi il buon rigelo ci permette di salirlo senza difficoltà, a parte un po' di fatica visto che è necessario mettere gli sci in spalla e salire a piedi.

Superati questi 600/650 metri di dislivello sbuchiamo sul Pian Gias, che va percorso praticamente tutto, fino a quota 2840 circa, dove si inizia a spostarsi gradualmente verso destra (nord-ovest). La neve è liscia come un biliardo e offre un ottimo grip per le pelli, quindi la salita procede bene. L'Albaron è ancora celato alla vista mentre la Punta Collerin è ben visibile alla nostra sinistra.

Dopo un attimo di confronto tra noi tre, decidiamo di puntare prima al Collerin e poi all'Albaron. Con un traverso ci spostiamo in direzione della vetta, facilmente raggiungibile con gli sci fino a pochi metri dal culmine. Tornati agli sci non spelliamo neanche ma seguiamo il traverso in leggera discesa fino ad iniziare a puntare verso il nostro obiettivo, oramai ben visibile ... con la sua lunga cresta.

Ci alziamo con gli sci fino a delle rocce sotto la dorsale e poi con ramponi e picozza iniziamo la parte alpinistica. Puntiamo subito a raggiungere la cresta, con un passaggio su sfasciumi e un breve ripido tratto nevoso. Giunti in cresta proseguiamo alternando tratti nevosi a tratti con roccette dove è necessario usare le mani. Non ci sono tracce recenti di passaggio, quindi avremo l'onore ...e la fatica ... di tracciare. Dopo un primo tratto con qualche passaggio un po' esposto e un traverso su neve, i miei compagni ... per motivi diversi ... decidono di non continuare.

Proseguo quindi da solo percorrendo un buon tratto con neve per poi affrontare qualche roccetta che oppone passaggi tra il I e il II grado. Ancora qualche gradone roccioso e sbuco finalmente sull'ampio pianoro della vetta ... peccato che la cima vera sia proprio dall'altra parte ... quindi attraversato tutto il pianoro giungo su questa bellissima vetta ... in solitudine ... anche se un buon gruppo di sciatori sta arrivando dal versante francese. Sulla via del rientro incontro i tre di Cassano visti stamattina al rifugio, un paio di saluti e ringraziamenti per la traccia e poi scendo agli sci.

Nonostante il non "perfetto" orario di discesa, riusciamo a gustarci una buona sciata fin nei pressi del Canale delle Capre. Qui visto il caldo, preferiamo proseguire per andare a prendere il sentiero estivo, lasciando la discesa del Canale alla gita di domani. Con un lungo traverso ci portiamo quindi nel vallone parallelo e scendiamo fino ad intercettare il sentiero estivo ... pausa ... sci in spalla ... e rientro al rifugio ... ottima giornata!

Hike partners: Andrea!


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (4)


Post a comment

blepori says:
Sent 31 May 2018, 06h34
bella questa gita con un po' di tutto, canale, sciata e cresta fnale, decisamente le condizioni di quest'anno sono buone per questo tipo di percorsi. Ciao Benedetto

Andrea! says: RE:
Sent 31 May 2018, 07h42
Anche per me è proprio una bella cima.
Condizioni generalmente buone/ottime, peccato che i continui passaggi nuvolosi non garantiscono un buon rigelo notturno ... ne abbiamo fatto "le spese" il giorno successivo.
Ciao.
Andrea

GIBI says:
Sent 31 May 2018, 21h58
quest'anno voi Sci-alpinisti vi gingillate alla grande ... una stagione che sembra non finire mai !

ciao Giorgio

Andrea! says: RE:
Sent 1 June 2018, 23h07
Si.
Anche se quasi sicuramente per me è stato l'ultimo weekend sugli sci.
A.


Post a comment»