Ritorno sul Piz Bellavista 3.922m


Published by gebre , 12 August 2019, 11h48.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:27 August 2017
Hiking grading: T4- - High-level Alpine hike
Mountaineering grading: PD
Climbing grading: II (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: CH-GR   I   Bernina-Gruppe   Palü-Gruppe 
Time: 2 days 11:00
Height gain: 2308 m 7570 ft.
Height loss: 2308 m 7570 ft.
Route:Diga Alpe Gera-rif. Bignami-ghiacciaio Fellaria occ.-Sassi Rossi-bivacco Pansera-passo Bellavista-cresta Bellavista
Access to start point:A Sondrio seguire per la Valmalenco, poi Lanzada e Campomoro, ampio parcheggio al termine della prima diga

gebre 
È difficile fare il resoconto di un'escursione dopo quasi due anni...ma le foto aiutano a ricordare!

Dopo una notte in valle partiamo il 27 agosto con la frontale dalla diga di Alpe Gera carichi come muli e fa già caldo, iniziamo bene! Solito itinerario passando dal rif. Bignami, il lago sopra la morena e l'attacco del ghiacciaio, purtroppo sempre più piccolo.

Costeggiamo la Punta Marinelli ed attraversiamo il ghiacciaio di Fellaria e alla base del Piz Argient attraversiamo una zona piena di sassi e massi sopra al ghiacciaio con dei crepacci niente male!!!

Percorriamo spediti (per via delle scariche di sassi) il tratto vicino alla parete rocciosa Argent-Zupò ed iniziamo il labirinto dei Sassi Rossi, il nome è proprio azzeccato!

Saliamo sempre stando sulla sinistra come 2 anni fa ma a causa dei tanti buchi e crepacci non riusciamo a dirigerci verso il Bivacco Pansera, quindi saliamo dritti e passiamo sopra alla zona crepacciata....quanti cambiamenti in due anni!

Facciamo una sosta al bivacco, fortunatamente siamo i primi e lasciamo le cose per la notte.

Ripartiamo dopo uno spuntino veloce con lo zaino più leggero in direzione Fuorcla Bellavista, qui almeno il ghiacciaio è tutto coperto, il terminale è su una rampetta in salita....ma l'abbiamo saltato, poi dal passo si sale per sfasciumi sulla sinistra fino a guadagnare la cresta, ci sono diversi saliscendi per salire e scendere dalle diverse cime dei Bellavista, saliamo sull'ultima e più alta (3.922m) ma siamo stanchi e non ce la sentiamo di proseguire per lo Zupò, peccato ma anche il tempo non promette bene, quindi torniamo sui nostri passi  verso il bivacco Pansera, ma prima ci rinfreschiamo con un temporale....

Mentre ci cambiamo nel bivacco vediamo dalla finestrella un gruppo di 4 persone che vaga tra i crepacci e si trova dalla parte opposta a quella di salita, dopo una decina di minuti li vediamo vagare ancora sotto il temporale, fortunatamente poco dopo li vediamo scendere dalla parte corretta.

Il clima è più caldo rispetto a due anni prima, infatti con il sacco a pelo invernale ci siamo riposati bene entrambi, colazione e si scende facendo attenzione al primo tratto, il più delicato.

Scendiamo senza problemi cercando di seguire le tracce della via di salita del giorno prima e vediamo un grosso colatoio in mezzo al ghiacciaio...è impressionante vedere i cambiamenti dei ghiacciai.


Senza problemi scendiamo al Rif. Bignami e poi alla base della Diga di Alpe Gera, anche quest'avventura è andata!!!

Lunghezza (partenza - Piz. Bellavista): 18,52km


Hike partners: gebre


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

T5 AD II
T5+ PD
T5+ PD- II
19 Jul 75
Bernina 1975 von Süden · FJung
T3

Comments (6)


Post a comment

Menek says:
Sent 12 August 2019, 16h41
bel ritorno...ciao gebre
Menek

gebre says: RE:
Sent 13 August 2019, 22h45
Grazie Domenico!

Emanuela says:
Sent 14 August 2019, 10h56
E’ affascinante vedere la distesa dei ghiacciai, ma quei seracchi e crepacci incutono timore: danno l’idea di un labirinto dal quale non è facile districarsi.

Rattrista non poco vedere come nel giro di poco tempo le condizioni siano peggiorate, siamo messi veramente male.

Comunque l’ambiente si commenta da se.

ciao
E.la

gebre says: RE:
Sent 15 August 2019, 07h26
I crepacci incutono timore ma se si vedono è meglio, quando sono nascosti è molto peggio....

Purtroppo questa era la situazione due anni fa, adesso lo stato del ghiacciaio di Fellaria presumo sia peggiorato ancora.

Ciao
Alberto

Alpingio says:
Sent 15 August 2019, 15h11
Che spettacolo... complimenti!
Giovanni

gebre says: RE:
Sent 16 August 2019, 15h08
Grazie Giovanni, concordo, queste montagne non mi annoieranno mai!!!

Ciao
Alberto


Post a comment»