COVID-19: Current situation

SASSO CANALE + PIZZO ANNA MARIA (Cima Est)


Published by Angelo & Ele , 21 July 2017, 22h54.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:19 July 2017
Hiking grading: T5 - Challenging High-level Alpine hike
Mountaineering grading: PD
Climbing grading: III (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Height gain: 1660 m 5445 ft.
Route:Come Waypoints... + quota attacco Pizzo Anna Maria - Cima Est : 2170 mt.
Access to start point:Seguire la SS340 che costeggia il lago di Como fino a Gera Lario. Qui svoltare a sinistra in direzione Bugiallo. Dopo qualche km. svoltare a destra direzione San Bartolomeo. Superata la frazione Fordeccia, proseguire ancora per poche centinaia di metri in salita e si arriva al parcheggio accanto alla chiesa di San Bartolomeo. Il sentiero inizia a pochi metri dal parcheggio.
Access to end point:
Accommodation:Ristorante-Bar con camere "BAITA DAL VIKINGO" --- Via Fordeccia N.30 a Fordeccia (Sorico) --- Telefono: 0344 536048 --- Info e-mail: baitadalvikingo@gmail.com

Prima, durante e dopo ecco un contributo musicale dedicato... perchè anche il bellissimo Alto Lario fa bene all' anima... proprio come il grande e geniale Michel Petrucciani  e il "Caravan" che oggi era in me...
https://www.youtube.com/watch?v=zWmz5-NoFzk

Quando una foto porta ad un progetto e successivamente ad una emozionante giornata in montagna.
In realtà le foto sono due e mi intrigarono circa un anno fà quando, in cerca di qualcosa di selvaggio  nel magico Alto Lario, mi imbattei nella relazione di pm1996 del 2012.

Ecco le foto:  http://www.hikr.org/gallery/photo852691.html?post_id=53372#1
                        http://www.hikr.org/gallery/photo852692.html?post_id=53372#1

Trattasi del Pizzo Anna Maria, come si evince dalle foto e dalle relative diciture.
Più precisamente questa intrigante montagna, ritratta in foto, è la cima più a Est del complesso gruppo del Pizzo Anna Maria.
Praticamente è l' ultima propaggine rocciosa, di una certa importanza e quota, tra il Pizzo d' Alterno e la Bocchetta di Manco.

Appena vidi le foto ci pensai spesso a questa selvaggia cima, ma poi col trascorrere del tempo il mio progetto di salirla finì nel dimenticatoio...

Oggi, invece, è il giorno giusto per tentare di realizzare questo progettino visto che ho rimandato una gran bella ferrata in quota con Andrea per meteo non sicuro... e oggi in Alto Lario non è prevista pioggia!
Dato che prevedono una giornata molto calda e dato che sarà un trek molto lungo ed impegnativo, organizzo una sveglia e una partenza come quelle del caro amico Giorgio GIBI
Orario "nanna":   23.00
Orario sveglia:   02.15
Orario partenza da casa:   03.00
Orario arrivo a San Bartolomeo:   04.50
Orario inizio camminata: 05.00
Praticamente uguale ai canonici orari di Giorgio...!!!   :-)
Per favore Giorgio, anche se ormai sto diventando un essere notturno, non togliermi il saluto quando ci rivedremo ancora...!!!   :-))

Scherzi a parte, anche se è un bel sacrificio svegliarsi così presto, io realmente adoro partire all' alba a camminare in montagna perchè è tutto più bello: ..l' imminente sorgere del sole.. la particolare luce.. i colori e le forme che giocano con le ombre.. il silenzio assoluto e quasi inquietante.. i profumi.. gli incontri con la fauna selvatica..

Ovviamente la mia è anche una scelta all' insegna della consapevolezza che una lunga e faticosa camminata in montagna e il mio allenamento tuttora non si rivolgono ancora la parola....
Poi so già, per una precedente esperienza e proprio con la mia Ele, che in giornate molto calde salire al bel Sasso Canale può essere devastante per chi, come me, soffre il sole estivo.
A meno di partire molto presto... e così ho fatto...

SASSO CANALE   (2411 mt.)
Parto quindi dal solito parcheggio accanto alla chiesa di San Bartolomeo e in breve tempo raggiungo l' Alpe di Mezzo.
Quindi la mia salita continua fino a giungere al caratteristico Muro del Terminone, dove farò la mia colazione con frutta secca.
Arrivo poi all' Anticima del Sasso Canale, cioè il Sasso Bianco.
Qui anzichè seguire il sentiero, decido di ripetere la divertente crestina che collega il Sasso Bianco stesso con il Sasso Canale (vedi foto N.12)
Trattasi di una cresta molto facile e divertente, con passaggi di I° grado o I°+, difatti ricordo che anche ad Eleonora piacque molto quando salimmo, la nostra prima volta, sul Sasso Canale. 
A tal ricordo:  http://www.hikr.org/gallery/photo1787533.html?post_id=96061#1
Quindi arrivo alla deliziosa (proprio perchè piccola...!!!) croce di vetta del Sasso Canale.
Qui in cima mi fermo per una pausa e per ammirare montagne commoventi...
Difficoltà:   T3+   
                  + passaggi di I°-I°+ se si percorre la cresta tra il Sasso Bianco e il Sasso Canale

PASSO CANALE   (2215 mt.)
Non sono mai sceso al Passo Canale e, anche se la bollatura è buona, devo dire che la discesa è stata un pò ostica a causa del fondo spesso instabile o un pò friabile.
Si scende (..e varie volte si sale brevemente anche..) in direzione Nord e Nord-Ovest con un andamento che assomiglia ad un lungo traverso discendente in direzione del Sasso Campedello.
Appena giungo al Passo Canale ammiro estasiato la stupenda Sentinella di Campedello e valuto, abbastanza da vicino, la lunga cresta Est del Sasso Campedello.
Difficoltà:   T3+

BOCCHETTA DI MANCO   (2198 mt.)
La bollatura del sentiero che porta alla Bocchetta di Manco è ottima e poco prima di giungervi incontro una piccolissima cimetta rocciosa con al suo fianco stupende placche di roccia, quest' ultima veramente magnifica.
Tale cimetta l' ho fotografata.. idem le placche rocciose e, dentro di me, l' ho simpaticamente chiamata "Micro-Tete d' Aval"  :-))
Pochi metri di altezza ma bella tosta questa cimetta...!!!
Raggiunto la Bocchetta di Manco (che la palina indica a quota 2184 mt., quindi 14 metri in meno del waypoint) ecco apparirmi più chiaramente la bella Cima Est del Pizzo Anna Maria.
Difficoltà:   T2

*** Per chi volesse divertirsi un pò con le superbe placche del"Micro-Tete d' Aval", come ho fatto io, sappiate che tali placche sono toste e quasi metafisiche...!!!  :-) 
                    
                 
PIZZO ANNA MARIA - CIMA EST   (2340 mt.)   /   Salita dal versante Est
Dalla Bocchetta di Manco giungo brevemente alla base del versante orientale della Cima Est del Pizzo Anna Maria.
La quota di inizio dell' ascensione alla vetta è circa a 2170 metri e davanti a me le iniziali placche rocciose.
Tali placche rocciose all' inizio sono molto appoggiate e facili e, se si sale centralmente, la roccia è veramente ottima!
Dopo i primi 20 metri di camminata "aderenzosa" le difficoltà aumentano leggermente con facili passaggi che vanno dal I° grado a massimo II°-, all' insegna sempre di ottima roccia.
Dopo quest' ultimi 10-15 metri ecco arrivare il passo più difficile dell' intera salita.
Difatti circa 10 metri prima di una verticalizzazione-tetto ecco che la placca diventa un pò meno appoggiata e poi molto più avara di appigli per le mani e per i piedi.
Tale placca corre parallela ad un' altra placca rocciosa ma quest' ultima è elevata di circa 1 metro rispetto alla placca centrale.
Qui occorre avere una buona/ottima tecnica di piedi e una buona "testa" per controllare la tensione.
In questi pochi ma intensi metri incontrerò difficoltà che vanno dal III° al III°+
Se devo fare un paragone con la mia recente salita alla bella Cima di Bri, questi passaggi in placca sono almeno un grado superiore al "boulder" che con Ale, Emi e Guido avevo incontrato sulle stupende placche finali della panoramicissima Cima di Bri.
Il III° è riferito alle placche che precedono la verticalizzazione-tetto e il III°+ è riferito al superamento della suddetta verticalizzazione. (Vedi foto N.30 e N.32)
Dopodichè le difficoltà scemano completamente e si cammina o si arrampica brevemente superando facili risalti rocciosi  (I°-I°+), fino alla vetta a quota 2340 metri.
La cima che ben scorgevo dal basso prima di affrontare le placche (ma anche successivamente..) non è la vera cima, bensì la vera vetta è circa 15 metri più a Ovest e leggermente più alta.
Qui erigerò un omino di vetta e farò una brevissima sosta in completa contemplazione delle selvagge e favolose montagne dei Muncech.
Nella prima parte di discesa dalla vetta apprezzerò di aver messo prudentemente un ometto direzionale per rifare il medesimo tragitto dell' andata e quindi anche per evitare i pericolosi salti che avevo aggirato in salita.
Giunto sopra le placche di III° grado mi accorgo che andando a destra è possibile accedere ad una rampa erbosa lunga una decina di metri (posizionato altro ometto come riferimento, anche se non so quanto rimarrà in piedi...) e poi sempre lambendo le placche più difficili, riesco a scendere su più facile terreno anche se più esposto e, sopratutto, con roccia molto mediocre che mi obbligherà a prestare estrema attenzione.
Questa variante di discesa è molto più semplice ma anche nettamente più brutta come qualità di terreno.
Per la mia salita e la relativa discesa dalla vetta vi rimando alla foto N.30 della relazione.
Se non mi fossi accorto di questa variante o se non ci fosse stata, comunque da quelle placche più difficili o sarei sceso con le scarpe di arrampicata o avrei fatto una doppia grazie alle due corde da 7,5 mm. x 20 metri che avevo nello zaino.
Sia le scarpette d' arrampicata e sia le corde, invece, sono rimaste al calduccio sia all' andata che al ritorno...
Comunque durante la salita CONSIGLIO vivamente di fare le placche centralmente perchè se è vero che le difficoltà tecniche sono più alte è altrettanto vero che la roccia di tali placche rocciose è veramente molto bella ed affidabile e, oltretutto, NON si rischia di far cadere pietre a chi è sotto di noi... e poi la salita dalle placche è molto più divertente e di soddisfazione!  :-)
Arrivato nuovamente alla base delle placche rocciose, a quota 2170 metri, ho eretto un ennesimo ometto, proprio in corrispondenza del punto di attacco alle stesse.
Difficoltà:    Max III°+ e T5 per il tratto dopo le placche più difficili (vedi foto N.30)

RITORNO
Alla base del versante orientale della Cima Est del Pizzo Anna Maria decido di rilassarmi 10 minuti e mangiare ancora un pò di frutta secca.
Quindi poi riprendo il cammino a ritroso e giungo alla Bocchetta di Manco.
Quindi successivamente arrivo alla base delle belle placche del "Micro-Tete d' Aval" che stavolta non accarezzo ma saluto con un bel sorriso e, infine, giungo al Passo Canale.
Qui faticosa risalita alla cima del Sasso Canale (..la stanchezza inizia a farsi sentire) dove, finalmente, mi gusterò con calma il mio gran bel panino!
Ma che voglia anche di una bella birra media...!!!  SIC...!!!
Detto, fatto...
Dopo circa due ore arrivo al parcheggio a San Bartolomeo e poi con l' auto alla vicina Fordeccia dove alla bella e caratteristica "BAITA DAL VIKINGO", farò una bella chiacchierata con Marco (il bravo gestore che ancora si ricordava della camminata al Berlinghera da Sorico con la mia Ele in una giornata di vento pazzesco), e con la sua bella e simpatica ragazza di Belo Horizonte e dove, finalmente, berrò una buona e fresca birra alla spina e mangerò un' altrettanto buona fetta di torta alle mele...!!!  :-)
Quale migliore conclusione, vero...?!

Cari Saluti a Tutti... e MAGICO ALTO LARIO!!!

Angelo

P.S.
Una speciale dedica e un abbraccio infinito a veget Giancarla ed Eugenio...


Hike partners: Angelo & Ele


Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

F I
21 May 20
Sasso Canale (2411 m) · francesc92
T3
T3+
T4+
T3

Comments (17)


Post a comment

micaela says:
Sent 22 July 2017, 07h53
Che bel racconto, caro Angelo:
ti ho seguito passo dopo passo, dal tuo aprire gli occhi in piena notte (chapeau!), al tuo danzare con estrema attenzione su queste splendide rocce, alla birra finale.
Un abbraccio a te e a Ele.
Micaela.

Angelo & Ele says: RE:
Sent 22 July 2017, 12h38
Grazie cara Micaela e sono molto contento che tu abbia seguito, con attenzione, i miei passi in quelle selvagge valli...

Un carissimo saluto anche a Te, sia da me che da Ele...

Angelo

jkuks says:
Sent 22 July 2017, 10h55
Bellissima salita, molto ben raccontata e descritta nei dettagli.. come se ne vedono poche su Hikr... complimenti.

Angelo & Ele says: RE:
Sent 22 July 2017, 12h44
Grazie mille Gianluca...

Mi fa molto piacere che tu abbia apprezzato la mia precisione e, sicuramente, anche tu sei e sarai sempre altrettanto bravo a raccontare le tue belle camminate in montagna...

Buone montagne a Te...!!!

Angelo

Sent 22 July 2017, 13h27
Grande Angelo, che giornata super e che "scammellata" in un ambiente fantastico!!!!! ...e quante emozioni e sensazioni ti ha trasmesso questo bel giro e che hai fatto vivere anche a noi grazie al tuo bel racconto...Bravissimo!!....anche per la levataccia in piena notte....non potrei mai farcela...in questo sono pienamente solidale con Giorgio ed i suoi orari......!!!!!!!
Ciaooo
Graziano

Angelo & Ele says: RE:
Sent 22 July 2017, 15h20
L'ambiente è realmente stupendo e sono contento che abbiate recepito queste forti emozioni...

Gli orari di Giorgio sono molto più saggi e salutari dei miei... :-)

Cari saluti a Voi...

Angelo

Poncione says:
Sent 22 July 2017, 21h14
Cima che meritava una menzione tutta sua questo Pizzo Anna Maria, conosciuto di nome ma non di fatto... Grazie Angelo per avercela dettagliata in ogni sua piega... e vista così sembra un gran bell'osso duro... ma di quelli invoglianti. :)
Ciao

Angelo & Ele says: RE:
Sent 22 July 2017, 23h23
Grazie a te Emiliano per averla apprezzata...

Osso duro...?
La via più facile, cioè la variante che ho fatto in discesa, la faresti a occhi chiusi e il tratto dopo le placche rocciose è realmente pane morbido, morbido per i tuoi denti... :-)
La via sulle placche iniziali, dopo un primo tratto semplice, richiede attenzione, concentrazione, controllo e tanta tecnica.
Come ho scritto in relazione rispetto al "boulder" incontrato sulla bella Cima di Bri qui devi aggiungere qualche metro in più, qualche movimento tecnico in più.. e qualcosa in più come grado, ma poi la soddisfazione è grande, grande...!!! :-))

Ciao Emi e alla prossima...

Angelo

cristina says:
Sent 24 July 2017, 10h03
Hielà ci si rilegge!!!!

"...NON si rischia di far cadere pietre a chi è sotto di noi..." i luoghi sono bellissimi ma non penso che ci sarà la folla su quella cima...non c'è su quelle escursionistiche!!! :-)))

Ciao ciao e un salutone e Ele.

Angelo & Ele says: RE:
Sent 24 July 2017, 11h27
Presumo che vadano più escursionisti sul Pizzo Ledù (max 10-15 all' anno...!!!) che sul complesso gruppo del Pizzo d' Alterno e del Pizzo Anna Maria...
Altro che il monte Generoso...!!! :-))

Ovviamente il mio consiglio era riferito a due o più persone... o fantasmi... :-))

Tu cara Cristina come stai...?
Il braccio è almeno al 90%...?

Sei pronta per la LIPELLA...??? :-)

Sai che mi piacerebbe moooolto fare la ferrata E. Arosio allo spettacolare Corno di Grevo...: andiamo io, te, Marco, D+ 2000 (Poge), se vogliono anche Menek e Rosa, e il fantasma formaggino sulla successiva PIZZA...!!! :-)

Cari saluti anche a voi e dai che magari prima di agosto ci si vede per una pizza...

Angelo

cristina says: RE:
Sent 24 July 2017, 12h23
Diciamo che va dai....per la ferrata non se ne parla nemmeno...ho ben letto tempo fa che è molto di braccia e poi le ferrate non mi fanno impazzire continuo a ripeterlo, preferisco camminare :-)))

Quelle in Dolomiti sono tutta un'altra cosa e lì mi piacerebbe fare oltre alla Lipella che mi manca solo il pezzo finale, le Trincee (anche se i primi 30 m sono tosti), le Mesule (canalino non attrezzato...boh!) e la Finanzieri, dovremmo fare un 3/4 gg in zona e si fanno...sono tutte vicine!

Per la pizza, la vedo un po' dura prima di agosto, tra due settimane partiamo. Dovremmo fare questa, perchè la prossima tra preparativi e andare a riprendere in suoceri al mare...ahimè!!!

A settembre però Presolanaaaaaaaaa!!!!

Angelo & Ele says: RE:
Sent 24 July 2017, 12h30
Allora faremo al vostro ritorno e viva la Presolana... :-)

cristina says: RE:
Sent 24 July 2017, 12h32
:-))))

GIBI says:
Sent 24 July 2017, 16h24
Per la serie " l'assassino torna sempre sul luogo del delitto " ecco di nuovo Angelo impegnato in zona Sasso Canale e questa volta da vero killer le varie cime le hai " assassinate " proprio tutte !

Un abbraccio ( anche ad Ele ) ... e non preoccuparti che ti saluto ancora più che volentieri !

ciao Giorgio

Angelo & Ele says: RE:
Sent 24 July 2017, 18h56
Caro Giorgio "il delitto" è ancora agli inizi...!!!
Mancano le altre cime del Pizzo Anna Maria...
Manca il Sasso Campedello...
Poi le cime del Pizzo d' Alterno...
Quindi il Pizzo Cavregasco...
... e taaaaante altre ancora...

Praticamente dovrei diventare un serial killer...!!! :-))

Chissà se riuscirò a salirne ancora qualcuna di quelle selvagge montagne...

Cari saluti e anche Eleonora ricambia l' abbraccio...

Ciaooo...

Angelo

gbal says:
Sent 25 July 2017, 19h48
Bravo Angelo, complimenti per la solitaria ascensione e...per il coraggio dell'alzataccia.

Angelo & Ele says: RE:GRADITA SORPRESA...
Sent 25 July 2017, 21h00
GRAZIE MILLE Giulio!

L' alzataccia non mi pesa tanto, grazie anche ad una moka da 3 caffè preparata tatticamente la sera prima... :-)
Piuttosto è più pesante, e ben più pericoloso delle placche rocciose, i vari colpi di sonno avuti al lungo ritorno in auto da solo...

Pensavo ti fossi staccato da HIKR e, forse, dalle tue montagne.. ed invece mi ha fatto piacere rileggerti...

Buona bici e buone montagne quando ci ritornerai...

Angelo


Post a comment»