COVID-19: Current situation

Monte Zenone e dintorni, pensando a.....


Published by Menek , 26 January 2017, 10h46. Text and phots by the participants

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:23 January 2017
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Time: 5:30
Height gain: 1240 m 4067 ft.
Height loss: 1240 m 4067 ft.
Route:Alla Lupus in Fabula, di km 15,500
Access to start point:Brescia- Salò- Limone d.G.- Vesio- Polzone/parcheggio vicino alla Santella nella deviazione per S. Michele
Maps:Kompass Lago di Garda

Questo è l’ultimo giro di una tre giorni niente male, un giro che ancora una volta ci ha portato a visitare l’entroterra gardesano, un entroterra sorprendente che a noi piace molto… anche per il clima mite che di solito si respira.

Trovato con facilità il punto dove parcheggiare, al momento di mettere il piede sul sentiero commetto subito un errore, un errore che ci porta a vagare un attimo tra le pianticelle, poi, tra uno smadonnamento e l’altro ecco che gli scarponi cominciano a calcare il sentiero giusto.

Intercettata anche la vicinissima strada militare (218), ora il cammino si fa spedito (e un po monotono,forse) grazie ad una pendenza accettabile, si costeggia la Val di Noto e tempo 50 minuti giungiamo a La Cocca dove troviamo una palina indicativa; seguendo il 218b ora si vira in direzione Monte Zenone.

Anche questa è una strada della Grande Guerra, ma leggermente più stretta, costeggia  le pareti semi rocciose  del Mughera mentre alla nostra sinistra il terreno scoscende abbastanza ripidamente. Si passano un paio di gallerie finché ad certo punto si giunge ad una biforcazione con palina (cartelli rotti); diritti si fa il periplo dello Zenone, mentre sulla destra, una traccia sale sulla comoda cresta e prosegue verso la nostra meta, tempo 15/20 minuti ed eccoci sulla panoramica e solitaria vetta del M. Zenone. 2h20.

Nonostante il bel Sole la fermata/pranzo non dura moltissimo, anche se avremmo voluto, ma complice  un   venticello fresco e il giro che sembra ancora lunghetto, stare in contemplazione sulla cima non è per nulla una buona idea, e così senza indugiare troppo partiamo alla ricerca del  fantomatico sentiero che su una relazione trovata in rete, dovrebbe portarci ancora sul 218b. 

La cima nella parte a nord è occupata da  una faggeta,  le  tante foglie cadute e la neve ancora intonsa hanno coperto la probabile  flebile traccia, dopo un andirivieni su una crestina molto scivolosa, rompo gli indugi e mi porto nell’unico punto dove teoricamente si può passare (a N.O.), invito Rosa a seguirmi mentre May e Fujiko sembrano essere molto tranquille. Passato un breve traverso su erba ciularina dove è vietato scivolare, il secondo traversino risulta meno esposto, più abbordabile, ed entrati in modalità Camoscio il sentiero sottostante è guadagnato.

Lasciato alle spalle il tratto più ostico, ora il sentiero si fa di nuovo godibile e panoramico sino a giungere ad un primo bivio con le indicazioni per il sentiero 218 (Cocca),  lo ignoriamo visto che abbiamo  voglia di allungare un po il percorso e procediamo spediti sino alla Bocca di Nansesa, qua come da chiare indicazioni, risaliamo un ripido pendio ed in 10 minuti siamo alla Bocchetta Nansesa, crocevia di sentieri.

A forza di prolungare il giro, ora ci troviamo nella situazione che bisogna “spingere” per non ritornare all’auto con il buio, siamo partiti ancora una volta in ritardo, scartata l’idea di ritornare sui nostri passi (218b), imboccando il sentiero 220 ora scendiamo veloci giù verso la Valle di Bondo.

Individuate non senza un briciolo di difficoltà tutte le varie deviazioni, ad un certo punto ci accorgiamo che per ritornare a La Cocca dobbiamo risalire per un bel 200 mt di dislivello, o forse più; oltrepassiamo così la località Piazzolo,  affrontiamo la  salita, ed una volta arrivati al bivio per la malga Pra dè Toni  il sentiero si fa pianeggiante sino alla non distante Cocca.

 Facile da qua tornare all’auto, prima seguendo la strada militare sino al primo tornante, poi, presa la  traccia che si stacca sulla sinistra per entrare in un breve boschetto, si  guadagna la cresta, e con una certa attenzione giungiamo sparati a Polzone affrontando discese veramente ardite. Chissà come sarebbero state le risalite…

 

Nota 1): Questo è un giro che alterna strade militari a sentieri piacevoli e sorprendenti, attraversa montagne severe ed invita a sperimentare nuovi e sconosciuti sentieri. Proprio per questo motivo io ho già individuato la mia prossima cima… I 1240 mt di dislivello sono comprensivi di saliscendi. 5h30 senza soste.

 

Nota 2): Cose a caso & chi se ne frega!

 

Ambiguità: In Italia c’è il “tiro al Piccione” verso i benzinai “No logo” e le prostitute che svolgono il loro lavoro a cielo aperto. Che fastidio danno le “pompe bianche”?

Spinoza-USA: Eletto Trump, vince l’America della rabbia. Visto a non fare i vaccini?

Macabro Spinoza: Era dal novembre 1963 che gli Stati Uniti non avevano un presidente senza cervello.

 

Nota 3): Eric? Yes I am…  Al prossimo giro.

 

                                                                                        FUTURO.

 

Dopo le Zenone adesso m’avventuro,

vedo già ‘na cima m’attrezzo e non trascuro,

le gambe van veloci e batton da tamburo.

Futuro,

se vado troppo forte rallento col bromuro,

c’ho l’ansia per la cresta m’imbrago e son sicuro,

che buche sul  sentiero… ci passano gli enduro?

Futuro,

ormai il progetto è fatto e di certo non l’abiuro,

la luce sul caschetto mi guida nell’oscuro,

con tanta birra in corpo io viaggio da Canguro.

Allungo la mia mano e mi proteggo dal  Paguro, e in fondo mi domando:  chi pensa al suo Futuro?

 

A’ la prochaine!                       Menek ,Rosa, Fujiko,May

 


Hike partners: Menek, rossa


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (9)


Post a comment

GIBI says:
Sent 27 January 2017, 08h55
Bella tre giorni ... direi chiusa alla grande e poi riesci quasi sempre a trovare obbiettivi e posti nuovi che sono sempre un bello stimolo !

complimenti a tutti e quattro

ciao Giorgio

Menek says: RE:
Sent 27 January 2017, 14h12
Grazie Gio,
devo dire che sono state delle scoperte anche per me, in questa stagione queste finte cime facili sono una vera sorpresa. Ma lì il mio "lavoro" non è finito. :)))
Ciao Gio
Menek

Amadeus says:
Sent 27 January 2017, 13h16
Beh Giorgio, il Menego sulle cime Brescia e và a mò di segugio....

Menek says: RE:
Sent 27 January 2017, 14h14
:))) è quando mi trasformo in Bracco che viene il bello...
Menek

veget says:
Sent 28 January 2017, 14h05

State scoprendo e proponendo, luoghi bellissimi e non difficilissimi.
Le foto della prima parte, testimoniano il mio pensiero....
Con questo passo , state andando a ritmi da trekking....
Comply
Ciao
Eu

Menek says: RE:
Sent 28 January 2017, 18h56
Posti veramente belli Eu, poi vicino al Lago... van bene per te! :) A parte la discesa dallo Zenone, il resto del giro è tranquillo. Ciao Veget.
Menego

veget says: RE:
Sent 28 January 2017, 19h59
Grazie dell'idea... tienila al caldo.....
Buona serata
Ciao

gbal says:
Sent 2 February 2017, 18h11
Certo che erba ciularina ed imprevisti sono puntuali come Eric!

Menek says: RE:
Sent 2 February 2017, 22h11
Un binomio imprescindibile caro Giulio...
Ciaooo


Post a comment»