COVID-19: Current situation

Spedizione invernale Maistracc 2017: Rifugio Pesciola


Published by mattia , 11 January 2017, 15h24.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike: 7 January 2017
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 2 days
Height gain: 1000 m 3280 ft.
Access to start point:Sondrio-Ponte in Valtellina-Sazzo-Fontaniva-Centrale di Armisa
Maps:Carta Kompass 93-C9

Settima edizione della spedizione Maistracc, la terza in inverno e il gruppo si fa sempre più numeroso ed affiatato.
Questa volta meta delle nostre avventure è stato il rifugio Pesciola, gioiellino nel cuore della Val d'Arigna, affacciato su uno splendido panorama e fornito di ogni genere di confort, sicuramente con tutto quello che può servire in un rifugio alpino e anche di più.
Il gruppo parte frazionato in due gruppi a causa di impegni lavorativi e familiari ma già nel primo pomeriggio siamo tutti insieme al rifugio pronti per condividere questa grande esperienza.
Il sentiero per raggiungere il rifugio è nella prima parte costituito da una larga mulattiera, poi, quasi al termine di questa si svolta decisamente a sinistra e ci si inoltra nel bosco percorrendo un bel sentiero che presenta alcuni tratti piuttosto ripidi, a quota 1800 metri iniziamo a calpestare la prima neve.
Grazie a Leo e Billy, quando giungiamo al rifugio la temperatura all'interno è già iniziata a salire e il termometro non registra più i -7 gradi iniziali, il sole caldo però ci fa optare per un bel pranzo all'aperto, riscaldati dal suo tepore (e dalle giacche).
Dopo pranzo mentre all'interno si iniziano bische clandestine, alcuni temerari a colpi di accetta si occupano di rifornire un po' la legnaia; prima di cena c'è anche il tempo per una "scampagnata per canali" che farà gustare agli uomini di ghisa gli splendidi colori del tramonto.
Polenta, spezzatino e "buon" vino allietano la serata prima del tanto atteso momento delle premiazioni, dove nessuno escluso riceve il tanto meritato premio, e poi canti e ancora cibo prima del tanto atteso riposo.
Sveglia presto alle 6 per chi alle luci delle frontali si spinge alla punta Pesciola per aspettare il sorgere del sole, mentre al rifugio una nostra vecchia conoscenza travestita da befana si occupa di svegliare i più dormiglioni e ci rifornisce di dolcetti per la colazione.
Pulizie, veloce pranzo e poi tutti insieme torniamo alle macchine, dove qualche "imprevisto" che rallenta il nostro rientro non può certo incrinare il nostro buon umore.

Avanti Maistracc, alè duro!


Hike partners: mattia


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (6)


Post a comment

Francesco says:
Sent 11 January 2017, 15h43
...Bravissimi Maistracc,in primis allo zoccolo duro che crede nel progetto e si sbatte per realizzarlo,alle new entry ansiosi d'intraprendere la nuova esperienza e ai veterani-
..Insomma...bravi tutti-
......" Boia chi molla"-
...Francesco-

mattia says: RE:
Sent 13 January 2017, 12h51
Grazie Francesco!!
A presto e buon anno! :)

numbers says: Bravi!!!
Sent 11 January 2017, 20h51
Bello vedere che "nuove leve" si fanno strada.....


Mario

mattia says: RE:Bravi!!!
Sent 13 January 2017, 12h52
Grazie Mario!

zar says:
Sent 13 January 2017, 16h55
..."La giovinezza non è un periodo della vita,
essa è uno stato dello spirito,
un effetto della volontà,
una qualità dell’immaginazione,
un’intensità emotiva,
una vittoria del coraggio sulla timidezza,
del gusto dell’avventura sulla vita comoda.
Non si diventa vecchi per aver vissuto un certo numero di anni; si diventa vecchi perché si è abbandonato il nostro ideale.
Gli anni aggrinziscono la pelle,
la rinuncia al nostro ideale aggrinzisce l’anima.
Le preoccupazioni, le incertezze,
i timori, i dispiaceri,
sono nemici che lentamente ci fanno piegare verso la terra
e diventare polvere prima della morte.
Giovane è colui che si stupisce e si meraviglia,
che si domanda come un ragazzo insaziabile ” e dopo?”,
che sfida gli avvenimenti e trova la gioia al gioco della vita.
Voi siete così giovani come la vostra fede,
così vecchi come la vostra incertezza.
Così giovani come la vostra fiducia in voi stessi,
così vecchi come il vostro scoramento.
Voi resterete giovani fino a quando resterete ricettivi.
Ricettivi di tutto ciò che è bello, buono e grande.
Ricettivi al messaggio della natura, dell’uomo e dell’infinito.
Se un giorno il vostro cuore dovesse essere mosso dal pessimismo e corroso dal cinismo,
possa Dio avere pietà della vostra anima di vecchi"...

(Generale Douglas Mac Arthur ai cadetti di West Point, 1945)

Ciao e sempre avanti...
Un abbraccio
Luca

mattia says: RE:
Sent 16 January 2017, 20h03
Grande Luca!!
Sempre saggio!!
A presto e buon anno!!


Post a comment»