COVID-19: Current situation

3 giorni alla scoperta della Valle Osogna... e dei Patrizi...


Published by ciolly , 5 November 2016, 18h45.

Region: World » Switzerland » Tessin » Bellinzonese
Date of the hike:30 October 2016
Waypoints:
Geo-Tags: Gruppo Torrone Alto   CH-TI   Gruppo Pizzo di Claro   CH-GR 
Time: 3 days
Height gain: 3500 m 11480 ft.
Height loss: 3500 m 11480 ft.
Access to start point:Bellinzona Nord-Claro-Cresciano-Osogna Parcheggio gratuito presso la palestra
Maps:Osogna

Visto le belle previsioni per il ponte di Ognissanti decido, come sempre all’ultimo, per un trittico Ticinese nella selvaggia Valle Osogna, facendo riferimento alla possibilità di sfruttare alcune Capanne recensite su bivacchi ticinesi come “sempre aperte”…

…ma così non è!!!

Il posto è per me del tutto nuovo, per cui anche il morale è più che positivo, così di buon passo mi lancio da Osogna verso la chiusa e nascosta vallata del torrente Nala alla scoperta dei sui solitari superiori alpeggi.

Superato l’Alpe Pont e le scalinate (posa del 1600) con il ponte sospeso di “Stabion” raggiungo l’Alpe Scing, praticamente il punto di coordinamento dell’intera vallata, dove alcuni alpeggi (case) sono al momento regolarmente frequentati dai loro proprietari… i cosiddetti Patrizi.

Giusto all’ultimo Alpe il Signor “Mirko” mi chiede… chiedere è lecito… dove sono diretto con tutto quel carico nello zaino…

“Ho tre giornate da sfruttare così, scartabellando tra internet e cartine varie, mi è caduto l’occhio sulla Valle Osogna, visto che ci sono tanti possibili bivacchi”

M “ma ce l’hai la chiave… guarda che i bivacchi sono tutti chiusi”

“tutti chiusi? Proprio tutti?”

M “e già… tutti chiusi… Io non ho qui con me la chiave se no te l’avrei anche data… ma se provi a tornare indietro dal Livio, la prima baita sopra la chiesetta e gli dici che ti mando io, non ci dovrebbero essere problemi… lui ce l’ha di sicuro, è sempre in giro a controllare i bivacchi”

Ritorno al primo Alpe ma il Livio non c’è… è sempre in giro a controllare i bivacchi… così un po’ nel disperato… “ora che faccio”… provo a recarmi anche al superiore alpeggio dove sento che stanno tagliando legna con la motosega.

Padre e figlio all’opera taglio boschi, rimangono un po’ sconcertati dalla mia richiesta delle chiavi, ma alla fine cedono a mi consegnano la loro copia, un chiave modello unico per tutti i bivacco-rifugi dislocati nell’Alta Valle… ce ne saranno una decina.

Ripresa la “retta via” non mi resta che scegliere in quale “Alberghetto” pernottare… così dopo una preventiva tappa all’Alpe Stabiello,  bello in ordine come tutti gli altri del resto, ma al momento praticamente privo di acqua, mi reco al successivo Alpe Otri, anche questo privo d’acqua, ma con la possibilità di sfruttare un rigagnolo (10 minuti) utilizzando i bidoni presenti all’interno della struttura.

Ottimo punto sosta… baita totalmente ristrutturata con un bel ampio piano con due stanze che separano la sala cucina (stufa a legna con fornello a gas) dal dormitorio (4 letti a castello 8 posti).

Una volta accesa la stufa la temperatura interna… già freddo non era… in un paio d’orette raggiunge l’invidiabile soglia dei 20°… perfetto!

Notte tranquilla, con risveglio posticipato al chiaror del sole… fretta non ne ho…, colazione latte, caffè, biscotti e marmellata, pulizia e riordino del locale e partenza in direzione delle cime divisorie dalla Val Pontirone con l’idea di percorrere il tratto di cresta che va dal Masnan al Passo del Mauro, per poi scendere da questo all’Alpe Orz… il secondo posto tappa.

Per i ripidi fianchi erbosi risalgo la conca che dai ruderi di Larecc conduce direttamente alla tondeggiante Masnan, splendido balcone sulla Val Leventina, oltre al quale non devo far altro che seguitare la cresta superando alcune belle cime (facili) con la maggiore elevazione della Cima di Biasca (mt 2574) portandomi oltre questa sino alla sella del Passo del Mauro, punto di collegamento tra l’Alpe Cava (Val Pontirone) e l’Alpe Orz (Valle Osogna).

Giornata splendida… maniche corte lungo tutta la cresta… e panorama spaziale sulle innumerevoli cime e valli che si stagliano all’Orizzonte… Dal Monte Rosa al Bernina…

Così, per le 14,30, tranquillo tranquillo, raggiungo la Capanna Orz, anche questa una bella costruzione, ma un pochino più spartana della precedente… c’è tutto quanto: stufa a legna, stufa gas con fornelli e 6 posti letto… con spessi muri in sasso e pavimenti in piode che faticosamente si lasciano però riscaldare… un’ora buona di fumo prima che il tutto andasse in temperatura… riuscendo alla fine a raggiungere il tetto max di 14°… buoni per la nottata, se non che gli inquilini… marmotte o ghiri o topi… iniziassero la loro processione non stop…

Cric, cric, cric, frrrr e trrrr… rosicchiare e correre instancabilmente per tutta la notte…

Comunque passata la nottata, per lo più insonne, riprendo conoscenza con una forte dose di caffè prima di puntare alla massiccia Cima di Orz, compatto castello roccioso sovrastante il rifugio.

Percorsi segnalati non ce ne sono, ma, sfruttando il canale roccioso (facile), senza alcun problema arrivo alla Bocchetta Alta oltre la quale continuo sulla gradinata spalla che in circa mezz’ora mi permette di raggiungere la Cima di Orz... il Torrone d’Orza.

Splendido panorama anche da qui, su tutta la Valle Osogna… ora devrò discenderla tutta quanta… e sulla frastagliata impervia cresta dei Torroni… dal Basso all’Alto… una via alpinistica di tutto rispetto.

Pausa contemplativa con foto a “nastro”, autoscatto… selfie è troppo avanti per i miei tempi… e giù, verso un ritorno alla “civiltà”…

Ciao Osogna, dopo un tre giorni di assoluto relax, mi tocca lasciarti… ricordandomi però di riconsegnare la chiave… un vero peccato!!!


Hike partners: ciolly


Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (21)


Post a comment

igor says:
Sent 5 November 2016, 19h10
Grande ciolly bel giro! E bellissime cime ciaoo

ciolly says: RE:
Sent 6 November 2016, 10h25
Ciao Igor,
Avevo qualche giorno a disposizione così ho deciso di provare un tour nelle tue zone... bellissime cime
Adriano

jkuks says:
Sent 5 November 2016, 19h34
Bellissima gita! Complimenti.
Gianluca

ciolly says: RE:
Sent 6 November 2016, 10h27
Ciao Gianluca,
Grazie...
Bella anche la tua avventura oltre il Lago Bianco...
Adriano

Poncione says:
Sent 5 November 2016, 19h45
Ti sei concesso una splendida due giorni.
Peccato, come rilevi, che i rifugi sul lato Osogna sian tutti chiusi, ed hai avuto una bella fortuna ad incontrare chi aveva le loro chiavi: motivo in più che rende questa valle davvero poco frequentata. Sul lato di Pontirone e Biasca, invece, i rifugi son tutti aperti... mah.
Bravo.

ciolly says: RE:
Sent 6 November 2016, 10h32
Ciao Emiliano,
...sei sicuro che in Val Pontirone i rifugi rimangono aperti?
Ora è tardi, se no un avventura 2gg sui torroni l'avrei anche fatta... comunque può risultare interessante per un futuro Week Skialp...
...Molto bella anche la tua diretta al Rotondo...
Adriano

Poncione says: RE:
Sent 6 November 2016, 21h34
L'unica cosa da fare è informarsi, ma che io sappia sia la Capanna Cava che il Rifugio Alp Giumela (senza contare il Rifugio Biasagn che è però un po' discosto) dovrebbero avere la porta aperta. Idem, sul versante biaschese, il Rifugio Lago.
Ciao

Sent 5 November 2016, 23h14
Hai rischiato di dormire all' addiaccio!! Grande, Adry, gran bei luoghi. Ciao.
roby

ciolly says: RE:
Sent 6 November 2016, 10h37
Ciao roby,
il rischio fa parte del gioco...
...comunque... anche questa è andata!!!

Max64 says:
Sent 6 November 2016, 08h57
Bella vacanzina e giro in solitaria alla
"In To The Wild"
bei posti.
Ciao Adry
Max

ciolly says: RE:
Sent 6 November 2016, 10h39
Si bella vacanzina...
quello che posso (e voglio) concedermi...ù
un piccolo resort mille stelle
Ciao
Adriano

GAQA says:
Sent 6 November 2016, 10h52
Un gran bella avventura in solitaria,imprevisti risolti alla grande e di conseguenza foto bellissime.Complimenti per questa 3 giorni :)
Ciao Alessandro

ciolly says: RE:
Sent 6 November 2016, 12h23
Una bella vallata... in futuro si può programmare una due/tre gg sull'altro versante... ora il numero e il nominativo referente lo conosco, per cui non ci dovrebbero essere problemi... dobbiamo solo organizzare
Adriano

veget says:
Sent 6 November 2016, 13h17
con un inizio imprevisto e risolto.... (problema delle chiavi, ne avrebbe scoraggiato molti!!!)....
Il resto è da grande esploratore, come sei!!!! Il quale, con la collaborazione del bel tempo ha portato a casa in giro straordinario
Complimenti!
Ciao Adry
Eugenio

ciolly says: RE:
Sent 6 November 2016, 18h03
Ciao Eugenio,
Volevo approfittare delle belle giornate con un giretto fuoriporta... Alla fine tutto si è risolto al meglio
Giornate da incorniciare...
Adriano

danicomo says:
Sent 6 November 2016, 18h51
Bellissimo giro...
Per un attimo ho pensato che, da foresto, fossi venuto a "stuprare" i Torroni di Igor e immaginavo la sua reazione....
Li hai tenuti per la prossima?
Daniele

igor says: RE:
Sent 7 November 2016, 18h29
Ah ah bella questa ! Se li stuprava mi poteva pure chiamare no ? Comunque io lo "sventrerò " l'anno prossimo se sono ancora vivo .....ciaooo

gbal says:
Sent 6 November 2016, 19h49
Stupenda cavalcata di cime la tua. Anche fuori zona te la cavi benissimo! Bravo!

ciolly says: RE:
Sent 7 November 2016, 21h15
Grazie Giulio,
Una bella 3giorni di puro relax... ci vuole anche quello...
Ciao
Adriano

GIBI says:
Sent 7 November 2016, 20h01
... mi sembra quasi di ripercorrere ( pur avendo salito cime meno ardite delle tue ) un paio di miei week-end solitari in Valle di Lodrino per cascinali arrivando in estremis quasi al buio allo spartano posto tappa dell'Alpe del Laghetto anche lì con nottata in compagnia di ghiri e topolini ( un gentilissimo vecchietto di una baita a fondovalle era sicuro che non ce l'avrei mai fatta tanto che ha voluto il mio cell. e la sera mi ha poi chiamato per vedere se ero veramente arrivato all'Alpe ! ).

Bel giro il tuo, qualcuno dei rifugi che citi lo conosco, purtroppo quello di chiudere capanne e rifugi è un andazzo che sta prendendo troppo piede anche in Ticino ... e in qualche caso hanno pure le loro giuste ragioni a tenerli chiusi anche se è un vero peccato.

ciao e buone escursioni

Giorgio

ciolly says: RE:
Sent 7 November 2016, 21h21
Ciao Giorgio,
in effetti mi hanno detto che inizialmente le capanne restavano aperte, poi visto alcuni danni causati da negligenza e stupidità di alcune incivili persone hanno preferito chiudere rivalendosi sulla nominale consegna delle chiavi...
...non hanno tutti torti
Adriano


Post a comment»