COVID-19: Current situation

Piz Roseg 3.937m dalla normale italiana...tosto ma indimenticabile!!!


Published by gebre , 11 October 2016, 21h00.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike: 3 September 2016
Hiking grading: T5+ - Challenging High-level Alpine hike
Mountaineering grading: AD
Climbing grading: III (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: CH-GR   Bernina-Gruppe   Piz Bernina   I 
Time: 2 days
Height gain: 2600 m 8528 ft.
Height loss: 2600 m 8528 ft.
Route:1° giorno: Campomoro - Rif. Carate - Rif. Marinelli 2° giorno: Rif. Marinelli - passo Marinelli Occidentale-ghiacciaio Scerscen Superiore-Passo Sella-Schneekuppe (anticima)-Piz Roseg
Access to start point:Sondrio - Chiesa Valmalenco - Lanzada - Franscia - Diga di Campomoro (diversi parcheggi)

Mio cugino qualche mese fa mi lancia l'idea di salire il Roseg dalla normale italiana prendendo spunto da un articolo del Beno su "Le montagne divertenti"...ci penso un po sopra...ma alla fine accetto!!!

Partiamo venerdì verso le 17 dalla diga di Campomoro verso la Marinelli, il clima è afoso anche sopra i 2000m, dopo un the al Rif. Carate arriviamo in Marinelli (2h15'), prendiamo posto nella camera e mangiamo e chiacchieriamo con il Gigio (gestore del rifugio e guida) che ci consiglia di partire presto perché sarà lunga, una scelta che si dimostrerà azzeccata.

Dopo una notte su un letto che sembrava un'amaca ci svegliamo alle 4 e dopo la colazione un po scarsa partiamo alle 4.50 al buio con le frontali, tanto il primo pezzo lo conosciamo.

Arrivati al passo Marinelli Occidentale inizia il ghiacciaio ma è quasi "finto", ci sono i sassi e sotto c'é ghiaccio, per non rischiare di scivolare mettiamo i ramponi anche se non è il massimo del comfort.

Attraversiamo tutto il ghiacciaio di Scerscen Superiore senza problemi (crepacci ben visibili) e dopo aver risalito un canale nevoso ci dirigiamo verso il Passo Sella; il sole inizia a illuminare le cime più alte e spesso guardo il Piz Roseg con le sue pareti rocciose molto imponenti.

Dal passo perdiamo quota di circa 70m e risaliamo il primo canalino sulla destra, in questa stagione era di sfasciumi ma poi abbiamo scoperto che è più sicuro salire sulle rocce a sinistra, anche a causa delle scariche di sassi. Una volta terminato arriviamo al ghiacciaietto sospeso, da percorrere salendo di traverso in direzione del canale nevoso di sinistra; la pendenza aumenta e alla fine del canale arriviamo alla sella a quota 3.530m.

Quì c'é un tratto vertical e visto che mio cugino ha 2 picche saliamo dritti, anche sul successivo pendio dove ci ricongiungiamo alla via di salita dalla Chamanna Tscherva.

L'ambiente è maestoso, si vede la Schneekuppe (anticima nevosa del Roseg), il naso dello Scerscen, la Biancograt...e le cime dell'Engadina!!!

Siamo a 3.700m e inizio a sentire la fatica, ogni tanto mi fermo a guardare il panorama...ma soprattutto per riprendere fiato!

Poco dopo raggiungiamo l'anticima e mi complimento con mio cugino che però vorrebbe salire sulla cima principale, all'inizio sono un po titubante più che altro per la stanchezza e perché sono conscio che la via del ritorno non sarà corta, però in effetti siamo qui....CARPE DIEM!

Perdiamo quota verso l'inizio della cresta rocciosa facendo molta attenzione, non siamo legati ed ognuno è responsabile di se stesso. Arriviamo alla base della cresta rocciosa ed iniziamo ad arrampicare, circa a metà c'é il tratto più difficile (III), ultimo tratto di cresta aerea e siamo in cima, entrambi siamo increduli del risultato raggiunto, fino a qualche ora prima il Piz Roseg era per noi un gran bel sogno!!!

Inutile dire che il panorama è spettacolare, soprattutto guardando l'anticima del Roseg!

Ci gustiamo da soli la cima e poi iniziamo la discesa, il primo tratto su roccia, poi risaliamo sull'anticima, scendiamo dall'altra parte e ritorniamo al canalino nevoso; lo percorriamo tutto con la faccia a monte, sembra interminabile ma arriviamo alla fine e ci mettiamo in posizione defilata...giusto il tempo per vedere cadere e rotolare una "bella" pietra nel canalino.

Percorriamo con cautela il traverso del ghiacciaietto con tratti di ghiaccio vivo e studiamo come scendere il canalino di sfasciumi, troviamo una discesa abbastanza comoda a sinistra dello stesso a zig-zag tra i balzi rocciosi.

La neve è molla e il sole picchia, breve risalita verso il passo Sella e piano piano torniamo sui nostri passi, spesso sentiamo il rumore delle scariche di sassi dal Roseg ed una la vediamo a distanza di sicurezza con i sassi saltare sulla neve.
Il ghiacciaio di Scerscen Sup. è trasformato in una serie di rivoli d'acqua e piccoli ruscelli sopra il ghiaccio...che clima strano per essere inizio settembre.

Al passo Marinelli Occidentale facciamo per la prima volta la discesa diretta alla Marinelli...comoda per le prossime ascese, in breve arriviamo al rifugio ed avvisiamo il rifugista del nostro ritorno, ripartiamo e dopo vari saliscendi raggiungiamo il Rif. Carate, quì finalmente facciamo "merenda" e beviamo non una ma ben due panaché medie...ci volevano proprio!

Scendiamo allegri e alle 20.00 siamo alla diga di Campomoro...anche questa fantastica avventura è finita e già pensiamo alla prossima...siamo fatti così!!!

Campomoro - Rif. Marinelli: 2h15' - 7,5km
Rif. Marinelli - Anticima Roseg: 5h15' - 8,3km
Anticima - Piz Roseg: 39' - 0,4km


Hike partners: gebre


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Geodata
 31783.gpx Piz Roseg

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

T3+
8 Jul 17
punta marinelli 3181m · pasty
T5 AD- III
26 Aug 17
Bernina - 4049 m · irgi99
T4- PD+ III
2 Jul 16
Via Normale al Piz Bernina · mattia
D+ IV

Comments (18)


Post a comment

igor says:
Sent 11 October 2016, 21h07
Wow ! Complimenti !!!! Grandissima vetta !!!

gebre says: RE:
Sent 13 October 2016, 22h28
Sicuramente la vetta più bella tra quelle fatte!
Grazie Igor, buone escursioni.

Menek says:
Sent 11 October 2016, 21h30
Rientro col botto...

gebre says: RE:
Sent 13 October 2016, 22h30
...a breve i botti veri!!!

Poncione says:
Sent 11 October 2016, 23h50
Complimenti, e pure forti.
Ciao

gebre says: RE:
Sent 13 October 2016, 22h30
Grazie e buone escursioni!
Ciao
Alberto

beppe says: Bravissimi
Sent 12 October 2016, 05h41
Ciao
Beppe

gebre says: RE:Bravissimi
Sent 13 October 2016, 22h43
Gran bella soddisfazione salirci, grazie Beppe.
Ciao
Alberto

danicomo says:
Sent 12 October 2016, 09h40
Bravissimi....
cima non da tutti!
Daniele

gebre says: RE:
Sent 13 October 2016, 22h50
Pensa che in cima eravamo ben 8 persone, saliti da tre vie differenti!
Grazie e ciao.
Alberto

ivanbutti says:
Sent 12 October 2016, 13h32
Chapeau, grandi davvero.
Certo che se dovevi fermarti a prender fiato tu .....

gebre says: RE:
Sent 13 October 2016, 22h55
Quel giorno purtroppo non ero tanto in giornata ma l'escursione me la sono goduta lo stesso!
Grazie e ciao.
Alberto

numbers says: Bravissimi
Sent 12 October 2016, 19h48
Rieccoti,
con una grande impresa! Ovviamente!

Mario

gebre says: RE:Bravissimi
Sent 13 October 2016, 23h09
Erano anni che lo guardavo con ammirazione dal Rif. Marco e Rosa, dal Passo delle Forbici, dal Sasso Nero, da Fuorcla Surlej, dal Piz Morteratsch ma salirci...è stato un sogno diventato realtà!
Grazie e a presto.

Alberto

gbal says:
Sent 13 October 2016, 18h01
Grandi complimenti, bravi!

gebre says: RE:
Sent 13 October 2016, 23h12
Grazie Giulio, un'altra cima della Valmalenco fatta...ma ce ne sono altre!

Ciao
Alberto

andrea62 says:
Sent 8 November 2016, 13h44
Vedo solo adesso questa superba ascensione: complimenti!
Andrea

gebre says: RE:
Sent 9 November 2016, 21h50
Confermo, è stata una bellissima ascensione, grazie!
Ciao
Alberto


Post a comment»