COVID-19: Current situation

Bocch. del Cannone - Pizzo Rabbi - Avert di Ledù 2gg di SKT .


Published by pm1996 , 12 April 2016, 14h24. Text and phots by the participants

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike: 9 April 2016
Ski grading: AD+
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Height gain: 2500 m 8200 ft.
Route:Pra Pincè - Alpe Campo - Bocch. del Cannone - Bivacco Petazzi - verso il Taglio di Ingherina - Pizzo Rabbi - Avert di Ledù - Alpe del Ledù .
Access to start point:Chiavenna - Gordona .
Accommodation:Bivacco Petazzi
Maps:map.geo.admin.ch

pm1996 :
9 Aprile 2016
Gordona ore 6.30 ci presentiamo al Bar Gordona in 3 .
Siamo Io, Norberto e Giovanni .
7.30 Pra Pincè parcheggiamo l'auto e guardiamo la meta tutta bianca .
Fatte le giuste divisioni di attrezzatura e cibo per fare una 2 giorni partiamo con gli sci nel sacco e calzarli poco prima dell' Alpe Campo. Il sentiero verso l'alpe è a volte interrotto da alberi caduti e da canaletti ancora pieni di neve, ma questo non ci ferma. Lo zaino non è di quelli leggeri, ma quando togliamo gli sci per calzarli tiriamo un bel sospiro di sollievo.
La progressione ora si fa più veloce, il sole fa il suo lavoro, ma quando attacchiamo la bocchetta, la visibilità gioca a nascondino e tra qualche valanghetta innocua che ci passa vicino buchiamo e vediamo un puntino rosso la nostra casa, il Bivacco Petazzi.
La giornata piega verso il brutto con qualche occhiata di sole, che ci consente di fare merenda all'aperto proprio sul tetto del bivacco interrotta però da una leggera nevicata ..
Tra risate tiriamo sera sciogliendo neve per ci servirà per cucinare il risottino di Norberto
Genepi, tisanina e tutti in branda coperti fin all'ultimo capello (per chi ce li ha).

10 Aprile 2016
Il progetto è di tentare la traversata verso la val Darengo passando sotto il Cavregasco.
5.45 suona la prima sveglia , e pure la seconda  ...
Cielo limpido e niente nuvole .
Colazione e riassettiamo il tutto e si parte. Progressione lenta ... Arrivati all'altezza circa dell' Avert d'Ingherina  il sole incomincia farsi sentire e pur essendo presto decidiamo di far dietrofront. Le condizioni non sono ottimali e si corre troppo rischio .
Ritorniamo al bivacco , svuotiamo tutti gli zaini e su diretti al Pizzo Rabbi per poi scivolar giù verso l'Avert di Ledù ,con una bella sciata dove ripellioamo e ritorniamo al punto di partenza.
Ricarichiamo gli zaini e ripartiamo verso la bocchetta del Cannone prima che la neve si smolli.
... e finalmente mi ci butto con gli sci ... poi alpe Campo, Alpe Garzelli ( pranzo-merenda birra e salame)  e di nuovo Pra Pincè soddisfatissimi !
Grazie d' averci creduto !
Video


ilnorbert :

Sabato 9 Aprile 2016
Di buon ora raggiungiamo il bar Gordona a Gordona e dopo aver scambiato quattro chiacchiere con il gestore ci dirigiamo verso Prà Pincè.
Caricati gli zaini ci prepariamo per lo spallaggio e risaliamo la Val Garzelli direzione Alpe Campo. Siamo carichi e motivati e non sentiamo la fatica in questo tratto di bosco; si alternano tratti ripidi, alberi caduti e lingue di neve da attraversare con cautela.
Eccoci all’ Alpe Campo, calziamo gli sci e davanti ci troviamo i giganti, che spettacolo, ed in lontananza vediamo la Bocchetta del Cannone, passaggio necessario per raggiungere il bivacco. Diminuisce la visibilità e la pendenza aumenta quindi decidiamo di rimettere gli sci in spalla per essere più agili nella salita. Vediamo qualche scarica innocua vicino ma in un attimo siamo in cima alla bocchetta e sappiamo che poco più in là il bivacco ci aspetta.
Purtroppo una volta al bivacco la nebbia ci circonda tranne una piccola tregua che ci permette di fare merenda fuori. Tra mille risate arriva la sera e ci mettiamo sotto le coperte pensando alla giornata che ci aspetta.
 
Domenica 10 Aprile 2016
5:45 tutti giù dal letto, bisogna raggiungere il Cavegrasco. Un cielo stupendo sopra di noi, agganciati gli sci inizia un lungo traverso verso l’Avert d’Ingherina.
Il sole di primavera lavora già e di comune accordo decidiamo di tornare indietro. Condizioni non ottimali ed un eventuale dietrofront più avanti sarebbe troppo rischioso.
Tornati al Petazzi svuotiamo gli zaini e leggeri in un attimo siamo in cima al Pizzo Rabbi. Vista a 360° che ci toglie il fiato, foto di vetta e poi giù sciando fino all’ Avert di Ledù; ripelliamo e saliamo a riprendere il nostro materiale.
Puntiamo verso la bocchetta, la neve si sta smollando, infatti la sciata fino all’alpe campo è ormai su neve pesantissima su cui fatichiamo a sciare anche per il pesante zaino che ci accompagna da sabato mattina.
A piedi arriviamo all’ Alpe Garzelli, veloce merenda e meritata birra, e poi con l’ultimo sforzo raggiungiamo Prà Princè concludendo una magnifica avventura.


giongio:
 

Hike partners: pm1996, giongio, ilnorbert


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (5)


Post a comment

danicomo says:
Sent 12 April 2016, 17h24
Minchia...... fortissimi!
Una meraviglia!

Daniele66 says:
Sent 12 April 2016, 21h29
Che avventura Paolino....Complimenti Daniele66

Poncione says:
Sent 12 April 2016, 22h30
Bellissima due giorni, complimenti...

numbers says:
Sent 12 April 2016, 23h05
Grandi e.........fuori di testa......

Mario

pm1996 says:
Sent 13 April 2016, 11h44
grazie a tutti ... un bellissimo posto .
Ciao
Paolo


Post a comment»