Pizzo Diei 2906 m e Monte Cistella 2880 m.....finalmente!


Publiziert von cristina , 22. September 2015 um 16:05. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Italien » Piemont
Tour Datum:20 September 2015
Wandern Schwierigkeit: T3+ - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Zeitbedarf: 1 Tage
Strecke:San Domenico-Colle Ciamporino-Pizzo Diei-Monte Cistella-Bocchetta di Solcio-Rifugio Crosta-Alpe Coatè-I Crosi-Alpe Dorcia-Alpe Fernone-San Domenico
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Autostrada per Gravellona Toce. Proseguire per il Sempione fino a Varzo. Dal centro di Varzo seguire indicazioni per San Domenico. Posteggi all'entrata del paese.
Kartennummer:Kompass N. 89 1.50.000 Domodossola

Qualche giorno fa con u[numbers] si parlava di chi la dura la vince...

Terzo tentativo. San Domenico ore 7.45, sembra un paese morto, non un’anima in giro e tira un bel venticello che mi mette in allarme. Le previsioni sono ottime speriamo di farecela questa volta, vento o non vento!

Fino all’inizio del sentiero vero e proprio, intorno ai 2300 m ca, la salita è veramente una palla, tra strade e piste da sci. Non c’è nessuna indicazione per tutta la salita o almeno noi non ne abbiamo viste. All’altezza dell’ultimo impianto vediamo una traccia a sx, qualche ometto e poco dopo cominciano i bolli Cai.

Abbandonati i pratoni delle piste da sci, inizia l'escursione vera e propria! Si comincia salire su pietraia, in ambiente completamente diverso e molto più appagante. Raggiungiamo la base del Pizzo Diei, su un sasso l’indicazione per il Cistella. Noi proseguiamo tenendo la sx, salendo a tornanti e seguendo degli ometti, ma la traccia è bella evidente. Raggiungiamo un canaletto ancora in ombra. Dopo le prime chiazze innocue di neve qui troviamo un po' di ghiaccio e nevischio più duro. Risaliamo il breve canaletto cercando di stare al sole. Fuori dal canaletto un lungo traverso tra chiazze di neve ancora abbastanza evitabile porta alla risalita di un altro breve salto e quindi alla calotta sommitale completamente bianca e immacolata, siamo i primi a salire oggi e lo spettacolo è incredibile. La neve non è più di un cm ma crea un effetto spettacolare. Raggiungiamo la cima, dove una sosta è doverosa, oggi il panorama non si nega, è magnifico, anche se purtroppo la nostra conoscenza di quanto ci circonda è molto limitata.

Uno sguardo al Cistella prossima meta, leggermente ammuffito, qualcuno però sta già salendo lì.

Torniamo sui nostri passi e sceso il canaletto teniamo la traccia di sx che raggiunge il sentiero per il Cistella. Risaliamo quindi per pietraia aggirando il Pizzo Diei. Solo una volta raggiunta la spianata tra Pizzo Diei e Cistella ci accorgiamo che dalla cima saremmo potuti scendere direttamente sulla piana o almeno così c’è sembrato. La spianata tra le due cime è qualcosa di veramente molto bello.

Raggiungiamo il Bivacco Leoni che da fuori sembra una topaia invece dentro è molto grazioso e confortevole. Prima di salire in punta facciamo un po’ di chiacchiere con una signora di Berna ma con una casa a Varzo e un’altra coppia, per avere più che altro info sui tempi per chiudere l’anello scendendo al Rifugio Crosta. Il cartello mette 2,30 h per scendere al rifugio e ci dicono che almeno altrettante servono per tornare a San Domenico. Se non troviamo intoppi, dovremmo farcela.

Saliamo quindi in cima e.....finalmente Cistella sei nostro! Al Diei c’eravamo già arrivati qualche anno fa ma il Cistella c’era sfuggito ben due volte!

Dopo la sosta in cima torniamo al bivacco e decidiamo di tentare l’anello. Calcolando i tempi massimi, compresa sosta pranzo, al limite arriveremo con le ultime luci!

La discesa al rifugio Crosta e sempre piuttosto ripida e grazie a ciò guadagnamo un’oretta sui tempi stimati. Il gestore del rifugio stima un paio d’ore per il rientro a San Domenico per cui più tranquilli facciamo la sosta pranzo.

Ripartiamo quindi per l’Alpe Coatè, una comoda sterrata anche se in leggera risalita. Attenzione una volta raggiunto il bivio con il sentiero per l’Alpe Ciamporino. Per San Domenico si deve svoltare a sx. Il sentiero per un breve tratto si perde nell’erba. Seguire dei cartellini bianchi e rossi sugli alberi, poi un cartello di legno con scritto San Domenico manda a dx. Qui abbiamo perso la traccia, siamo passati davanti a una casa o due non ricordo, le abbiamo aggirate, e quindi abbiamo ritrovato i bolli su un grosso masso. Il sentiero ora torna evidente e in breve abbiamo raggiunto le case dell’Alpe Coatè vera e propria. Ora senza altri problemi di orientamento passiamo I Crosi. Il sentiero diventa una sorta di sterrata che abbandoniamo poco dopo, al cartello segnavia per l’Alpe Dorcia. Raggiunta l’Alpe Dorcia, il sentiero taglia il tornante della strada attraversando il prato dell’alpe. Riprendiamo la strada e poco dopo l’Alpe Fernone che rimane nascosta alla vista, riprendiamo il sentiero per San Domenico, arrivando così a pochi metri dalla strada di servizio per l’Alpe Ciamporino.

Bellissimo anello, gionata meravigliosa, peccato le piste da sci!


Tourengänger: cristina, Marco27


Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (10)


Kommentar hinzufügen

danicomo hat gesagt:
Gesendet am 22. September 2015 um 17:13
Bravi, questa è una stagione in cui si cercano di regolare i conti in sospeso....
Daniele

cristina hat gesagt: RE:
Gesendet am 22. September 2015 um 17:14
...e mi sa che è anche la migliore per andare in quella zona!

tignoelino hat gesagt:
Gesendet am 22. September 2015 um 18:21
Gran bell' itinerario da Tosti, Complimenti!!
roby

cristina hat gesagt: RE:
Gesendet am 23. September 2015 um 09:33
Al terzo tentativo e con una giornata simile non potevamo mancarli!

Menek hat gesagt:
Gesendet am 22. September 2015 um 19:55
Grandi foto che rendono l'idea dei bei posti. Ciaooo

cristina hat gesagt: RE:
Gesendet am 23. September 2015 um 09:34
Difficilmente da quelle parti ho trovato giornate simili...beh non che ci andiamo spesso in effetti!

gbal hat gesagt:
Gesendet am 23. September 2015 um 10:27
Mai dire mai Cri, tu lo sai che prima o poi ci arrivi là dove vuoi.
Bravi

cristina hat gesagt: RE:
Gesendet am 23. September 2015 um 10:35
Grazie Giulio, dal primo tentativo sono passati diversi anni ma finalmente....

tanuki hat gesagt:
Gesendet am 23. September 2015 um 11:57
E quindi: un, due, tre... ci-STELLA! :)

cristina hat gesagt: RE:
Gesendet am 23. September 2015 um 12:14
Sei troppo forte, hai sempre la battuta pronta!


Kommentar hinzufügen»