Colma di San Glisente 2151 m, lasciate ogni speranza...


Publiziert von cristina , 27. Mai 2014 um 14:47. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum:24 Mai 2014
Wandern Schwierigkeit: T3+ - anspruchsvolles Bergwandern
Hochtouren Schwierigkeit: L
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Strecke:Esine-Paramosca-Salvagnone-Lazzeretto-Adrec-Malga Foppole-Eremo San Glisente-Colma di San Glisente-Malga Scandolaro-Dosso di Bosico-Guillo-Esine
Zufahrt zum Ausgangspunkt:A4 uscita Bergamo seguire indicazioni per Lovere. Proseguire per P.so Tonale fino alla deviazione per Esine. Entrare in paese, posteggio lungo il torrente Grigna.
Kartennummer:Kompass 1:50.000 N.103 Le Tre Valli Bresciane

Colma di San Glisente, lasciate ogni speranza…di trovare un tratto di sentiero in piano che duri più di un paio di minuti!

Dopo essere stati in questa zona più di due mesi, vedendo la situazione neve odierna, ci rendiamo conto che se la volta scorsa fossimo riusciti a risalire tutta la Valle dell’Inferno, l’inferno l’avremmo trovato anche per il rientro!

La zona c’era piaciuta e c’eravamo ripromessi di tornarci e ora eccoci qui! Come la volta precedente le cartine non ci sono di grande aiuto, relazioni non ne abbiamo trovate e neanche molto cercate devo dire, per cui andremo un poco a naso sulla scelta dei sentieri.

Attraversato il paese, notiamo un bollo Cai, e il posteggio lungo il torrente Grigna. Perfetto partiamo da qui. Imbocchiamo la via Fiamme Verdi che ci porta ad attraversare la strada parallela alla statale, e troviamo i primi cartelli Cai. Prima decisione da prendere, dx o sx, vanno entrambe a San Glisente, scegliamo la sx perché è più in piano…

Seguiamo quindi la strada asfaltata che poco dopo diventa mulattiera. Una volta mi dissero che mulattiere e strade militari sono comode salite perché utilizzate per il lavoro, questa e l’eccezione che conferma la regola!

La bella mulattiera è stata rovinata da strisce di asfalto per consentire la salita delle auto, i muli ce la facevano si vede, le nostre potenti auto no!

Al bivio successivo continuiamo sempre a stare a sx, sempre perché sembra più piana ma soprattutto perché le auto che abbiamo visto salire vanno tutte a dx.

Il piano finisce esattamente pochi minuti dopo, e non arrivano a 5! Riprendiamo a salire, tentiamo anche di parlare ogni tanto ma più che qualche cretinata non viene fuori!

Passiamo vari ex alpeggi ora ristrutturati con case da fare pura invidia e con un’ultima ripida e assurda salita raggiungiamo Adrec! Mulattiera finita!

Proseguiamo ora su sentiero/torrente e poi sentiero, pendenza più umana ma dura solo fino a Malga Foppole. Sulla curva, prima di raggiungerla riparte il sentiero che segue la dorsale, il panorama è eccezionale, facciamo finta che il fiato manchi per quello! Vediamo il tetto dell’Eremo e dopo aver attraversato qualche lingua di neve, lo raggiungiamo.

La storia/leggenda vuole che San Glisente fosse un comandante dell’esercito di Carlo Magno che dopo aver combattuto in Val Camonica abbia voluto ritirarsi a vita contemplativa su questi monti e qui sia morto il 6 agosto del 796. L’Eremo conserva una cripta sotterranea mentre la parte in superficie è un delizioso bivacco.

Mentre sostiamo, facciamo un po’ di chiacchiere con dei locals cui chiediamo info sullo stato dei sentieri e se sia o no opportuno proseguire nell’anello che man mano ci siamo costruiti. Ci danno qualche consiglio dopo di che proseguiamo e saliamo alla Colma di San Glisente. Possiamo chiamarla cima, boh non so, è un dosso molto panoramico con cippo e indicatore delle cime, un po’ scentrato ma se si orienta sull’Adamello tutto il resto viene di conseguenza!

Lasciamo il cippo e ci dirigiamo verso un mottarozzo alla nostra sx per vedere il vallone sottostante dopo di che ci dirigiamo verso la malga Scandolaro, puntando alla pozza ben visibile. Sosta alla pozza dove troviamo tavolino e fontana, perfetto! Ce la prendiamo comoda, i cartelli indicano due ore a Esine e qui qualcosa ci sfugge…

Seguendo la mulattiera scendiamo a Budec al Dosso di Bosico dove troviamo il rifugio degli alpini aperto. Sostiamo per un caffè dopo di che continuiamo la discesa non lungo la mulattiera ma seguendo un sentiero che sui cartelli dovrebbe essere più lungo di soli 15 minuti, di fatto, mi sa che abbiamo allungato qualcosa di più di 15 minuti perché tra soste e cambio percorso, la discesa è durata quasi tre ore, penso.

In ogni caso il sentiero è molto bello, di certo meglio della mulattiera. Raggiungiamo le case di Guillo e poco dopo troviamo due cartelli che indicano Esine, noi rimaniamo sul sentiero di dx andando a ricollegarci al secondo bivio trovato alla mattina. Penso però sia meglio prendere quello a sx, più breve e dovrebbe arrivare al primo bivio, noi purtroppo ci siamo fatti trarre in inganno dai suggerimenti di un local, forse non ci siamo capiti su dove avevamo la macchina!

Comunque a parte la mulattiera, l’ambiente e i panorami sono splendidi, gran bel giro!

 


Tourengänger: cristina, Marco27


Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (7)


Kommentar hinzufügen

Laura. hat gesagt:
Gesendet am 27. Mai 2014 um 17:31
siete i "nostri" Indiana Jons.
bravi, come sempre

cristina hat gesagt: RE:
Gesendet am 28. Mai 2014 um 09:07
Piano piano qualcosa si ricomincia a fare, quest'anno la neve sarà un po' un problema per molti giri!


bigblue hat gesagt: fortunato il Glisente!
Gesendet am 27. Mai 2014 um 19:34
Ciao Cristina,
questo San Glisente, aveva scelto molto bene il luogo dove contemplare :()))....poterlo fare?......ma subitoooooo!
I tuoi "esperimenti-click".....ottimi, leggendo, credo il posto vi sia piaciuto tanto!
Pia

cristina hat gesagt: RE:fortunato il Glisente!
Gesendet am 28. Mai 2014 um 09:06
Hai voglia contemplare lassù, però sembra sia morto di stenti, non è che ci sia molto da mangiare, manco un orto potrebbe starci!

Una notte o due ce la farei però!

gbal hat gesagt:
Gesendet am 28. Mai 2014 um 20:05
Perchè non hai dato un nome alla "Cima senza nome"? Dopo l'avrebbe avuto!
Non ho visto la tua solita nota km e dislivello. Forse vi siete compassionati e non avete voluto autolesionarvi? Cmq basta visionare la traccia per spaventarsi!
Ti credo che San Glisente è morto lassù; una volta su non ha avuto il coraggio di ridiscendere e di risalirvi.
Bravi "Coppia di Ferro"

Menek hat gesagt:
Gesendet am 30. Mai 2014 um 17:54
Val Camonica mon amour! Lì in Glisente c'è anche il bivacco M. Bassi... bello e solitario!
Ciaooooooooooo
Domenico

cristina hat gesagt: RE:
Gesendet am 3. Juni 2014 um 08:43
Anche questo di San Glisente a solitudine non scherza...e che panorami!

Ciao Cri


Kommentar hinzufügen»