Monte Bigorio (1167 m)


Publiziert von peter86 , 8. Februar 2013 um 17:34. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Schweiz » Tessin » Sottoceneri
Tour Datum: 8 Februar 2013
Wandern Schwierigkeit: T2 - Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: Gruppo San Jorio-Monte Bar   CH-TI 
Zeitbedarf: 4:00
Aufstieg: 650 m
Abstieg: 650 m
Strecke:Bigorio - Convento Santa Maria - Condra - Monte Bigorio - Alpe Moschera - Matro di Stinchè - Cima di Lago - Alpe Santa Maria - Bigorio
Zufahrt zum Ausgangspunkt:A2 uscita Rivera, seguire per Lugano fino a Taverne dove si svolta a sinistra per Tesserete. A Tesserete seguire per Vaglio e quindi per Bigorio

Altra facile escursione nel Luganese, stavolta sul Monte Bigorio, cima di modesta elevazione ma che offre un ottimo panorama sulla zona. Combino con mio fratello, quindi la meta deve essere facile e soprattutto dobbiamo tenerci lontani dalla neve che lui odia.

Lasciata l'auto a Bigorio ci incamminiamo lungo la strada asfaltata seguendo le indicazioni per il Convento, finchè sulla destra si stacca una mulattiera con diverse cappellette, che in breve ci porta al Convento.
Qui seguiamo le chiare indicazioni per Condra, che raggiungiamo con una salita un pò monotona nel bosco di faggi e castagni fino alle case di Sciss e quindi in ambiente più aperto e panoramico (1 h 05).
Molto bello il paesino di Condra, con baite ben tenute e ampi pascoli panoramici.
Dopo essere passati in mezzo alle baite ignoriamo le indicazioni per Matro di Stinchè e proseguiamo dritti, su sentiero ben evidente ma non indicato.
Si esce dal bosco e il panorama si fa sempre più interessante, fino a raggiungere, con un breve taglio nei prati, l'omone di vetta del Monte Bigorio (1 h 30).

Purtroppo il cielo è velato e tira un'arietta non forte, ma gelida, che ci invita a lasciare ben presto la vetta. L'aria comunque è limpida e il panorama non è guastato.
Percorriamo il breve crinale fino alla sottostante Alpe Moschera, dove anzichè prendere il largo sentiero che scende a destra, proseguiamo dritti, appena a destra del crinale, tagliando liberamente i prati innevati.
Con una breve discesa nel bosco di betulle raggiungiamo quindi una stradina sterrata, che imbocchiamo verso sinistra.
Non ci sono cartelli purtroppo, ma la direzione da seguire è abbastanza ovvia. Superate alcune baite la stradina inizia però a scendere, noi decidiamo quindi di tornare sul crinale per raggiungere la cimetta alla nostra sinistra, credo sia il Matro di Stinchè, e la successiva Cima di Lago, sempre tagliando liberamente tra dolci prati innevati e boschi di betulle. In questo tratto vediamo due bellissimi camosci che corrono impauriti tra gli alberi, come sempre troppo veloci per riuscire a fotografarli!
Ci fermiamo a pranzare di fianco al Monumento alla Brigata di Frontiera (2 h 25), appena sotto alla Cima di Lago.

Anche qui però ben presto l'aria gelida ci infastidisce e così riprendiamo la discesa, sempre in libera tra i prati, verso la sottostante Alpe Santa Maria (2 h 45). 
Nei pressi dell'Alpe sbuchiamo su una stradina, di fianco ad una palina segnavia.
Per tornare a Bigorio si può prendere il ben indicato sentiero per Condra, oppure la stradina che prosegue a sinistra del sentiero, che però non presenta alcuna indicazione.
Noi optiamo per la stradina, sapendo che da lì si può tornare a Bigorio.
Percorriamo la stradina per poco più di un km, quindi svoltiamo a destra su un largo sentiero (anche questo senza indicazioni), che attraversando diversi gruppi di baite perde quota lentamente e ci riporta a Bigorio (4 h 00).

Da segnalare che in tutto il tratto dall'Alpe Santa Maria a Bigorio mancano totalmente le indicazioni, il sentiero è sempre larghissimo ma si incontrano alcuni bivi dove si può sbagliare. Noi ci siamo aiutati col GPS sul cellulare di mio fratello, che si è rivelato inaspettatamente utile e preciso (le mappe riportavano anche i sentieri).

Tourengänger: peter86, Ricc


Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (4)


Kommentar hinzufügen

gbal hat gesagt:
Gesendet am 9. Februar 2013 um 15:54
Bravi Pietro & brother
Peccato per l'antipatia che tuo fratello ha per la neve. Vorrà dire che quest'estate ne vedremo delle belle!
Ciao

peter86 hat gesagt: RE:
Gesendet am 9. Februar 2013 um 21:00
Ciao Giulio,
ti ringrazio da parte di entrambi! In realtà neanch'io sono un grande amante della neve, ma una ciaspolata se fatta nel luogo giusto e nella giornata giusta, sa regalare emozioni uniche. Spero che prima o poi anche mio fratello se ne accorga!!
Ciao
Pietro

Poncione hat gesagt:
Gesendet am 9. Februar 2013 um 18:14
Complimenti. Molto bella tutta questa zona nei pressi del Passo Monte Ceneri. Avevo fatto lo stesso itinerario fino al Monte Bigorio (prolungandola sino a Gola di Lago e Monte Bar) qualche anno fa' e mi era davvero piaciuto molto.
Saluti

peter86 hat gesagt: RE:
Gesendet am 9. Februar 2013 um 21:03
Sì una bella zona, che regala sempre bei panorami e che offre tantissimi itinerari. E, cosa non meno importante, è comodissima da raggiungere (da Milano un'oretta di autostrada)!
Ciao
Pietro


Kommentar hinzufügen»