rifugio Griera m.1734 (LC): un posto che ne vale la visita...e il ristoro!


Publiziert von Alberto , 2. März 2012 um 10:37.

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum:26 Februar 2012
Wandern Schwierigkeit: T2 - Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Zeitbedarf: 2:30
Aufstieg: 1023 m
Strecke:Pagnona m.811 - Subiale m.1073 - Bedoleda m.1236 - bivio quota 1330 circa -bivio quota 1430 circa - alpe Vesina m.1431 - bivio quota 1580 - alpe Campo m.1647 - rifugio Griera m.1734 - quota 1835 RITORNO: per la Casniella m.1524
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Milano -Lecco - seguire per Valsassina - Introbio - Primaluna - Cortenova - Taceno - Margno - Casargo - Premana - Pagnona [p ]
Unterkunftmöglichkeiten:rifugio Griera (aperto nei fine settimana,informarsi preventivamente) - bivacco alpe Campo
Kartennummer:Comunità Montana della Valsassina - Valvarrone - Val D' Esino e Rivera / kompass Lago di Como - Lago di Lugano / Parco Orobie Valtellinesi / cns n° 287 Menaggio

 

Le previsioni non danno bel tempo in Valtellina,quindi rinuncio ad una ciaspolata e approfitto per provare gli scarponi che ho fatto risuolare,scegliendo come meta il rifugio Griera,rifugio che dal giorno in cui lo gestisce la mitica Serena Sironi,è frequentatissimo per via dei suoi innumerevoli piatti alle erbe,variegati e abbondanti oltre alle varie torte da eccellenti sapori.

Giunto al bivio situato dopo Introbio,che sale a Premana,un cartello indica "chiusa"...? retromarcia e verifico: ebbene dal 4 febbraio fino alla revoca,causa candelotti di ghiaccio di notevoli dimensioni,che mettono a rischio l'incolumità dei passanti,la strada che collega Pagnona a Tremenico è CHIUSA! Quindi l'idea di percorrere la militare salta,così decido di provare il percorso che parte da Pagnona.

Alle 7,50 parto da Pagnona,dove le indicazioni iniziali sono buone,poi tendono a scarseggiare,non solo,ma in alcuni bivi ci vorrebbe qualche segnaletica in più,sia a vernice che direzionale.

La mulattiera lastricata conduce a Subiale (ore 8,15): una località amena,dove il sole riscalda dal primo mattino tutta la zona,dove probabilmente viene organizzata qualche festa vista l'attrezzatura per cucinare all'esterno.

Proseguo e pervengo a Bedoleda (ore 8,40) dove vi è la possibilità di scegliere il percorso che più ci aggrada per salire al rifugio Griera,dal quale si prosegue per il monte Legnone: scelgo il percorso più lungo che si congiunge con la strada militare che sale da Gallino m.950.

La taglio in due punti,fino ad incrociare a quota 1430 la militare che a sinistra conduce all'alpe Vesina (da qui,avendo la struttura alle spalle,si può salire diritto fino all'alpe Campo e da questa al Griera,riducendo notevolmente in fatto di km.),prendo a destra e giungo a quota 1580 (fontana) dove la segnaletica verticale,indica il percorso che farò al ritorno. Proseguendo lungo la strada giungo all'alpe Campo (ore 10,00 km.11 da Gallino) e poco sopra al rifugio Griera (ore 10,20): alcuni aiutano a portare canestri da 10 litri di acqua,prelevata dalla cisterna che viene alimentata dalla sorgente,purtroppo ora in secca.

Se va avanti così,sarà dura senza acqua e senza neve!

Visto che è presto,proseguo e salgo fino al punto panoramico: la giornata è stupenda,ma il vento è forte,le nubi scorrono veloci e in lontananza si vede qualche nube in più.

Scendo e mi prenoto un posto a tavola: il menù è sostanzioso,piatti prelibati e variegati con fantasie alle erbe locali,oltre al giro torta costituito da varie tipologie di sapori.

Dopo aver mangiato il primo a base di pizzoccheri,già mi sento pieno,poi viene il secondo e con calma riesco a mangiarlo,dopo la dovuta digestione del tutto,viene il momento della scelta sulla torta favorita: il problema è,che si vorrebbe degustare tutti i piatti,ma se qualcuno pensa di salire e trovarli un altra volta...sbaglia.

Serena cambia sempre i menù,è una risorsa di ricette senza limiti.

Il rifugio è pieno e altri arrivano...poi viene offerta una damigianetta all'erba iva,dalla quale si attinge grappa...ma il bradipo ne resta fuori,guardando gli altri che ne apprezzano il sapore.

Vien l'ora di partire,saldo il conto e mi permetto di far assaggiare il mio liquore alla liquirizia a Serena e ad alcuni escursionisti che l'anno apprezzato.

Poi mi incammino e prendo al bivio con fontana,il sentiero diretto,che mi fa arrivare alla località di Casniella,altro punto panoramico che offre la possibilità di sostare.

Proseguo con il solito mio modo tranquillo di andare fino a giungere all'auto,con il sole che mi riscaldava.

Ora penso alla mega colonna che troverò...l'odissea comincia dopo Introbio: decido che il tunnel che taglia fuori Lecco,non era il caso di farlo (l'esperienza insegna),quindi percorro la vecchia provinciale e giunto all'ospedale,seguo le indicazioni per Milano...e m'incasino nella lunga colonna che proviene dalla nuova strada per la Valsassina.

E arrivare all'uscita della galleria ce ne vuole ancora: (consiglio di prendere per Bergamo,in modo tale di entrare in superstrada poco prima del tunnel che traversa il Barro) purtroppo sono stato fregato,ma non volevo esserlo anche successivamente.

File interminabili di auto...la vedo dura...poi,mentre percorro il tratto che si divide: una verso Milano e l'altra verso Como/Erba,penso ai "furbi" (ma il termine appropriato avrebbe un peso e misura più consolo a questi soggetti) che si immettono sulla ciclabile,per poi entrare a Costamasnagae,rallentando tutti ma parecchi chilometri prima.

Quindi decido di prendere la direzione per Erba,ben sapendo che un poco di coda la farò a causa dell'unico semaforo,ma la scelta è stata ottima,giungendo a casa entro l'orario previsto.

NOTA: al rifugio Griera vi è l'assistenza per chi sale in bike,per chi vuole fare l'intero anello,può partire da Dervio,salire al rifugio Griera,bocchetta alta del Legnone,scendere al rifugio Scoggione,prendere per il rifugio alpe Legnone e scendere a Delebio.   Per quanto riguarda i punti d'appoggio: rifugio Griera - Baita del Lago - rifugio Scoggione - rifugio alpe Legnone

Ciao a tutti e alla prossima!


Tourengänger: Alberto

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentar hinzufügen»