Monte Zeda (2156 m) - Pizzo Marona (2051 m)


Publiziert von tapio , 7. November 2010 um 15:21.

Region: Welt » Italien » Piemont
Tour Datum:19 September 2010
Wandern Schwierigkeit: T3 - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Zeitbedarf: 3:15
Aufstieg: 1091 m
Abstieg: 1091 m
Strecke:Cappella Porta - Rif. Pian Cavallone - Cappelletta Pian Cavallone - Forcola - Pizzo Marona - Monte Zeda - ritorno per la stessa via
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Si arriva a Cappella Porta da Verbania, salendo in direzione di Cambiasca, e seguendo a destra la strada della Valle Intrasca. Si sale poi a sinistra per Caprezzo e si prosegue per Pönt. Presso la Cappella Porta, ampio posteggio sterrato (ma non illimitato, da 20 - 25 auto al massimo)

Gita al Monte Zeda via Pizzo Marona dalla Cappella Porta. Da Verbania si sale in direzione di Cambiasca, poi si svolta a destra per la Valle Intrasca, poi a sinistra per Caprezzo e superato l’abitato si sale verso Pönt. Proseguendo, si arriva al termine della strada alla Cappella Porta, dove si lascia l’auto. Ci si incammina sul sentiero che sale diritto (non quello a destra, né la via tagliafuoco a sinistra: quello in mezzo, il più ripido) in un bel bosco di faggi (sentiero-natura, con dei pannelli esplicativi della natura circostante). I tronchi numerati sono 20 (l’ultimo è situato alla fine del bosco, prima della salita finale al Rif. Pian Cavallone). Dopo i primi 5 minuti, la pendenza si addolcisce e il bosco comincia a presentare le prime conifere. Si sale, poi c’è un lungo tratto pianeggiante nel bosco di abeti e poi, dopo la fine del bosco, un’ottima sorgente e il tratto finale un po’ ripido che porta al rifugio Pian Cavallone. Dal rifugio il sentiero si dirige a sinistra verso la cappelletta dove inizia il traverso (nel quale appaiono già le prime catene) che permette di evitare il saliscendi dal Monte Todano. Avvertenza: al mattino molto presto o dopo una giornata piovosa è consigliabile salire e scendere dal Todano piuttosto che questo traverso (nonostante i circa 100 metri  di dislivello prima in salita e poi in discesa), in cui l’erba, che facilmente arriva ad altezza uomo, è sempre bagnata. In un modo o nell’altro si perviene poi alla Forcola (1518 m), da cui si prosegue salendo inizialmente sulla cresta della Cima Cugnacorta (la “Maronina”). Il sentiero si sposta poi sulla destra, sul lato del Colle di Onunchio: anche qui, inizialmente, l’erba alta può dare fastidio, a seconda delle condizioni e della stagione. Si prosegue, ed in qualche punto, per aiutare la marcia sono posizionate delle catene, talvolta un po’ eccessive, certo utili con il bagnato.  L’erba torna poi ad altezza normale, e se si è riusciti a non bagnarsi, da qui in avanti si resterà probabilmente asciutti… Si arriva così ai piedi della “Scala Santa”, una facile ma ripida scalinata, e, superatala, si giunge nei pressi del Passo del Diavolo, uno stretto passaggio a picco sulla Val Marona: niente di difficile, ma indigesto a chi soffre di vertigini. Rimane adesso l’ultima rampa finale ed in breve si arriva sulla cima del Pizzo Marona (2051 m), bellissimo balcone sulla zona centrale del Lago Maggiore. La cappelletta di vetta funge anche da bivacco d’emergenza e permette di stare al calduccio nel caso la giornata lo richieda. A destra si stacca poi il sentiero che con alcuni saliscendi e qualche passaggio attrezzato, con circa 100 metri di dislivello ancora da superare, porta in vetta al Monte Zeda. La vista qui è regale, come da ogni buona piramide che si rispetti e che non abbia, nelle immediate vicinanze, vette (molto) più alte a coprire la visuale. Se si ha tempo, vale la pena fermarsi a gustare il panorama e crogiolarsi al sole: come balcone è davvero perfetto!
Ritorno per la stessa via.

Tourengänger: tapio


Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (2)


Kommentar hinzufügen

gbal hat gesagt: Bravo
Gesendet am 8. November 2010 um 16:52
Una gita che mi è cara avendola fatta diversi anni fa; fu la mia prima esperienza con la Val Grande ed anche il mio primo incontro con una vipera nelle alte erbe che citi. Ricordo la fatica ma anche la grande ricompensa testimoniata dalle tue belle foto.
Ciao
Giulio

tapio hat gesagt: RE:Bravo
Gesendet am 8. November 2010 um 22:12
Anche per me è stata, una decina di anni fa, la prima esperienza con la Val Grande!!! Pensa che la prima volta, arrivato alla Forcola (dopo tutta l'erba che anche quella volta mi aveva inzuppato fino alle ginocchia - ma almeno senza vipere!), senza nessuna esperienza e fidandomi solo delle carte, sono sceso a destra verso Onunchio, invece di salire sulla C.Cugnacorta. Poi, molti metri più in basso, mi sono accorto che qualcosa non andava... Grazie del ricordo Giulio e a presto,
Fabio


Kommentar hinzufügen»